Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

lunedì 27 giugno 2011
La popstar citata in giudizio per i bracciali: avrebbe lucrato sulla vendita


Lady Gaga ora rischia grosso. La pop star è accusata di aver gonfiato i costi di spedizione e trattenuto dei soldi nel ricavato dalla vendita dei suoi braccialetti per la ricostruzione del Giappone dopo lo tsunami.
Ari Kresch e Alyson Oliver, due avvocati del Michigan, hanno infatti deciso di citare in giudizio Lady Gaga rea – a loro dire – di aver lucrato su questa iniziativa benefica. La cantante si sarebbe rifiutata di rivelare quanti soldi sono effettivamente destinati al paese disastrato dallo Tsunami e quanti sono i fondi raccolti in totale dalla vendita di questi braccialetti.

Secondo quanto riporta il sito del network televisivo statunitense Nbc le fascette da polso in plastica, con la scritta “We pray for Japan”, sono in vendita proprio sul sito di Lady Gaga. Il prezzo di ciascuno e’ di 5 dollari, a cui ne vanno aggiunti 3,99 di spese di spedizione e 0,60 di iva. La vendita a scopo di beneficienza era partita benissimo e la pop star in poche settimane aveva già raccolto più di un milione e mezzo di dollari


L’avvocato Alyson Oliver ha dichiarato: “Quando abbiamo cercato di parlare con l’imputata, la risposta che abbiamo avuto e’ stata che una parte del denaro era stata trattenuta, ma non ha rivelato esattamente di che cifra si stava parlando. Quando usi la tua fama e il tuo potere – ha aggiunto Oliver – per spillare soldi alla gente con un pretesto e’ sbagliato”



Il caso verra’ dibattuto alla corte federale del Michigan entro la fine del 2011. I braccialetti sono ancora in vendita e sono diventati un vero e proprio oggetto simbolo negli States, nonostante il procedimento giudiziario e diversi commenti sul sito proprio di Lady Gaga di persone che li hanno acquistati ma non li hanno mai ricevuti.



Condividi su Facebook

2 commenti:

Sabryna ha detto...

strano i gagarini non dicono nulla

gossipparallelo2 ha detto...

Grandissima cretinata....ormai non si sa più cosa dire per infangare un artista intoccabile sotto l'aspetto del talento !

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi