Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

mercoledì 22 giugno 2011
Meno tasse
Una cifra mostruosa: dieci miliardi di euro. È quello che dovremo pagare in più dall'anno prossimo. Grazie alle addizionali locali all'Irpef previste dalle legge sul federalismo. Voluta dalla Lega e fatta propria dal Pdl.
Il numero segreto del federalismo è 10 miliardi di euro. È questo il conto che i cittadini onesti, quelli che pagano le imposte sui redditi, potrebbero ritrovarsi a saldare per garantire quel principio di autonomia delle comunità locali che sta alla base della riforma più importante del governo in carica.
Qui non si tratta di tasse e imposte che già si pagano a Roma e che, con la rivoluzione architettata dai ministri Roberto Calderoli e Giulio Tremonti, verranno almeno in parte dirottate su città, Province e Regioni. I 10 miliardi sono una cosa diversa. Sono il prezzo della libertà. Sono i quattrini che i sindaci e i presidenti delle Regioni potranno chiedere in più alle persone che abitano nei loro municipi, nei loro territori. Per questo si chiamano “addizionali”: sono maggiorazioni che Comuni e Regioni possono introdurre sull'Irpef, l'imposta sui redditi.
Le addizionali, in realtà, esistono già dal 1998. Negli ultimi anni, però, il loro incremento era stato bloccato per legge, facendo storcere il naso agli autonomisti più convinti, al fine di impedire che gli enti locali avessero sul fisco una mano troppo pesante. Con la riforma ormai giunta al dunque gli aumenti sono stati nuovamente autorizzati, in virtù del principio fondamentale che dovrebbe valere per ogni federalismo: il poter godere della libertà di spendere le risorse che gli amministratori hanno il coraggio di chiedere - sotto forma di imposte o di tasse - ai loro elettori. L'autonomia responsabile, come la chiamano gli esperti.
I sindaci che non l'avevano ancora fatto in passato potranno così esigere fino a un tetto massimo dello 0,4 per cento del reddito delle persone fisiche. Da parte loro i governatori regionali potranno invece inasprire il balzello (ma solo a partire dal 2013) con quote variabili fra l'1,4 e il 3 per cento, a seconda delle fasce di reddito dei contribuenti.
Quale sia l'effetto ipotizzabile di questo “liberi tutti” ha provato a calcolarlo l'ufficio studi della Cgia di Mestre, l'associazione degli artigiani e delle piccole imprese della provincia veneziana. Nel 2010 le addizionali regionali in vigore, quelle congelate da tempo, hanno garantito un gettito fiscale di 7,1 miliardi per le casse delle Regioni e di 2,7 miliardi per quelle dei Comuni. Se d'ora in poi sindaci e governatori ricorreranno a questa possibilità nella misura massima consentita, nel 2015 il flusso complessivo delle addizionali salirà a 19,7 miliardi. A regime il grosso andrà sempre ai governatori (16,6 miliardi, più del doppio del livello del 2010), mentre i sindaci dovranno accontentarsi di un semplice ritocco di 400 milioni (fino a 3,1 miliardi).
Queste tabelle sintetizzano quale potrà essere l'effetto per persone con tre diversi livelli di reddito delle due addizionali: comunale e regionale. Un milanese che guadagna 25 mila euro lordi l'anno e che nel 2010 aveva pagato in tutto 263 euro potrà arrivare a 850 nel 2015. Così suddivisi: 100 al sindaco Letizia Moratti, alla quale finora non aveva versato nulla, e 750 al governatore Roberto Formigoni, che fino adesso gli aveva chiesto 263 euro.
Per rimanere agli esempi elaborati dalla Cgia di Mestre, i più fortunati - si fa per dire - sono i cittadini di Roma e Palermo con un reddito di 15 mila euro l'anno. A loro, che già pagano addizionali al top, il federalismo riserva la magra consolazione di chiedere un conto pari a zero, almeno sul fronte delle addizionali Irpef. A Bari, Firenze e Milano, invece, l'opzione di aumentare l'imposta riaperta per sindaci e presidenti regionali potrebbe costare parecchio: oltre mille euro l'anno in più per quei contribuenti che dichiarano un reddito di 50 mila euro.
Questi numeri danno spazio a diverse considerazioni. La prima è che non è fin d'ora scontato che tutti gli amministratori applichino le addizionali previste. Certo, il drastico taglio negli ultimi anni delle risorse distribute da Roma agli enti locali rende l'ipotesi probabile, almeno in molti casi. Chi vorrà farlo, però, dovrà assumersi la responsabilità di chiarire agli elettori quali siano i suoi obiettivi.
fonte:L'Espresso





Condividi su Facebook

1 commenti:

themax ha detto...

Tranquilli... Il "cittadino di Milano" adesso l'addizionale la paga a Pisapia (che già a Roma chiamiamo Pisa-pija tutto)
E poi la pagheranno al prossimo governatore -di sinistra- ma solo tra 4 anni
:D

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi