Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

venerdì 3 giugno 2011

fumaremarijuanaIl fumo di sigaretta è fuori moda, ma l’uso di marijuana è sempre in voga tra gli adolescenti del paese, come anche il maggiore impiego di antidolorifici accanto ad una percezione calante sul rischio prodotto dalle droghe illecite: Sono queste alcune delle risultanze di uno studio federale sulla popolazione studentesca diffuso il 14 dicembre 2009 dal National Institute on Drug Abuse – NIDA.
Mentre alcuni Stati stanno l’approvazione la cd. marijuana medica, e la legalizzazione e la depenalizzazione dei cannabinoidi diventano sempre più presenti nella discussione nazionale, gli adolescenti sembrano più gradirne l’uso.
Il sondaggio nazionale “Monitoring the Future”, è stato condotto dall’Università del Michigan e ha intervistato 47.097 studenti.
E ‘emerso che un quinto degli studenti agli ultimi anni – 20,6 per cento – hanno fatto uso di marijuana nel mese precedente, rispetto al 18,3 per cento registrato nel 2006. Al secondo anno di scuola superiore il fumare spinelli è passato dal 13,8 per cento nel 2008 al 15,9 per cento di quest’anno, statistiche che dovrebbero attirare l’attenzione della nazione.


“Finora, non abbiamo visto alcun drammatico aumento l’uso di marijuana, ma il trend al rialzo degli ultimi due o tre anni si trova in netto contrasto con il costante declino che lo ha preceduto di quasi un decennio,” ha dichiarato Lloyd Johnston, coordinatore dello studio del Michigan, che ha monitora il consumo di droga tra gli adolescenti dal 1975.
“Non solo è in aumento l’uso, ma l’idea di fondo circa il grado di rischio associato con l’uso di marijuana è in calo tra i giovani sempre di più, e il grado in cui gli adolescenti disapprovano l’uso di droga ha recentemente cominciato a diminuire”, ha  detto il prof. Johnston. “I cambiamenti in questi giudizi e atteggiamenti influenzano spesso la diffusione.”
Judy Kreamer, presidente di Educating Voices Inc., una non profit di prevenzione a Naperville, Illinois, ha definito i risultati dell’indagine “molto preoccupanti”, ma non sono una sorpresa dati il tipo di messaggi che gli antiproibizionisti hanno veicolato ai giovani in ultimi anni.
“Oggi, se si guarda la televisione o si ascolta la radio, non si può fare a meno di sentire la gente ridere e raccontare storielle sulla marijuana”, ha detto. “C’è un sacco di informazione sul fatto che sia solo una medicina e non fa così male come l’alcool. Dobbiamo correggere la disinformazione che gira – per il bene dei nostri figli.
“Voglio che la gente capisca che la marijuana è una droga dannosa, e dobbiamo mantenere i nostri figli al sicuro. E ‘ una nostra responsabilità, e una parte di questa richiede che noi educhiamo noi stessi circa i danni connessi con la marijuana e poi trasmettere queste conoscenze ai nostri giovani in modo che possano capire.”
Trale altre evidenze dello studio: l’uso di metanfetamine, il binge drinking e il fumo di sigarette diminuito.
Il numero ragazzi all’ottavo grado che ha riferito di fumare nel mese precedente al sondaggio è sceso dal 19,4 per cento nel 1997 al 6.5 per cento quest’anno. mentre chi è al dodicesimo scende dal 36,5 per cento nel 1997-20,1 per cento nel 2009, segnando il punto “più basso nella storia della rilevazione”.
Il consumo di cocaina è anche in declino, tra i più grandi che scendono dal 4,4 per cento nel 2008 al 3,4 per cento nel 2009, che registrano anche un cambio uno nell’atteggiamento sulla dannosità percepita di allucinogeni come l’LSD, insieme con le anfetamine, i sedativi / barbiturici e l’eroina.”
“Questi ultimi dati confermano che dobbiamo raddoppiare i nostri sforzi per attuare una politica globale, basata su dati concreti per prevenire e curare il consumo di droga”, ha detto Gil Kerlikowske, che dirige l’Office of National Drug Control Policy – ONDCP.
“La costante erosione negli atteggiamenti dei giovani e di comportamento verso l’abuso di sostanze dovrebbe far riflettere tutti i genitori e politici”, ha detto Kerlikowskei alla conferenza presso il National Press Club di Washington.
I ‘ricercatori dell’Università del Michigan hanno notato anche come la percentuale di ragazzi che hanno fatto uso di stupefacenti nel 2009 è aumentata negli ultimi due anni, ma che la percentuale degli studenti che hanno dichiarato di utilizzare droghe diverso dalla marijuana  è in calo.
Gli investigatori hanno detto che è rimasto in questione, tuttavia, che il rischio percepito di uso di droghe come l’ecstasy, LSD e altri inalanti è diminuita, anche se il loro uso segnalati tra gli adolescenti è diminuito.
“Dato il glamour e la reputazione dell’Ecstasy, è facile immaginare a un ritorno presso i bambini più piccoli che entrando nell’adolescenza diventano sempre meno consapevoli della sua pericolosità”, ha aggiunto il prof. Johnston.
“Anche se l’uso di LSD è a livelli molto bassi, allo stato attuale, la percentuale di studenti che ne considerano l’uso come un pericolo è in costante diminuzione, rimuovendo il principale ostacolo alla sperimentazione dobbiamo aspettarci un ritorno della sostanza psichedelica come già è successo in passato”. 
fonte: Osservatorio Droga.it





Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi