Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

lunedì 6 giugno 2011
Novartis qualche tempo fa e Canada Bioniche Life Sciences Inc. oggi parlano di una nuova scoperta
Ne parla, molto polemicamente, Crisis di Blogosfere:
l’annuncio dell’imminente vaccino contro la malefica Escherichia Coli sia arrivato circa un anno PRIMA dell’epidemia che è scoppiata in Europa. Le vie della Provvidenza sono davvero infinite. Come infinita è la gratitudine che dobbiamo nutrire verso la Novartis, che dopo averci salvato tutti dall’epidemia di suina con un tempestivo vaccino, ecco che in quel di Siena nel 4 maggio scorso annuncia di aver identificato antigeni di E.Coli mai scoperti prima (prima della seguente epidemia) e quindi di essere sulla buona strada per produrre il fatidico vaccino.
L’articolo a cui fa riferimento Crisis è di più di un anno fa:


La speranza di un vaccino in grado di proteggere i più piccoli dalla gravissima infezione causata da E. coli viene da una ricerca del team di Rino Rappuoli, Global Head of Vaccines Research di Novartis Vaccines and Diagnostics, che per la prima volta ha messo a confronto tutti i ceppi di E. coli in grado di dare o meno infezioni, facendo uso della genomica, la branca della biologia molecolare che si occupa dello studio del genoma degli organismi viventi. Grazie a questa approfondita analisi, che ha confrontato ceppi batterici patogeni e non, si è arrivati a identificare 230 antigeni presenti esclusivamente nei batteri responsabili di quadri clinici significativi. Questi antigeni sono stati analizzati per la loro capacità di indurre una risposta immunitaria protettiva, cioè stimolare la produzione di anticorpi specifici in grado di proteggere dalla malattia. In questo modo sono stati identificati i nove migliori antigeni in grado di proteggere dai segni e sintomi legati all’infezione da E. coli patogeni
Più interessante è l’articolo di Globe and Mail:
La Canada Bioniche Life Sciences Inc. detiene il brevetto per il primo vaccino contro l’Escherichia coli. Il vaccino, sperimentato sulle mucche, agisce attivando  gli anticorpi che bloccano le proteine ​​secrete dal ceppo di batteri pericolosi mentre tenta di prendere la residenza nella parete intestinale. Poiché i batteri non riescono ad attaccarsi alla parete cellulare, muoiono, invece di riunirsi e moltiplicarsi. La teoria dietro la riduzione dei livelli di E. coli nelle vacche è che riducendo la proliferazione del batterio si ridurrà piano piano anche la moltiplicazione e la curiosità.  I bovini portano un insieme di ceppi di E. coli nel loro tratto intestinale, nessuno dei quali è dannoso per gli animali. Quando poi passano in acqua, sul suolo o sulle colture a causa del letame contaminato, i batteri possono essere raccolti da altri animali e trasferito all’essere umano. DDiversi ceppi sono pericolose e anche mortali per gli esseri umani perché producono tossine Shiga, che innescano sintomi che vanno dalla diarrea alle malattie dei reni, fino all’insufficienza epatica. Tra queste c’è anche l’O157: H7 e il ceppo O104, i più rari, che sono al centro del focolaio epidemiologico partito dalla Germania.




Il Globe ci racconta un po’ di storia del batterio:
Nel 2000, sette persone sono morte e centinaia sono stati contaminati da acqua con O157:. H7 nella piccola cittadina di Walkerton, Ontario, e nel 1993, centinaia si ammalarano e morirono dopo l’emersione di un focolaio dello stesso ceppo nello stato di Washington, causato da hamburger di carne bovina contaminata nei ristoranti Jack in the Box. Altri focolai di essa sono stati segnalati a causa della carne nelle scuole del Galles e degli spinaci freschi in California. Le  aziende alimentari di tutto il mondo hanno fatto enormi investimenti in tecnologie che consentano loro di rilevare l’escherichia coli o perfezionare i loro processi di imballaggio per ridurre i rischi. Trattare il bestiame con un vaccino sarebbe il modo migliore per risolvere gran parte del problema alla fonte.  “Il Canada è chiaramente un leader in questo campo”, ha dichiarato Graeme McRae, presidente di Bioniche, che ha assicurato di aver ricevuto il permesso dal governo canadese a diffondere il vaccino già nel 2008 ed è in attesa del rilascio delle licenze negli Stati Uniti. E ‘stato sviluppato dal microbiologo Brett Finlay della University of British Columbia  per affrontare E. coli O157: H7 e concesso in licenza alla società Bioniche.



Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi