Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

domenica 15 maggio 2011
osama bin laden al qaeda 300x187 Osama, blitz Usa una fiction: hanno portato il cadavere in elicottero
Il Pakistan Observer sostiene che il capo di Al Qaeda sia stato portato ad Abbottabad già cadavere, dopo essere rimasto per anni in una cella frigorifera in Afghanistan
"Osama bin Laden è stato ucciso e congelato anni fa in Afghanistan: il blitz è tutta una montatura della Cia". Lo afferma il Pakistan Observer, citando documenti confidenziali Usa visionati dal suo corrispondente da Washington. Sembra una delle solite leggende post-mortem: ma il Pakistan ha bisogno di scaricare le responsabilità su Abbottabad.
In Pakistan, Osama bin Laden ci sarebbe arrivato già cadavere, con un elicottero statunitense. Ad attenderlo, una cella frigorifera capace di conservare una salma vecchia di anni: stesso modello, ma in miniatura, che la Cia avrebbe tenuto sotto chiave a Bagram, in Afghanistan, almeno dal 2004.
Ma piani messi a punto dalla Cia, si dice ancora sull'Observer, hanno ricostruito la "cattura"di Bin Laden in una località all’interno del Pakistan e la sua "uccisione" al "momento considerato opportuno". "Il cadavere congelato di Osama - si spiega quindi - è stato portato ad Abbottabad in elicottero", dove "un commando ha spruzzato sul suo volto una soluzione somigliante al sangue per simulare una uccisione sul campo".
A corollario della rivelazione, il corrispondente pakistano parla di "operazione eccezionale", con circa 20 velivoli di ultima generazione e fra 40 e 100 uomini. E questo mentre centinaia di uomini e decine di velivoli erano in stato di allerta a Jalalabad (capitale della provincia orientale afghana di Nangahar) e sulla flotta statunitense che incrocia nel Mar Arabico.
L'ipotesi traballa, mancando ovviamente di una qualsiasi prova o riscontro. Ma è interessante perché mostra la strategia di Islamabad di fronte alla crisi diplomatica (e militare) seguita al blitz di Abbottabad. Il Pakistan è stretto tra la minaccia terroristica (le 90 reclute uccise oggi da un kamikaze in un centro di addestramento ne sono la prova) e il nuovo atteggiamento ostile di Washington. La via d'uscita è, per l'Observer, smentire il blitz, negare ogni collusione con bin Laden e (soprattutto) ogni responsabilità agli occhi dei talebani. Come dire, non c'entriamo niente, nè con gli uni nè con gli altri. Ma 10 anni di ambiguità dell'Isi smentiscono clamorosamente queste pretese "innocenze".



Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi