Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta esteri governo economia editoriale scandali fatti e misfatti salute diritti civili mass media giustizia ambiente sanità USA crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi libertà forze dell'ordine scienza censura lavoro cultura berlusconi infanzia animali chiesa centro energia internet mafie riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO notizie europa carceri satira scuola immigrazione eurocrati facebook banche euro grillo renzi manipolazione mediatica pensione bilderberg mondo alimentari signoraggio razzismo manifestazione finanza sovranità monetaria massoneria debito pubblico guerra travaglio Russia disoccupazione tasse militari poteri forti UE ucraina trilaterale geoingegneria parentopoli Grecia germania siria banchieri inquinamento mario monti enrico letta marijuana big pharma napolitano nwo obama vaccini Traditori al governo? agricoltura ogm austerity sondaggio tecnologia Angela Merkel bambini canapa cancro meritocrazia umberto veronesi vaticano armi fini suicidi PD terrorismo BCE clinica degli orrori equitalia privacy video nucleare prodi boston israele ministero della salute sovranità nazionale bancarotta eurogendfor fondatori del sito globalizzazione iene monsanto staminali INPS Putin droga acqua bufala marra matrimoni gay nigel farage nikola tesla politica anatocismo evasione fisco magdi allam moneta pedofilia usura FBI elezioni francia fukushima informatitalia.blogspot.it ricchi società troika Aspen Institute Auriti CIA Giappone adam kadmon africa attentati autismo bavaglio costituzione draghi federico aldrovandi fiscal compact fmi giuseppe uva golpe lega nord nsa petrolio sicilia stamina foundation terremoto Cina Onu assad controinformazione crimea frutta giovanardi goldman sachs imposimato mcdonald mes psichiatria rifiuti rockfeller rothschild sciopero servizi segreti slot machine spagna svendita terra torture turchia violenza Marco Della Luna aldo moro arsenico barnard bonino edward snowden famiglie fed forconi inciucio laura boldrini m5s magistratura nato no muos no tav palestina proteste storia suicidio università vegan virus 11 settembre 9 dicembre Fornero Ilva Muos NASA Svizzera aids alan friedman alimentazione antonio maria rinaldi borghezio carne chernobyl corruzione corte europea diritti uomo delocalizzazione diffamazione disabili ebola educazione elites esercito farmaci gesuiti gheddafi giuliano amato hiv illeciti bancari illuminati india influencer informazione iraq islam islanda latte legge elettorale marò microspia mmt paola musu precariato prelievi forzoso privilegi propaganda prostituzione radioattività salvini sardegna sigaretta elettronica sigonella sindacati sovranità individuale spread stati uniti stefano cucchi taranto ungheria veleni verdura Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL Unione Europea aborto aborto forzato affidamento alluvione amato anonymous anoressia argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio brevetto btp by cambiamento camorra cannabis capitalismo carabinieri casaleggio cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione contestazione controllo mentale corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani davide vannoni dell'utri denaro dentista dentisti denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dittatura dogana domenico scilipoti donne dossier duilio poggiolini ebook egitto elettrosmog eroina eurexit europarlamento fallimento false flag fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giustizia sociale gold hollande ignazio marino ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie maratona mariano ferro marine le pen mario draghi mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra mossad multe musica natura nuovo ordine mondiale obbligazioni ocse oligarchi omofobia oppt orban overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia ricerca riformiamo le banche rigore riserva aurea risveglio coscienze saddam sangue satana schiavi scie chimiche scoperto secessione sert sfratto sisa snowden speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse telefono cellulare teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen trust tsipras twitter universo uranio impoverito uruguay vati vegetariani vessazioni vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

domenica 22 maggio 2011

Si chiama Olivoilà e nell'etichetta promette "un tocco d'Italia". E' diventato uno dei prodotti gastronomici più venduti in Asia, anche via Internet. Ovviamente con il nostro Paese non c'entra nulla: è una bufala incredibile, ma anche un affare gigantesco

La reputazione del nostro paese va forte in Cina, almeno in settori come la moda e l'agroalimentare. A quanto pare, però, lo hanno capito tutti tranne noi italiani. Come nel caso di Olivoilà, l'olio d'oliva più conosciuto in Cina che sta facendo fortuna giocando sulla propria origine.

Visitando il sito ufficiale, l'utente casca subito nella trappola. Nella homepage, infatti, il prodotto si presenta con una scritta inequivocabile: "Extra Virgine Olive Oil - Mild and pure with a touch of Italy", ovvero "Olio extravergine d'oliva - Leggero e puro con un tocco d'Italia". E nelle pagine interne si legge pure "Charming Italy", "Affascinante Italia".

La presentazione ha solo un paio di nei. Le immagini che scorrono sul sito e sul video caricato su Youtube sono fin troppo chiare per chi conosce la Grecia: rappresentano l'isola di Santorini, probabilmente la località di Oia, assicura chi ci è stato. E la musica di sottofondo, l'arpeggio di una chitarra classica, fa pensare più alla Spagna o a un paese sudamericano che al nostro. Per il resto, tutto è costruito intorno all'immagine di un pregiato made in Italy, compresa la "intro" con la voce di Pavarotti.



Ma la realtà è un'altra. Pare che di italiano non ci sia nulla in Olivoilà, un marchio registrato dall'olandese Wilmar Edible Oils B.V., ramo della Wilmar international limited, una multinazionale olandese da 1,32 miliardi di dollari. Non è possibile sapere da dove arrivano le olive utilizzate, ma non c'è alcun dubbio che i ricavi non finiscono in tasche italiane.

E il brand funziona talmente bene che l'anno scorso è stato introdotto anche in Bangladesh. A occuparsene sono state la Bangladesh Edible Oil Limited, una società della Wilmar, e l'indiana Andani Group, distributrice di Olivoilà in India.

Ad aver scoperto che Olivoilà sta ingannando milioni di consumatori asiatici - anche se pare non ci sia nulla di illegale, visto che sull'etichetta si può leggere "confezionato in Cina" - è stato il professor Giuliano Noci, vicedirettore della business school del Politecnico di Milano e prorettore del polo territoriale cinese dell'ateneo. "Si tratta dell'ennesimo esempio di come noi abbiamo ottimi prodotti", sostiene Noci "ma poi siano gli altri a venderli e a fare i soldi sfruttando l'italian sounding".

Secondo lo studioso "bisognerebbe costituire un ente in grado di promuovere iniziative per aggregare e coordinare le diverse unità produttive così frammentate?€š. Questo soggetto, inoltre, si dovrebbe occupare di costituire piattaforme distributive comuni per veicolare i prodotti delle nostre piccole imprese all'estero e dovrebbe avere il supporto delle istituzioni pubbliche.

Complessivamente, il volume d'affari prodotto da società straniere che sfruttano l'italianità nel mondo è pari a circa 60 miliardi di dollari.

Del resto, basti pensare ai casi più noti scoppiati in passato, come quello dei cioccolatini cloni della Ferrero della Maxsweet Foodstuffs, della salsa di pomodoro "italiana" Prego o della "Hunt's Classic Italian Sausage Spaghetti Sauce", prodotte negli Stati Uniti e vendute anche in Cina.

fonte: l’espresso

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi