Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

sabato 7 maggio 2011
La Procura sta entrando nel vivo delle indagini sulla morte in carcere del 19enne incensurato Carmelo Castro di Biancavilla. Il giovane - fu asserito da fonti di piazza Lanza - il 28 marzo 2009 fu trovato impiccato e penzoloni nella cella di isolamento dov'era detenuto da soli quattro giorni.
L'indagine fu archiviata una prima volta, senza che un solo agente di custodia penitenziaria fosse ascoltato dal magistrato, senza che nulla, neanche la cella della morte, fosse sequestrata, senza che si svolgessero approfondimenti di sorta, dando insomma per scontato tutto quello che emergeva dalle "carte" di piazza Lanza. Ora che il caso è stato riaperto (vi sono stati diversi ricorsi e molte ragioni per farlo) si ricomincia davvero da zero.
Si cominciano anche a interrogare le persone informate dei fatti (e la lista è molto lunga, comprendendo, oltre che il personale del carcere, anche i medici e il personale parasanitario che in un modo o nell'altro hanno avuto qualcosa a che fare con questa vicenda). E per la prima volta, dopo tre anni, è saltato fuori un reperto molto importante, che prima d'ora, inspiegabilmente, non era stato mai consegnato alla magistratura: il lenzuolo trovato annodato al collo della vittima. E pare anche che la Procura sia determinata a disporre un'analisi di polizia scientifica per prelevare il Dna e compararlo con quello del ragazzo.

La tardiva consegna del reperto lascia molto perplesso l'avvocato Vito Pirrone - che assiste i familiari di Castro - il quale a questo punto reclama a gran voce che l'amministrazione di piazza Lanza consegni pure i filmati relativi al "traffico" che si è svolto nel corridoio dove si affacciava la cella di Castro. Si vuole insomma sapere chi ha visto per l'ultima volta Carmelo vivo: sono stati gli agenti penitenziari o piuttosto i detenuti addetti alla distribuzione del pasto?
Di certo si sa che il ragazzo, dopo aver fatto i nomi dei correi di una rapina aveva paura di rappresaglie e rinunciava anche all'ora d'aria. Inoltre Carmelo era in regime di grandissima sorveglianza (e fu perso di vista dal personale del carcere per circa tre ore) e si dubita che egli possa essersi effettivamente suicidato: egli era alto 1,75 ed il letto a castello al quale dicono si sia impiccato non supera il metro e 60.

fonte: La Sicilia



Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi