Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

martedì 10 maggio 2011

fuga di cervelli e1304938289225 Italians   Emigrare dallItalia oggi, una fuga di cervelliDall'Italia negli ultimi 10 anni sono emigrate più di 600mila persone, moltissimi laureati. Pochi hanno fatto ritorno a casa
Immigrati. Solo la parola fa tremare una buona fetta di italiani aizzati da certi partiti che hanno fatto del fenomeno uno dei “problemi” dell'Italia. Ma l'altro problema (più serio), l'emigrazione, non viene mai affrontato. Non un'intervista ai tg, non una parola nelle trasmissioni di approfondimento. Eppure il 70% dei giovani che ha lasciato l'Italia dal 2000 ad oggi è laureato. “Quattro gatti”, dirà qualcuno. In realtà si tratta di una vera e propria “fuga di cervelli” che costa allo stato miliardi di euro.
L'Italia, nel 2010 “è ancora un paese di emigrazione”. Lo sostiene il rapporto annuale stilato dalla Fondazione Migrantes sugli italiani nel mondo. I cittadini italiani iscritti all'anagrafe dei residenti all'estero sono il 6,7% della popolazione totale residente in Italia. Nel giro di un anno, cioè dal 2009 al 2010 i concittadini residenti fuori dal nostro Paese sono 113mila in più. E 4 anni fa erano addirittura 1 milione in meno.


Dal 2000 ad oggi è difficile capire, attraverso i dati ufficiali, la “qualità di questa emigrazione”. Incrociando i dati provenienti dall’Anagrafe Italiani Residenti Estero (Aire) con alcuni sondaggi, risulta che circa 60mila i giovani “under 40” che lasciano l’Italia ogni anno. Secondo i dati ufficiali dell'Aire, l'emigrazione ha riguardato quasi 317mila giovani, circa 30mila l'anno. Dai sondaggi, invece, è emerso che il fenomeno è molto più ampio anche perché solo la metà degli emigrati si iscrive all’Aire (anche se l’iscrizione è obbligatoria). Questi dati sono anche confermati dalla recente ricerca di Confimpreseitalia, che ha stimato proprio in 60mila i giovani emigranti, ogni anno. Di questi, secondo Confimprese italia, il 70% ha la laurea. Si tratta di capitale umano qualificato che lascia l'Italia, dopo che l'Italia ha speso per loro in formazione.Ingrati? Non si tratta di ingratitudine ma di incapacità del sistema di trovare per loro il giusto spazio e l'equa retribuzione. Un ingegnere neo assunto in Italia guadagna 1.200 euro o poco più. All'estero, in Germania, in Spagna o negli Usa, per esempio, guadagna tra i 1.800 e i 2.500 al mese.
L'aspetto più preoccupante è certamente l'incremento dell'emigrazione qualificata negli ultimi anni. Mentre dati sul 2010 attendono altri riscontri, già nel 2009, secondo l'Istat, il numero degli emigrati rispetto al 2008 è aumentato di ben 20mila unità, attestandosi ad 80.597 cancellati dall’anagrafe per espatrio. Un incremento dopo anni in cui la quota oscillava tra i 50 e i 60mila ogni anno. I dati Istat si riferiscono a tutti gli emigranti, giovani e non: è però plausibile supporre che l’età di chi emigra oggi sia giovane e soprattutto con una laurea. E quando poi provano a rientrare in Italia con un curriculum internazionale di tutto rispetto si trovano le porte chiuse.





Condividi su Facebook

1 commenti:

FSRBSA McMutton (Haggis) ha detto...

Provo profondo sconforto nell'apprendere tali notizie non solo solo per motivazioni sentimentali che ci si potrebbero aspettare da un italiano che non riesce ad andare fiero del proprio paese.
Ad un attento calcolo economico, infatti, il prendere coscienza su quanto pesi sui bilanci dello Stato, e quindi sui cittadini, l'educazione di un individuo che, potenzialmente, darà gratuitamente i suoi frutti ad un altro Paese, mi fa sprofondare nella disperazione.
Mi permetto di postare un'analisi pertinente dal mio blog, dal titolo
Intelletto italiano: un nobile clochard.
Spero sia di vostro gradimento.
Grazie
http://haidaspicciare.blogspot.com/2011/05/intelletto-italiano-un-nobile-clochard.html

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi