Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

martedì 31 maggio 2011
Da mesi, in tv e sui giornali, ci rimbambiscono quotidianamente con la  “macchina del fango”, una definizione utilizzata per sminuire e liquidare qualsiasi inchiesta o notizia sgradita all’opposizione e ai suoi cantori. La variante è il “trattamento Boffo”, etichetta che serve allo stesso scopo ma per essere adoperata abbisogna di un surplus di mistificazione: straordinario, nello specifico, lo scrittore Roberto Saviano che ha disinvoltamente derubricato il reato di molestie in “una telefonata a una persona che non voleva essere disturbata”.

Forse è arrivato il momento di parlare di un altro “trattamento”, di cui abusano gli stessi che strillano contro la macchina del fango. Consiste nel manipolare la realtà raccontando solo una parte della storia. Per esempio, di un processo si riferisce con dovizia di particolari l’accusa, omettendo la difesa e, se non coincidente con i propri scopi, persino la sentenza. Potremmo chiamarlo “metodo Travaglio”, dal nome di uno dei suoi più illustri epigoni. Il quale ieri, sul Fatto, si è prodotto in un editoriale che si presta magnificamente a illustrare l’operazione truffaldina.



La spalla di Michele Santoro si è occupata della polemica sul libro di Massimo Fini, Il Mullah Omar: un dibattito di cui i lettori di Libero sanno tutto, ma che è pressoché ignoto agli acquirenti di altri quotidiani, compresi quelli del Fatto visto che il giornale di cui Travaglio è vicedirettore ha accuratamente seppellito in penultima pagina l’unico intervento sulla vicenda sinora pubblicato (quello del medesimo Massimo Fini, collaboratore della testata).

Ora improvvisamente la diatriba viene portata in prima pagina? Ma come? E perché? Presto detto: per mettere un po’ di sterco in circolazione. Travaglio scrive della denuncia alla magistratura fatta da Maria Giovanna Maglie nei confronti del libro di Fini, accusato di apologia di terrorismo, sottolinea come la Maglie sia un’opinionista di Libero e aggiunge tra parentesi accanto alla nostra testata un “ah ah” che starebbe a simboleggiare l’irrefrenabile ilarità che lo prende accostando il termine “libero” al giornale che state sfogliando (che volete, bisogna compatirlo: crede di essere ironico…). Dopodiché lo spiritosone riporta ampi stralci del pezzo pubblicato il 13 aprile in cui la Maglie spiegava la sua iniziativa contro Massimo Fini, si indigna, prova a fare un po’ di sarcasmo, infine se la prende con la lettera della deputata Souad Sbai pubblicata “sempre su Libero (ah ah)”. Tutto falso? No. Eppure l’articolo porta lontanissimo dal vero.

Già, perché l’aedo delle procure, il depositario della virtù, l’uomo che ogni giovedì ci fa la morale in prima serata tv omette semplicemente di dire che sull’argomento Libero è intervenuto anche con un pezzo di Francesco Borgonovo (12 aprile) e un editoriale del direttore Vittorio Feltri (14 aprile) molto critici verso la Maglie e la Sbai, definite addirittura “talebane” per il proposito di trascinare il libro di Massimo Fini in tribunale. Inoltre sul nostro giornale lo stesso Fini ha avuto spazio e modo di esporre il suo punto di vista in ben tre occasioni: 9, 12 e  14 aprile.

Facile no? Si nasconde una parte della storia (la più importante), si fa passare Libero come complice di un’operazione illiberale e si invita il lettore a sghignazzare sul nostro giornale. Un lettore al quale, per inciso, anziché il “fatto” promesso nella testata si è venduta solo un’opinione avariata. È il metodo Travaglio. E non c’è niente da ridere.

fonte: Libero-news



Condividi su Facebook

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Scritto da un giornale militante di destra, non mi sorprende. Basta leggere la prima pagina di quel giornale, ogni giorno, per capire che razza di giornalismo becero da "Oceania" di 1984 si celi dietro quella testata.

Anonimo ha detto...

Ma quand'è che i giornalisti smetteranno di fare gli opinionisti e torneranno a fare i giornalisti? a raccontare i fatti sena aggiunte ne voglia di dare opinioni?

Anonimo ha detto...

All'anonimo sopra:penso che tu non sia differente ne dal giornale,ne da travaglio,c'è chi è di destra e chi è di sinistra,ognuno con le sue bugie o con le sue verità,in tutto questo i poveri creduloni attaccati al nostro colore politico,siamo noi...Apriamo gli occhi

Anonimo ha detto...

Travaglio è un grande giornalista
Libero fa propio ridere è la verità
discorso chiuso....

Anonimo ha detto...

Libero racconta solo menzogne e callunnie condite con pò di verità!
Libero vuole censurare tutti coloro che non sono di destra e che non sono rincoglioniti da 20 anni di governi Berlusconiani !

Anonimo ha detto...

Amo questo blog proprio perché unisce pareri fortemente contrastanti senza farli annullare tra di loro, dando la maggiore libertà d'informazione possibile.

Sebbene fatichi a credere ad un quotidiano come Libero, è sempre giusto sentire opinioni diverse dalle proprie, è l'unica via per la completa libertà di pensiero. Bravi, continuate così! :D

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi