Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

lunedì 23 maggio 2011


L’assistente di polizia penitenziaria Bruno Mastrogiacomo testimonia al processo per la morte di Stefano
Quando Stefano Cucchi, dopo la convalida del suo arresto per droga, entro’ in carcere a Regina Coeli, disse all’agente dell’ufficio casellario della struttura penitenziaria ‘che lo avevano arrestato per droga e che era stato menato all’atto dell’arresto’.
La prima volta disse ‘che era stato picchiato dai carabinieri’; in un secondo momento sottolineo’ solo che ‘era accaduto all’atto dell’arresto’, senza andare oltre. Lo ha detto l’assistente della polizia penitenziaria Bruno Mastrogiacomo, sentito come testimone al processo per la morte di Cucchi avvenuta una settimana dopo quell’arresto. ’Cucchi mi disse – ha aggiunto Mastrogiacomo – che fino a quando, durante il suo arresto, era stato in piedi, era riuscito a parare qualche colpo; poi non piu”. L’agente, sollecitato con domande sui tratti somatici e sulle movenze di Cucchi quando lo vide, ha precisato che ‘era violaceo in viso, tumefatto, rossastro sotto gli occhi, ma non so dire se erano lividi.


Tant’e’ che mi venne spontaneo chiedergli ‘Ma hai fatto un frontale con un treno?’. Poi, aveva un segno rosso all’altezza dell’osso sacro. Camminava a fatica, trascinava un po’ la gamba e non poteva stare seduto’. Un’altra frase di Cucchi e’ rimasta impressa alle forze dell’ordine. Portato con urgenza al pronto soccorso del ‘Fatebenefratelli’ due giorni dopo l’arresto, nel lamentarsi per dolori alla schiena, disse all’agente Mauro Cantone: ‘I servitori dello Stato mi hanno fatto questo. Lo diro’ al mio avvocato’. Dal ‘Fatebenefratelli’ fu poi portato al reparto detenuti del ‘Pertini’. E, secondo Cantone, li’, all’agente della penitenziaria che lo accolse, Cucchi disse ‘Accetto il ricovero, accetto tutto; basta che mi fate parlare con il mio avvocato’.
fonte: ansa





Condividi su Facebook

2 commenti:

Anonimo ha detto...

nessuno puo' uccidere nessuno, questa è la mia premessa, però voglio puntualizzare che stefano cucchi era una persona molto violenta e arrogante.

Anonimo ha detto...

...I Morti Riposano In Pace!
chiudi la bocca grazie

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi