Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura


Servono 1.000.000 di firme per mettere renzi e soci con le spalle al muro, con una legge di iniziativa popolare. Il comitato promotore ha raccolto 850.000 firme, tra web e dal vivo, i media non ne parlano e non ne parleranno, per evitare imbarazzi a Renzi, che sarebbe in difficoltà a dire NO alla cancellazione del vitalizio a corrotti, mafiosi e affini... vogliamo continuare a dire "tanto non cambia niente" - "tanto non serve a niente" o ci iniziamo a muovere per ottenere ciò che esigiamo? Una semplice firma conta più di quanto sembra. Grazie ai referendum non ci hanno imposto il nucleare, anche se c'è da dire che quello sull'acqua è stato disatteso... e più ne disattenderanno, più la gente aprirà gli occhi... calano i consensi e convincere la gente è sempre più difficile per loro... FIRMATE!!!
giovedì 7 aprile 2011
È scontro tra il ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini e la scuola elementare Roberto D'Azeglio di Torino dove la preside ha chiesto un contributo di cinquanta euro ai genitori dei bambini per garantire lo svolgimento di alcune attività didattiche.

Secondo la Gelmini, infatti, la richiesta di soldi alle famiglie degli studenti «è una forma per criticarci, per far passare il messaggio che noi affamiamo la scuola e per costringere le famiglie a pagare».
Ma per il ministro la riforma non avrebbe tolto fondi alla scuola pubblica. Anzi. «Le risorse ci sono e sono sufficienti» e se proprio si deve dare la colpa a qualcuno, spiega la Gelmini, meglio prendersela con i presidi e con i precedenti governi. «Alcuni dirigenti scolastici sanno amministrare bene, altri no e cercano di incolpare noi per le mancanze. La storia dei tagli all'istruzione inizia nel 2007 quando il ministro dell'allora governo Prodi era Fioroni». Insomma, il ministro Gelmini si dice sicura della validità della sua riforma, mentre sempre più scuole sono agonizzanti.

fonte



Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi