Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

sabato 16 aprile 2011

Gli scatoloni sono arrivati e l'ordine è tassativo: distribuire un calendario ad ogni bambino, dalla prima elementare alla quinta, e poi anche alle medie. Una bella iniziativa nelle nostre scuole. Tutte le scuole del Trentino. Peccato che il calendario sia quello della Nato, con un bel blindato armato di mitragliatrice che sfreccia nel deserto sabbioso dell'Afghanistan. E a corredo della foto di copertina, la scritta (solo in inglese) «Isaf - Regional Command West - Afghanistan».

«Non potevo credere ai miei occhi - ci dice una maestra trentina indignata - quando è entrato il bidello con uno scatolone ed ha cominciato a mettere sui banchi questo materiale. Ho chiesto cosa fosse, e la generica risposta è stata che bisognava distribuirne uno a testa».

La maestra ha voluto vederci chiaro: «È materiale di propaganda di guerra. Qualcuno la chiama operazione di pace, qualcuno la definisce missione, per me è guerra e i numerosi soldati italiani morti in missione in Afghanistan secondo me lo dimostrano chiaramente. Se persino i nostri ministri dicono che sarebbe ora di riportare i nostri soldati a casa, di chi è la decisione di distribuire questa propaganda bellica ai bambini, magari di sei o sette anni?». La maestra è naturalmente preoccupata: «All'interno ci sono fotografie scattate in Afghanistan di nostri soldati insieme a bambini del posto. Ai miei alunni il calendario è piaciuto, presenta soldati con il mitra e la mimetica da combattimento in mezzo a bambini della loro età. In un clima idilliaco, ci sono blindati e giocattoli, mitragliatori e medici caritatevoli, ma nessuno viene a spiegare ai nostri alunni che cosa sia la guerra e che cosa ci stiamo a fare in quei paesi, da anni, con mezzi di combattimento, aerei e elicotteri da attacco».

Da "L'Adige.it"



Condividi su Facebook

1 commenti:

geco_22 ha detto...

pazzesco! io sono di Ala (trentino sud) ma mia sorella, delle elementari, non ha ricevuto nessun calendario. Si può controllare se magari si intende soltanto Trento, invece che tutto il Trentino?

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi