Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta editoriale governo esteri economia scandali fatti e misfatti salute diritti civili mass media giustizia ambiente USA sanità crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi forze dell'ordine scienza libertà censura lavoro cultura animali infanzia berlusconi chiesa centro energia internet mafie europa riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO notizie banche carceri eurocrati satira immigrazione renzi scuola facebook euro grillo manipolazione mediatica guerra bilderberg pensione mondo signoraggio alimentari massoneria Russia poteri forti sovranità monetaria razzismo manifestazione finanza debito pubblico tasse israele siria disoccupazione UE ucraina travaglio agricoltura marijuana militari banchieri mario monti trilaterale califfo canapa germania geoingegneria ISIS terrorismo Grecia bambini obama vaticano Traditori al governo? big pharma inquinamento ogm palestina parentopoli napolitano enrico letta cancro vaccini tecnologia PD nwo equitalia Angela Merkel BCE armi austerity sondaggio umberto veronesi meritocrazia suicidi fini nucleare cannabis m5s magdi allam ministero della salute privacy video assad clinica degli orrori eurogendfor Putin informatitalia.blogspot.it marra sovranità nazionale staminali CIA bancarotta boston bufala droga monsanto prodi INPS elezioni fondatori del sito globalizzazione iene iraq politica troika evasione matrimoni gay nigel farage acqua anatocismo nikola tesla società usura 11 settembre diritti draghi fisco fmi fukushima golpe moneta pedofilia rothschild stamina foundation Aspen Institute FBI Giappone Onu africa alimentazione francia imposimato nsa ricchi terremoto torture Auriti Marco Della Luna adam kadmon aids attentati autismo bavaglio costituzione federico aldrovandi fiscal compact giuseppe uva lega nord nato petrolio roma servizi segreti sicilia slot machine sovranità individuale Cina Fornero Unione Europea borghezio casaleggio controinformazione corruzione crimea famiglie fed forconi giovanardi giustizia sociale goldman sachs influencer islam mario draghi mcdonald mes mossad pecoraro scanio propaganda proteste psichiatria rifiuti rockfeller sciopero spagna storia suicidio svendita terra turchia violenza virus aldo moro arsenico barnard bonino carne chico forti dittatura edward snowden elites false flag frutta inciucio india laura boldrini magistratura marine le pen no muos no tav nuovo ordine mondiale precariato prelievi forzoso privilegi prostituzione università vegan 9 dicembre Ilva Muos NASA Svizzera alan friedman alluvione chernobyl corte europea diritti uomo delocalizzazione dentisti diffamazione disabili donne ebola educazione elettrosmog esercito europarlamento farmaci gesuiti gheddafi hiv ignazio marino illeciti bancari illuminati informazione islanda latte legge elettorale marò microspia mmt ocse paola musu pensioni radioattività ricerca riserva aurea salvini sardegna sigaretta elettronica sigonella sindacati spread stati uniti stefano cucchi taranto telefono cellulare truffe online ungheria vegetariani veleni Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL aborto aborto forzato affidamento amato anonymous anoressia antonio maria rinaldi argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio boldrini brevetto btp by calcio cambiamento camorra carabinieri cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione contestazione controllo mentale corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani david icke davide vannoni degrado dell'utri denaro dentista denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dogana domenico scilipoti dossier duilio poggiolini ebook egitto eroina etica eurexit fallimento fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giuliano amato gold hollande ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie malta maratona mariano ferro mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra multe musica natura obbligazioni oligarchi omofobia oppt orban overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi phishing pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia riformiamo le banche rigore risveglio coscienze saddam sangue satana schiavi scie chimiche scippatori scoperto secessione senzatetto sert sfratto sisa snowden spammer speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen troll trust tsipras turismo twitter universo uranio impoverito uruguay vati verdura vessazioni veterinario bravo roma veterinario gianicolense vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

sabato 30 aprile 2011
Rompere il muro di silenzio imposto dalle autorità militari statunitensi è impossibile, ma è probabilissimo che mercoledì 27 aprile nella base militare di Sigonella si sia sfiorata, ancora una volta, la tragedia. 

Alle ore 11,35 circa, durante la fase di atterraggio, un cacciabombardiere F-16 è uscito di pista e il pilota si è salvato lanciandosi con un paracadute un attimo prima dell’impatto del velivolo con il terreno.

A seguito dell’incidente è stata ordinata la chiusura dello scalo e i velivoli impegnati nelle operazioni di guerra alla Libia sono stati dirottati sull’aeroporto di Trapani-Birgi. Il comando NATO si è rifiutato di divulgare la nazionalità del caccia, anche se ha riconosciuto trattarsi di un mezzo “di un paese non aderente all’Alleanza atlantica che tuttavia sta supportando la missione Unified Protector”. Il mistero è stato rivelato dall’agenzia France-Press: l’F-16 appartiene all’Al-Imarat al-‘Arabiyya al-Muttahida, l’aeronautica militare degli Emirati Arabi Uniti ed era decollato qualche ora prima da un aeroporto greco. L’aereo è uno dei dodici cacciabombardieri (sei F-16 e sei “Mirage”) che gli Emirati hanno trasferito il 27 marzo scorso nell’aeroporto sardo di Decimomannu per partecipare con la “coalizione dei volenterosi” a guida NATO ai bombardamenti contro le forze armate filo-Gheddafi.

In forza allo Stormo caccia della base aerea di Al Dhafra, l’F-16 “Desert Falcon” è configurato nella versione monoposto “E”, prodotta in esclusiva per gli Emirati Arabi: con un radar AN/APG-80 che fornisce la capacità di tracciare e distruggere simultaneamente bersagli aerei, il velivolo è armato di missili AIM-132 ASRAAM ed AGM-84E SLAM. Per lo sviluppo di questi sofisticatissimi strumenti di morte, gli emiri hanno sborsato più di 3 miliardi di dollari. Il loro battesimo di fuoco risale all’agosto 2009: insieme ai bombardieri strategici dell’US Air Force e ai caccia AMX del 51° Stormo di Istrana e dal 32° Stormo di Amendola dell’AMI, furono eseguiti combattimenti aerei e veri e propri bombardamenti nei vasti poligoni desertici prossimi alla base statunitense di Nellis, Las Vegas.


Quello del 27 aprile è solo l’ultimo di una lunga lista d’incidenti che hanno interessato i velivoli militari schierati sullo salo siciliano di Sigonella. Il 17 febbraio 2005, un elicottero da trasporto MH-53 “Sea Dragon” assegnato all’Helicopter Support Squadron 4 della US Navy, si schiantò su una delle piste durante un addestramento all’interno della base. I quattro membri dell’equipaggio riportarono gravi ferite e furono ricoverati d’urgenza in ospedale. Meno di un anno prima, il 27 agosto 2004, all’interno di un altro elicottero MH-53E si sviluppò un incendio mentre era parcheggiato nella stazione di rifornimento idrico di Sigonella. Il velivolo era rientrato da una missione di volo; gli uomini dell’equipaggio fuggirono miracolosamente  dalle fiamme riportando però gravi ustioni e furono costretti al ricovero presso il reparto di rianimazione dell’ospedale Garibaldi di Catania.

Si era concluso tragicamente invece l’incidente capitato il 16 luglio 2003 ad un terzo elicottero da trasporto dello Squadrone HC-4: nell’impatto del velivolo con un terreno nei pressi di un distributore di benzina fuori il centro abitato di Ramacca (Catania), persero la vita quattro marines USA. Secondo un testimone oculare, prima di precipitare al suolo il mezzo militare avrebbe tentato senza successo di atterrare presso un invaso per irrigazione. Attorno ai resti del velivolo fu creato un vero e proprio cordone sanitario: le autorità statunitensi vietarono ai Vigili del fuoco e ai Carabinieri di avvicinarsi alla zona d’impatto e a domare le fiamme e transennare l’area intervenne solo una squadra specializzata della US Navy. Alcuni testimoni oculari denunciarono la presenza tra i soccorritori di una unità di controllo per l’inquinamento chimico e batteriologico. Il rapporto ufficiale della marina militare statunitense affermò che a causare l’incidente era stato un incendio scoppiato nel vano motore n. 2 dell’elicottero “a causa del danneggiamento di un bullone An3”. “Altri fattori che potrebbero aver causato lo schianto – si legge ancora nel report – i forti venti e il mancato coordinamento tra la cabina di pilotaggio e il resto dell’equipaggio. Il pilota non riuscì inoltre ad accrescere la potenza per arrestare la discesa dell’elicottero prima dell’impatto”. L’inchiesta accertò però che gli incendi ai motori dell’MH-53 erano tutt’altro che un evento raro. Il 27 giugno 2002, durante un atterraggio a Sigonella, forse proprio per le fiamme sviluppatesi accidentalmente a bordo, un quarto MH-53E dell’Helicopter Support Squadron 4 si era schiantato sulla pista: l’elicottero andò interamente distrutto ma l’equipaggio se la cavò con qualche lieve ferita.

Il 5 luglio 1990 fu la volta di un cacciaintercettore F-104 del 4° Stormo dell’Aeronautica militare italiana a precipitare nelle vicinanze della città di Caltagirone (Catania), subito dopo il decollo dalla base di Sigonella. Il pilota, Sergio Scalmana di 30 anni, morì sul colpo. Il caccia si era levato in volo insieme ad un altro F-104 per un’esercitazione sul Canale di Sicilia, quando improvvisamente il capitano Scalmana comunicò alla torre di controllo di avere noie al motore e di essere in procinto di tentare un atterraggio di emergenza sulla Statale 417 Catania-Gela. Il pilota perdeva però il controllo del mezzo che si schiantava in aperta campagna, prendendo fuoco.

Ancora più dietro negli anni, tra gli incidenti ai velivoli della stazione aeronavale siciliana, si ricorda quello avvenuto il 19 novembre 1998 ad un elicottero CH-46 “Sea Knight”, precipitato per cause ignote al largo di Riposto, cittadina ad una trentina di chilometri a nord di Catania. Quattro le vittime. Anche stavolta i militari USA invitarono con un messaggio scritto Carabinieri, Marina militare e Guardia costiera italiana “a non prestare assistenza” al velivolo scomparso in mare, “perché autonomi”.

Gravissimi i rischi di dispersione nell’ambiente di radioattività ed altri agenti inquinanti in occasione di due incidenti verificatisi nella seconda metà degli anni ottanta nella baia di Augusta (Siracusa), utilizzata per gli scali delle unità navali e dei sottomarini a propulsione nucleare USA e NATO. Il primo avvenne l’1 aprile 1986, quando a bordo della portaerei “USS America”, ormeggiata in rada, un caccia si scontrò con un elicottero presumibilmente del tipo SH-3H “Sea King”. Le autorità si rifiutarono di fornire le dinamiche dell’incidente ma ammisero che per i danni subiti l’elicottero fu trasportato alla base di Sigonella per essere sottoposto a complesse riparazioni. Il “Sea King”, utilizzato dalla US Navy per la guerra sottomarina, al tempo era adibito al trasporto di testate nucleari di profondità del tipo B57, con una potenza distruttiva variabile dal mezzo kiloton ai 20 kiloton.

Il 22 aprile 1988 un altro elicottero CH-46 si schiantò sul ponte di volo della nave munizioni “USS Mount Baker” durante le operazioni di rifornimento presso il pontile NATO di Augusta. Restò ferito un operaio italiano che stava effettuando sull’unità statunitense dei lavori di manutenzione. La “Mount Baker”, utilizzata al trasporto di carburante e altri materiali infiammabili, era pure adibita allo stoccaggio di testate (convenzionali e nucleari) destinate alle imbarcazioni e ai velivoli d’attacco della marina militare USA. Anche in questo caso le indagini furono precluse all’autorità giudiziaria italiana.
Ventisei anni fa, il 12 luglio 1984, un’identica impenetrabile cortina fu innalzata attorno ai resti del quadrigetto C141B “Starlifter” dell’US Air Force precipitato in contrada Biviere, nel comune di Lentini, Siracusa (nell’incidente morirono i nove militari a bordo). Ancora una volta i militari statunitensi di Sigonella vietarono il soccorso ai mezzi locali e impedirono con la forza che giornalisti e fotoreporter si avvicinassero all’area. “Sentii improvvisamente il rumore di un aereo che volava a bassa quota”, ha raccontato un residente di contrada Biviere. “Presi la macchina fotografica e riuscii a scattare qualche fotogramma appena qualche secondo dopo l’assordante boato. Nel breve volgere di alcuni minuti giunsero i mezzi di soccorso americani. Ricordo che da un automezzo dei pompieri, forse per il forte calore che emanavano i resti del velivolo, esplose un serbatoio contenente una sostanza schiumosa investendo un po’ tutti quelli che erano accorsi. Un militare americano, armato di un grosso fucile a pompa, accortosi che io stavo scattando delle foto, si avventò verso di me tentando di strapparmi dalle mani la macchina fotografica. Non vi riuscì perché ebbi il tempo di scappare”. Massimo fu il riserbo sul carico trasportato dal velivolo e il segreto militare fu esteso pure alle cause di incidente. Per una quarantina di giorni, la strada statale 194 che collega Catania a Ragusa fu interdetta al traffico veicolare.

Solo a seguito di uno studio del colonnello dell’US Air Force Paul M. Hansen sugli incidenti con oggetto i C141B (ottobre 2004), la Flight Safety Foundation di Washington ha pubblicato sul proprio data base una scheda descrittiva di quanto accaduto a Lentini. La fondazione segnala che la destinazione del volo era la base aeronavale di Diego Garcia, Oceano indiano. “Immediatamente dopo il decollo da Sigonella – si legge nella scheda della Flight Safety Foundation – il motore n. 3 del velivolo accusava una grave avaria. Il motore iniziava ad emettere dei rottami che causavano il danneggiamento del motore n. 4. I rottami entravano pure all’interno del compartimento di cargo, incendiando un pallet contenente vernici. L’incendio alle merci trasportate produceva uno spesso fumo velenoso che rendeva il controllo visivo dell’aereo estremamente difficoltoso. L’aereo finiva su un ripido terrapieno ed esplodeva ad appena 198 secondi dal decollo. Gli esami tossicologici effettuati dopo l’incidente indicavano che i membri dell’equipaggio avevano ricevuto potenzialmente livelli fatali di cianuro dal fumo assorbito prima dell’impatto”.

Sono dovuti trascorre più di vent’anni perché sull’incidente aereo di Lentini venisse aperta un’inchiesta da parte della Procura delal Repubblica di Siracusa. L’avvocato Santi Terranova, legale dell’Associazione per bambini leucemici “Manuela e Michele”, ha chiesto di accertare le cause dell’altissimo tasso di malformazioni congenite e dell’anomalo aumento di patologie leucemiche, tumori al cervello e alla tiroide, registrati tra il 1992 e il 1995 nel comprensorio dei comuni di Lentini, Carlentini e Francofonte. Secondo il Registro Tumori della Usl di Siracusa, infatti, il tasso di mortalità in quest’area è tre volte maggiore che nel resto d'Italia. A legare la vicenda del C-141B e lo sviluppo delle patologie oncologiche, l’ipotesi che a bordo del velivolo USA ci fosse un carico di centinaia di chili di uranio impoverito, utilizzato come contrappeso. Secondo il professore Elio Insirello, biologo dell’Istituto di Ricerca Medica e Ambientale di Acireale (Catania) e docente di genetica molecolare all’Università di Messina, esisterebbero “chiare correlazioni tra la presenza di uranio impoverito nell’aereo, il tempo trascorso tra l’incidente e l’entità delle patologie tumorali” riscontrate a Lentini. “Alcuni testimoni oculari affermano inoltre che subito dopo l’impatto fu prelevato uno strato di terreno nell’area interessata, procedura utilizzata per la decontaminazione delle zone colpite da radioattività”, aggiunge Insirello.

Gli scuri contorni della vicenda sono oggetto dello straordinario film-documentario Morire a Lentini, recentemente prodotto dai giornalisti Giacomo Grasso e Natya Migliori della “Gemini Movie” di Catania.

fonte



Condividi su Facebook

4 commenti:

C... ha detto...

Gradirei farVi notare alcuni particolari, sperando di non essere censurato (anche se essere censurati da "nocensura" sarebbe paradossale).

Premetto che amo la verità e detesto le informazioni faziose… e non capisco che connessioni ci siano tra gli incidenti aerei che possono essere avvenuti nel corso dei decenni e tutti questi misteriosi "rischi di strage"...

1. Posso sapere come potrebbe causare una "strage" un F-16 (o un qualunque altro aereo) che finisce fuori pista?

2. Gli MH-53 che possono essere precipitati, che rischio di strage hanno causato?
... N.B.: le fantomatiche tute NBC descritte dai testimoni oculari (chiaramente poco esperti), erano sicuramente maschere da soccorritore per non respirare i fumi emessi dalla carcassa di elicottero appena precipitato... le usano spesso anche i nostri Vigili del Fuoco quando operano in ambienti saturi di fumi tossici (come semplice anidride carbonica), come edifici, automobili o cassonetti in fiamme (molto più tossici di un elicottero!)... spento l'incendio e raccolti i pezzi, risolto il problema.. niente strage.

P.S. Si preferisce far intervenire i soccorsi Americani perché nel caso di un incidente aereo è necessaria una preparazione particolare, che i normali soccorsi non hanno.. quindi, per ragioni di sicurezza, interviene chi è qualificato a farlo.. e si tende a non chiamare i soccorsi “civili” dall’aeroporto di Fontanarossa per non distoglierli dal loro servizio di pronto intervento (…direi che è meglio così, no?).

3. Sugli F-104 che dire?... erano aerei vecchiotti… parliamo di storia antica, visto che sono stati anche radiati… ma, in ogni caso, che strage abbiamo rischiato?
Se Vi riferite al tentato atterraggio sulla CT-GE, sarebbe impossibile riuscire ad atterrare su una striscetta di cemento come quella, sia con un 104, che con qualunque altro velivolo… quindi siamo di fronte solo ad un disperato tentativo di salvataggio di un pilota Italiano (non Americano…), ma niente strage.

4. Sul CH-46 andato giù in mare che dire?.. niente strage (inutile anche perderci tempo su questo…).

5. Sull’incidente a bordo della portaerei, così come lo descrivete, sembra che ci siano tutti gli elementi per un bel rischio di strage ma, mi spiace, niente strage anche qui…
… si, perché quando le portaerei sono in rada o in porto, i velivoli parcheggiati sul ponte vengono messi in sicurezza, quindi sono privi di armamento e carburante (non sono mica tutti scemi)… in ogni caso, il fatto che gli SH-3 “potessero trasportare” bombe di profondità a testata nucleare NON SIGNIFICA che questi elicotteri portavano sempre e comunque questa dotazione, ma semplicemente che erano compatibili… ora, secondo Voi, un elicottero su una portaerei in rada sta armato con bombe di profondità nucleari?!?!? Io direi proprio di no… niente strage.

6. Sull’incidente del CH-46 schiantatosi sul ponte di volo della “Mount Baker”, che può sembrare qualcosa di catastrofico, perché era una “nave supporto munizioni in rifornimento”... Vi faccio notare che quando un elicottero precipita in un quadratino di spazio come il ponte di volo poppiero di una nave, non si spalma li, ma inevitabilmente finisce in mare… quindi niente strage (e infatti non avvenne nulla di catastrofico).

7. Sull’incidente del C-141 c’è poco da dire.. è una brutta storia.. in ogni caso, ho una mia personalissima opinione sulla quale Vi invito a riflettere: ammesso che a bordo ci fosse dell’uranio impoverito per bilanciamento, credete veramente che dall’84 gli effetti si dovessero notare solo nel ’92?!? Io credo che gli effetti devastanti delle radiazioni si sarebbero dovuti vedere molto prima… piuttosto mi informerei sulle attività del triangolo Augusta-Priolo-Melilli, che rappresenta un mostro ecologico senza pari, nel periodo in cui si è osservato l’aumento di casi tumorali.

Che ne pensate, è un’idea?... oppure bisogna sempre incolpare gli Americani per moda?!?

E’ gradita una risposta aperta.

C... ha detto...

Gradirei farVi notare alcuni particolari, sperando di non essere censurato:

Premetto che amo la verità e detesto le informazioni faziose… e non capisco che connessioni ci siano tra gli incidenti aerei che possono essere avvenuti nel corso dei decenni e tutti questi misteriosi "rischi di strage"...

1. Posso sapere come potrebbe causare una "strage" un F-16 (o un qualunque altro aereo) che finisce fuori pista?

2. Gli MH-53 che possono essere precipitati, che rischio di strage hanno causato?
... N.B.: le fantomatiche tute NBC descritte dai testimoni oculari (chiaramente poco esperti), erano sicuramente maschere da soccorritore per non respirare i fumi emessi dalla carcassa di elicottero appena precipitato... le usano spesso anche i nostri Vigili del Fuoco quando operano in ambienti saturi di fumi tossici (come semplice anidride carbonica), come edifici, automobili o cassonetti in fiamme (molto più tossici di un elicottero!)... spento l'incendio e raccolti i pezzi, risolto il problema.. niente strage.

P.S. Si preferisce far intervenire i soccorsi Americani perché nel caso di un incidente aereo è necessaria una preparazione particolare, che i normali soccorsi non hanno.. quindi, per ragioni di sicurezza, interviene chi è qualificato a farlo.. e si tende a non chiamare i soccorsi “civili” dall’aeroporto di Fontanarossa per non distoglierli dal loro servizio di pronto intervento (…direi che è meglio così, no?).

3. Sugli F-104 che dire?... erano aerei vecchiotti… parliamo di storia antica, visto che sono stati anche radiati… ma, in ogni caso, che strage abbiamo rischiato?
Se Vi riferite al tentato atterraggio sulla CT-GE, sarebbe impossibile riuscire ad atterrare su una striscetta di cemento come quella, sia con un 104, che con qualunque altro velivolo… quindi siamo di fronte solo ad un disperato tentativo di salvataggio di un pilota Italiano (non Americano…), ma niente strage.

4. Sul CH-46 andato giù in mare che dire?.. niente strage (inutile anche perderci tempo su questo…).

5. Sull’incidente a bordo della portaerei, così come lo descrivete, sembra che ci siano tutti gli elementi per un bel rischio di strage ma, mi spiace, niente strage anche qui…
… si, perché quando le portaerei sono in rada, i velivoli parcheggiati sul ponte vengono messi in sicurezza, quindi sono privi di armamento (non sono mica tutti scemi)… in ogni caso, il fatto che gli SH-3 “potessero trasportare” bombe di profondità a testata nucleare NON SIGNIFICA che questi elicotteri portavano sempre e comunque questa dotazione, ma semplicemente che erano compatibili… ora, secondo Voi, un elicottero su una portaerei in rada sta armato con bombe di profondità nucleari?!?!? Io direi proprio di no… niente strage.

6. Sull’incidente del CH-46 schiantatosi sul ponte di volo della “Mount Baker”, che può sembrare qualcosa di catastrofico, perché era una “nave supporto munizioni in rifornimento”, Vi faccio notare che quando un elicottero precipita in un quadratino di spazio come il ponte di volo poppiero di una nave, non si spalma li, ma inevitabilmente finisce in mare… quindi niente strage (e infatti non avvenne nulla di catastrofico).

7. Sull’incidente del C-141 c’è poco da dire.. è una brutta storia.. in ogni caso, ho una mia personalissima opinione sulla quale Vi invito a riflettere: ammesso che a bordo ci fosse dell’uranio impoverito per bilanciamento, credete veramente che dall’84 gli effetti si dovessero notare solo nel ’92?!? Io credo che gli effetti devastanti delle radiazioni si sarebbero dovuti vedere molto prima… piuttosto mi informerei sulle attività del triangolo Augusta-Priolo-Melilli, che rappresenta un mostro ecologico senza pari, nel periodo in cui si è osservato l’aumento di casi tumorali.

Che ne pensate, è un’idea?... oppure bisogna sempre incolpare gli Americani per moda?!?

E’ gradita una risposta aperta.

Anonimo ha detto...

Ho letto solo oggi l'articolo e il commento e, siccome fotografo per passione aerei militari da 30 anni in Italia e all'estero, sia come addetto stampa (quindi con accessi ad aree riservate) che come semplice appassionato, posso dire, forse, di aver visto e di conoscere qualche cosa di più dell'amico che solleva tutte queste obiezioni. Ho abitato tra l'altro per 12 anni a 5 Km in linea d'aria da un aeroporto militare, aeroporto che, a parte l'AMX, ha ospitato tutti i velivolo da caccia dell'AMI degli ultimi 30 anni, ultimi dei quali i fantomatici F-16. Aeroporto del quale conoscevo moltissimi militari che vi lavoravano dentro e che mi permettevano di entrare abbastanza spesso, sia come appassionato che come fotografo!
Vorrei chiedere al nostro amico se ha mai sentito parlare dell'idrazina o idruro di azoto N2H4 nel caso non fosse provi a studiarsela su wikipedia e a capire cosa c'entra in tutto ciò!
Il fatto che non si conoscano le cose, non ci dà certo il diritto di pontificare e colpire persone ancora più all'oscuro deviandole ulteriormente da quella che può essere una verità già di per se difficile da capire e, a volte, da accettare. Pur essendo pro US fino al midollo, non posso certo negare o togliere le responsabilità a chi di dovere.

Anonimo ha detto...

gli americani in italia non ci devono stare quanto un paese e pieno di truppe straniere è un paese occupato militarmente fuori gli americani ricacciamoli in mare

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi