Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

sabato 12 marzo 2011

Teletruffa scoperta dalle Iene: arrestata mamma teletonicaCon la sua battaglia Luisa Pollaro aveva commosso i telespettatori italiani, raccontando che sua figlia aveva una grave malattia per cui aveva bisogno di un intervento chirurgico negli Stati Uniti. Una lotta contro il tempo, alla quale tutti potevano contribuire con somme in denaro. Ma dopo alcune segnalazioni, anche da parte della trasmissione Le Iene, le investigazioni della Procura di Napoli hanno scoperto la truffa. Luisa Pollaro è stata sottoposta agli arresti domiciliari per truffa.
Da giorni si sente parlare del “caso Adelaide Ciotola”, bimba sana che però, meglio di un’attrice consumata, si è spacciata per lungo tempo, su direttive di mamma Luisa Pollaro, come affetta da “Sindrome del lobo medio”.
Una truffa in piena regola che ha suscitato lo sdegno di tutti coloro che hanno creduto alle parole di Adelaide e si sono commossi davanti alle sue accorate richieste di aiuto: “Prenotate il mio primo libro e anche il secondo che uscirà a dicembre e fate qualche donazione”.


Ma la Procura di Napoli ha scoperto che si trattava di una truffa e così è stata arrestata Luisa Pollaro, 36 anni, che con l'aiuto del marito (indagato) ha messo in scena la finta malattia della bimba
Dopo settimane di indagini la Procura di Napoli ha deciso di arrestare Luisa Pollaro, madre della piccola Adelaide, con le accuse di truffa aggravata, falso ideologico e falso materiale. Indagati il marito, Vincenzo Ciotola, e un amico della coppia, Gianluca Scelzo, per i quali il gip ha respinto la richiesta di obbligo di firma chiesta dal pm Aldo Ingangi.

La donna, hanno ricostruito gli investigatori, falsificando alcuni documenti dell'istituto Gaslini di Genova, dove Adelaide era stata ricoverata per disturbi non particolarmente gravi, aveva fatto risultare che la piccola era invece affetta dalla "sindrome del lobo medio" e che necessitava di una operazione urgente a Houston. Oltre ad avere ottenuto il riconoscimento dell'invalidità al 100%, Luisa Pollaro aveva partecipato a numerose trasmissioni televisive: in questo modo "gli indagati - è scritto in una nota a firma del procuratore aggiunto Fausto Zuccarelli - hanno tratto in inganno un'ampia fascia di persone, delle più disparate condizioni sociali, che, animate da un sentimento di umanità e solidarietà nei riguardi della famiglia Ciotola, sono stati fraudolentemente indotti ad elargire ingenti somme", calcolate in centinaia di migliaia di euro.

In due anni di attività la famigliola ha raccolto la cifra di 170 mila euro e si è "ritirata" a vita privata finché Le Iene non hanno fiutato la riprovevole montatura.
Fonte: TgCom.it
Condividi su Facebook

6 commenti:

Anonimo ha detto...

sta pantegana marcia gli dobrebbe venire a lei e al marito ma veramente

Anonimo ha detto...

che schifo di persone!

Anonimo ha detto...

e vole sapere il rovescio della medaglia?molte persone, che invece sono malate davvero. non percepiscono alcuna pensione perchè la commissione sanitaria é eccessivamente scrupolosa per non dire idiota!!!ciao

guido ha detto...

E'anche per questa gente di merda che le persone sono restie a fare beneficenza,e a pagarne le conseguenze sono quelle che veramente ne hanno bisogno,CHE SCHIFO.Spero solo che gli tolgano tutto,anche quel poco che avevano,così sarà proprio la figlia a sputarli in faccia,che è la vera truffata di questa storia,con i genitori che si ritrova.

Anonimo ha detto...

che schifo di idea, vero anche a me a primo inpatto è venuto in mente questo commento... poi ripensandoci a tutto il marcio che ci circona, a coloro che vendono i propri figli piccoli per sfruttamento sessuale, a coloro che "aiutano" ragazze "bisognose" con appartamenti al centro e borse louis vuitton.... bon.. alla fine ha fatto meglio questa mamma che "egoisticamente" ha pensato alla propria famiglia senza recare troppo danno ... se non a chi veramente ne ha bisogno nel quotidiano che - ora dobbiamo essere onesti - comunque nessuno dà ascolto......

Anonimo ha detto...

la procreazione è ormai un delitto...smettiamola di mettere al mondo figli solo per strumentalizzarli! referendum per la castrazione chimica subito!!!!

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi