Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

giovedì 31 marzo 2011
Mentre il Coordinamento Nazionale Precari e Precarie della scuola, si prepara a due infuocate assemblee territoriali interregionali dei comitati e realtà del precariato, una per il centro-nord a Bologna e l’altra per il centro-sud a Napoli, il ministro dell’Istruzione Maria Stella Gelmini si troverà ad affrontare centinaia di insegnanti che potrebbero fare ricorso:  già quindici insegnanti si sono visti riconoscere dal Tribunale di Genova un risarcimento  complessivo di 500 mila euro, a seguito della bocciatura da parte della Corte Costituzionale della norma sulle graduatorie.

La Corte aveva  infatti definito  incostituzionale la norma che sbarrava la strada agli insegnanti del sud, che volevano inserirsi nelle graduatorie del nord, nonostante le forti pressioni della Lega già dal 2009, che intendevano  favorire i professori settentrionali.  Nella riforma Gelmini era inoltre  spuntato un finanziamento ad hoc: due milioni l’anno per cinque anni, per un totale di dieci milioni. Lo scopo?
 Spiegare ai dirigenti degli enti locali i segreti del nostro futuro federalista- Quei soldi, c’è scritto nell’articolo 28, servono al ministro per «concedere contributi per il finanziamento di iniziative di studio, ricerca e formazione sviluppate da università » in collaborazione «con le regioni e gli enti locali». Tutto ciò in vista «delle nuove responsabilità connesse all’applicazione del federalismo fiscale».

Tra Nord e Sud, finanziamenti concessi e negati , più che la domanda sorge spontanea la scelta del l’interlocutore:  il giornalista e scrittore Pino Aprile.  “È un'altra delle penose trovate del ministro Gelmini, che sta alla Pubblica Istruzione, come l'ammiraglio Persano al medagliere della Marina Militare: passerà alla storia come Attila fra i banchi. Ha in mente la scuola padana; non mi meraviglierei promuovesse Renzo Bossi preside della facoltà di federalismo. Non esiste? Datele tempo e fiducia...”

fonte



Condividi su Facebook

2 commenti:

Anonimo ha detto...

ma che scuola del nord!!!
é il modo più corretto per ottenere un'istruzione migliore!credo sia giusto, soprattutto per gli studenti, localizzare gli insegnanti in base alla provenienza. Si eviterebbero inutili polemiche razziste.
Emanuele

Anonimo ha detto...

ahahahahahhahahah ma guarda io localizzerei anche i luoghi di vacanza, se sei del sud vai al mare al sud... se sei del nord vai a mare....al nord ahahah... potete creare qualche stabilimento balneare in uno stagno padano :)

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi