Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta esteri governo economia editoriale scandali fatti e misfatti salute diritti civili mass media giustizia ambiente sanità USA crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi libertà forze dell'ordine scienza censura lavoro cultura berlusconi infanzia animali chiesa centro energia internet mafie riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO notizie europa carceri satira scuola eurocrati immigrazione facebook banche euro grillo renzi manipolazione mediatica pensione bilderberg mondo alimentari signoraggio razzismo manifestazione finanza sovranità monetaria massoneria debito pubblico guerra travaglio Russia disoccupazione tasse militari poteri forti UE ucraina trilaterale geoingegneria germania parentopoli Grecia siria banchieri mario monti inquinamento enrico letta marijuana vaccini big pharma napolitano nwo obama Traditori al governo? agricoltura ogm Angela Merkel austerity sondaggio tecnologia bambini canapa cancro meritocrazia umberto veronesi vaticano armi fini suicidi BCE PD equitalia terrorismo clinica degli orrori nucleare privacy video prodi boston israele ministero della salute sovranità nazionale bancarotta eurogendfor fondatori del sito globalizzazione iene monsanto staminali INPS Putin droga acqua bufala marra matrimoni gay nigel farage nikola tesla politica anatocismo elezioni evasione fisco magdi allam moneta pedofilia troika usura FBI africa francia fukushima informatitalia.blogspot.it ricchi società Aspen Institute Auriti CIA Giappone adam kadmon attentati autismo bavaglio costituzione draghi federico aldrovandi fiscal compact fmi giuseppe uva golpe lega nord nsa petrolio sicilia stamina foundation terremoto Cina Onu assad controinformazione crimea frutta giovanardi goldman sachs imposimato m5s mcdonald mes psichiatria rifiuti rockfeller rothschild sciopero servizi segreti slot machine spagna svendita terra torture turchia violenza Marco Della Luna aldo moro arsenico barnard bonino edward snowden famiglie fed forconi inciucio laura boldrini magistratura nato no muos no tav palestina proteste storia suicidio università vegan virus 11 settembre 9 dicembre Fornero Ilva Muos NASA Svizzera Unione Europea aids alan friedman alimentazione antonio maria rinaldi borghezio carne casaleggio chernobyl corruzione corte europea diritti uomo delocalizzazione diffamazione disabili ebola educazione elites esercito farmaci gesuiti gheddafi giuliano amato hiv illeciti bancari illuminati india influencer informazione iraq islam islanda latte legge elettorale marò microspia mmt paola musu precariato prelievi forzoso privilegi propaganda prostituzione radioattività salvini sardegna sigaretta elettronica sigonella sindacati sovranità individuale spread stati uniti stefano cucchi taranto ungheria veleni verdura Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL aborto aborto forzato affidamento alluvione amato anonymous anoressia argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio brevetto btp by cambiamento camorra cannabis capitalismo carabinieri cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione contestazione controllo mentale corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani davide vannoni dell'utri denaro dentista dentisti denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dittatura dogana domenico scilipoti donne dossier duilio poggiolini ebook egitto elettrosmog eroina eurexit europarlamento fallimento false flag fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giustizia sociale gold hollande ignazio marino ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie maratona mariano ferro marine le pen mario draghi mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra mossad multe musica natura nuovo ordine mondiale obbligazioni ocse oligarchi omofobia oppt orban overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia ricerca riformiamo le banche rigore riserva aurea risveglio coscienze saddam sangue satana schiavi scie chimiche scoperto secessione sert sfratto sisa snowden speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse telefono cellulare teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen trust tsipras twitter universo uranio impoverito uruguay vati vegetariani vessazioni vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

venerdì 18 marzo 2011
I costi del Progetto C.A.S.E. che ha prodotto le 19 new town a L’Aquila vengono spesso analizzati, ma raramente comparati e valutati. Per il fatto che l’onere sostenuto dalla Protezione civile è costantemente aumentato nel tempo, mentre sta regolarmente calando il numero di sfollati ivi ricoverati, in comodato d’uso. Tutte le case di questi C.A.S.E. furono fatte come provvisorie, ma durature, per dare un tetto a coloro che nel capoluogo ebbero (ed hanno tuttora) la casa inagibile o distrutta.
Tutte progettate dall’ing. Gian Michele Calviipotizzando un costo di 560milioni e tutte terminate a febbraio 2010. Indi, passarono in gestione alComune. Ciononostante, solo ora, il successore diBertolaso ha reso accessibile l’ultimo resoconto di spesa che, con una sorprendente maggiorazione del 45,7%, ora sfiora gli 816milioni d’Euro. Avvenuta assai prima dell’incremento dei costi delle escort e della benzina. In un periodo di grande preoccupazione per la “stagflation” (combinazione d’inflazione e recessione), - ma senza l’intervento dell’uomo ragno o della mafia -. Semplicemente, in corso d’opera superando il quinto d'obbligo della base d’asta dei contratti d’appalto già stipulati. Quindi, applicando una sostanziale revisione dei prezzi base per le nuove forniture e per le lavorazioni aggiunte, in variante del progetto iniziale. A tutto vantaggio delle ditte aggiudicatarie, direbbe chi volesse mettere il naso come San Tommaso o la lente come San Clemente su questo documento della Protezione Civile.
E scoprire che, per realizzare 150 edifici residenziali da appoggiare su 150 piastre antisismiche, fecero un appalto sia in modalità aperta (per gli edifici, gli ascensori, gli arredi ed il verde) sia a trattativa negoziata
 (per le piastre e le opere d’urbanizzazione). Poi, decisero d’incrementare l’entità del Piano C.A.S.E. con altri 14 edifici-piastre. Ed assegnarono i nuovi lavori, di quantità inferiore al quinto d’obbligo(150:5=30, e 14<30), alle stesse ditte esecutrici dei precedenti e senza alcuna revisione degli importi appaltati. D’altronde, come l’appetito vien mangiando, costruendo i 164 edifici-piastre già cantierizzati vollero fare altri 20 edifici–piastre. Con nuovi costi, per via del superamento del quinto d’obbligo (150+14+20=184–150=34>30), di sole 4 unità. Senza riserva alcuna da parte della Conferenza dei Servizi aquilana. Con il beneplacito del Tesoro. Con il silenzio della Corte dei Conti che non verificò questi conti della sovrana corte operante in deroga ed in stato di perenne emergenza. Solo quattro gatti (e neppure al bar, ma sui blog) valutarono tutte le carenze dei C.A.S.E. sollecitando la realizzazione alternativa di M.A.P., più adeguati ai bisogni degli sfollati, di minor impatto ambientale, con tempi di realizzazione inferiore e, soprattutto di minor costo. Così, la struttura diretta dall’ideatore delle c.a.s.e., nonché direttore dei lavori e gestore delle risorse disponibili, proseguì imperterrita nella realizzazione del più grande cantiere del mondo. Con ritmi di lavoro stratosferici, in tempi da record epocale, dato che ben 17mila sfollati (400 a settimana) dovevano lasciare le tende per occupare i 4.600 alloggi completamente arredati (con televisore al plasma) delle 184 case dei 19 C.A.S.E., immersi nel verde e costituenti lastrordinaria “new town”, mirabilmente diffusa in tutta la conca aquilana. 
Tuttavia, anche sotto l’occhio vigile del padrone, qualcosa non andò per il verso giusto se inaugurarono prima (ad Onna) le casette in legno fatte dalla Croce Rossa e dalla Provincia Autonoma di Trento e poi (a Bazzano ed a Cese di Preturo) la prima parte di c.a.s.e. della Protezione civile. Diedero la consolazione d’un C.A.S. e d’un affitto concordato. Imposero la permanenza forzata nelle caserme e nelle strutture ricettive abruzzesi. Poscia, ad emittenti unificate, diffusero la certezza della miracolosa ricostruzione aquilana. Perciò, ora appare assai arduo far capire alla casalinga di Voghera (e forse, anche a Floris ed a Santoro) che le case dei C.A.S.E., furono realizzate per 17mila sfollati ma, man mano che il tempo passa, vengono a costare sempre di più.
Oggi, costano 58.712 euro a persona. Giacché, ora, ci stanno solo 13.896 persone. Mentre i 1.273 M.A.P. di due piani, poi realizzati con 100milioni e adesso abitati da 2.881 sfollati, costano 34.710 euro/persona. Ed allora, conviene approfondire la questione della lievitazione dei costi delle c.a.s.e..
Magari con un esempio concreto: a chi stava facendo 25 edifici per 52.700.000 euro, ne fecero fare un altro per 2.067.800 euro e poi ancora altri due per 8.462.518 euro, anziché per 4.134.600. Sebbene, i 3 nuovi edifici non superassero il quinto d'obbligo dei 25 iniziali (25:5=5), gli ultimi due furono assegnati con la stipula d’un atto aggiuntivo di cui non si conosce il contenuto ma solo il nuovo importo incrementato rispetto a quello della gara d'appalto. Perciò, pur immaginando che in corso d'opera sia stato necessario realizzare delle opere di completamento, resta difficile credere che la seconda variante aggiuntiva fosse fatta solo per assegnare alla ditta già impegnata nei lavori almeno un quinto in più dell'importo a base d'asta, a compenso dello straordinario impegno lavorativo, dello spirito d’abnegazione e della fede incrollabile nel miracolo del sovrano. Dacché, 2.067.800+8.462.518=10.529.318 corrispondente a circa il quinto di 52.700.000 euro.
In altri casi esaminati, invece, gli aumenti di costo risultano assai difficilmente comprensibili. Cosicché, la “regola” del quinto d’obbligo potrebbe configurarsi come un rapporto aureo, in senso valutario, non certo estetico. Come, forse, nel caso della fornitura del calcestruzzo beton da gettare colare nei doppi solettoni delle piastre antisismiche delle c.a.s.e., al costo di 90 euro a metro cubo. Siccome, per fare 150 piastre abbisognavano 200mila metri cubi, suddivisero l’appalto in tre lotti: uno da 9milioni e due da 4.500.000 euro. Al 29 maggio 2009, Colabeton spa s’aggiudicò la facoltà di colare tutto il betonoccorrente, praticando ribassi d’asta variabili, dall’8% nel 1°, all’8,3% nel 2° ed all’8,8% nel 3° lotto. Così, con economie conseguenti totali pari a 1.489.500 euro, l’importo contrattuale (con gli oneri di sicurezza inclusi) risultò pari a 17.140.339 euro. Tanto, ma appena 1.000 euro per ogni abitante insediabile. Poi, anche in questo caso, si utilizzò un atto aggiuntivo di 7milioni d’euro assegnando a Colabeton spa la facoltà di colare altri 80mila metri cubi di beton, ma per soli 87,5 euro al metro cubo. Bene, quantunque, qualcosa non quadri. Anzi, proprio non cubi. Poiché, in proporzione 33:150=X:200.000, nelle 33 nuove piastre, del tutto simili alle 150 precedenti, potevano colare al massimo 44mila metri cubi, giammai 80mila. E allora? Dove sono finiti questi benedetti 36mila metri cubi di calcestruzzo autocompattante che certamente non aveva la possibilità di lievitare né di prezzo né di quantità a seconda delle ore o delle stagioni in cui veniva gettato? Probabilmente in altre opere diverse da quelle appaltate. Senza bandire una nuova gara d’appalto? Anche, permettendo a Colabeton spa di dare in subappalto ad una ditta in odor di mafia, fino al 50% della fornitura di questa dose di calcestruzzo (pari a cinquemila metri cubi al giorno): un po’ straordinaria per un solo utilizzatore finale. 
Finché non avremo risposte convincenti, continueremo a fare altre domande. Sperando, come altri, almeno in una replica. Auspicando di non incappare nella medesima reazione dell’ing. Calvi verso chi, forse in modo più autorevole, ha posto semplici osservazioni di costo reale delle c.a.s.e.. Confidando nella speranza di non dover, alla fine, sottoscrivere tutte le interessanti valutazioni qui fatte sul Progetto C.A.S.E del direttore di Eucentre. In verità, non intendiamo confutare alcuna irregolarità e neppure rinviare a giudizio immediato chicchessia. Quindi, solo per non dubitare minimamente sulla portata dell’ennesimo miracolofatto dal g.c.c.f., gradiremmo sapere come sia stato possibile incrementare i costi iniziali di queste c.a.s.e. del ragguardevole – ripetiamo - quarantacinque,sette per cento senza gravare sulle spalle dei senzatetto aquilani e senza mettere le mani nelle tasche di tutti i contribuenti (padani compresi).
Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

In quale IDEOLOGIA ti riconosci di più?

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi