Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura


Servono 1.000.000 di firme per mettere renzi e soci con le spalle al muro, con una legge di iniziativa popolare. Il comitato promotore ha raccolto 850.000 firme, tra web e dal vivo, i media non ne parlano e non ne parleranno, per evitare imbarazzi a Renzi, che sarebbe in difficoltà a dire NO alla cancellazione del vitalizio a corrotti, mafiosi e affini... vogliamo continuare a dire "tanto non cambia niente" - "tanto non serve a niente" o ci iniziamo a muovere per ottenere ciò che esigiamo? Una semplice firma conta più di quanto sembra. Grazie ai referendum non ci hanno imposto il nucleare, anche se c'è da dire che quello sull'acqua è stato disatteso... e più ne disattenderanno, più la gente aprirà gli occhi... calano i consensi e convincere la gente è sempre più difficile per loro... FIRMATE!!!
lunedì 28 marzo 2011

“Vi prego, c’è un medico? Qualcuno è in servizio?”. “No, io no!”. “E tu?”. “Ahh….io non sono in servizio, sono in ferie!”. Ed è così che un infermiere dell’ospedale di Polistena ha cercato di farsi spazio tra la folla nei corridoi del nosocomio per una vera emergenza, cercando disperatamente un medico. Una emergenza poco interessante evidentemente. Dato che i riflettori, l’attenzione e lo sguardo della gente (medici compresi) erano rivolti tutti verso il governatore Peppe Scopelliti che ha ispezionato i corridoi di tre presidi nella provincia di Reggio Calabria. Insieme a lui giornalisti, dottori e amministratori. Il governatore è partito dalla locride per finire il suo tour ospedaliero a Polistena. Mentre a Taurianova ha trovato un piccolo gruppo di contestatori ad attenderlo per la chiusura del reparto di Medicina, scaturita dal disegno di riordino delle strutture ospedaliere.
 A Polistena però il governatore è arrivato per l’inaugurazione del nuovo Pronto soccorso. Anche se non è stato realizzato per suo merito. Per il momento Scopelliti è infatti concentrato più sul riordino degli “ospedali della morte”. Strutture fatiscenti che, in effetti, da anni versano in condizioni oltre i limiti della decenza. Però non ha disdegnato i complimenti e le strette di mano, nonostante sia stato il sindaco di quel comune, nonché assessore provinciale del Pdci, Michele Tripodi, a battersi per un nuovo pronto soccorso. Dalle 12.30 alle 14.30 circa all’ospedale i medici hanno fatto pausa e la gente continuava ad uscire ed entrare per non perdersi l’arrivo del governatore, che è arrivato con due ore di ritardo. A distanza di qualche mese, però, ha mostrato di avere assunto una linea più morbida rispetto al riordino “basato su criteri scientifici” e alla chiusura dei presidi, una cosa che prima sembrava essere una minaccia dietro l’angolo. “Polistena è all’avanguardia” ha detto Scopelliti. “Noi non stiamo chiudendo nulla, abbiamo trasferito solo il reparto di Medicina di Taurianova”. Evidentemente prima i cittadini avevano capito male, si sa: “in giro per la Calabria ci sono strumentalizzazioni” ha infatti chiosato il governatore. Dunque gli ospedali sono stati salvati. Peccato che per dirlo ogni volta bisogna fare un giro nei corridoi della maggior parte delle strutture interessate, sotto i flash e telecamere accese. Se poi uno si sente male mentre si brinda davanti al buffet organizzato per l’occasione chi ci pensa? Chi trova un medico disponibile per l’eventuale urgenza?


fonte




Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi