Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

mercoledì 30 marzo 2011

È fortissima l'indignazione che si manifesta su internet per il mancato election day, iniziativa che avrebbe consentito un risparmio di ben 300 milioni di euro. L'accorpamento, cioè, dei referendum su acqua pubblica, legittimo impedimento e nucleare, previsti per il 12 giugno, con le elezioni amministrative in programma il 15 ed il 29 maggio.
Sono in molti ad aver sollevato critiche sulla mancata decisione, in alcune occasioni ipotizzando che dietro possa esserci la volontà di rendere più complicato il raggiungimento del quorum refendario. Tutto questo mentre è ancora forte l'eco per le polemiche sul costo della festa per il 17 marzo che, nell'ottica del risparmio, è costata agli italiani un giorno di ferie. La contraddizione nelle posizioni di Lega Nord e Confindustria appare evidente: non vi era un euro per festeggiare l'Unità d'Italia, mentre l'election day può non essere organizzato, anche se al costo di 300 milioni di euro. Tra gli indignati, anche molti internauti della rete, che spesso hanno accompagnato i loro commenti con improperi e offese.

fonte



Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi