Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

venerdì 18 marzo 2011


Ecco la situazione del centro di prima accoglienza per migranti di Contrada Imbriacola, Lampedusa. Il Fatto Quotidiano, assieme ai colleghi del Tg1, è riuscito a entrare nella struttura per documentare le condizioni al limite della dignità umana in cui sono costretti a vivere gli oltre tremila ospiti. La struttura può ospitarne al massimo 800.

Tuttavia è anche necessario rilevare lo scarso sostegno - pressoché nullo - che l'Italia riceve dall'Europa quando è costretta a far fronte a intensi sbarchi di migranti.


Condividi su Facebook

6 commenti:

Anonimo ha detto...

E IO PAGOOOOOOOOOOO
MA PERCHÉ NON SE NE STANNO A CASA LORO,
LO SANNO CHE SE VENGONO QUI E QUELLO CHE LI ASPETTA

Anonimo ha detto...

Ma che cosa c'è di tanto sconcertante con immagini shoc?
Ma perchè vogliamo trasformare una pagliuzza in una trave?
Ma questa gente non sta male, è il loro normale modo di vivere nella zozzeria, non sono come noi italiani che siamo abituati a tener pulito lucido igienizzato e profumato usando 1000 diversi accessori per pulire.
Loro invece vogliamo scommettere che se gli date una scopa per spazzare loro vi rispondono: < che cos'è? Che ci faccio e a che serve? > Loro l'ordine l'igiene e la pulizia non sanno nemmeno che cos'è!
Se credete che li è sporco, allora le donne immigrate che si trovano lì, è ora che si rimbocchino le maniche e cominciano a pulire, come facciamo noi nelle nostre case, oppure pretendono la serva che gli vada a pulire?
Cominciassero a darsi da fare non aspettassero che gli paghiamo anche la servitù, e sti ca....!!!!

Anonimo ha detto...

CHi cazzo gli ha consigliato di venire in questo paese?????
Se ne stiano a casa loro, qui arrivano arriganti, con telefofini, pretendodo tutto, che affondino-

anna maria ha detto...

Ho vissuto all'estero per 13 anni...non ero stata accolta con gentilezza..anzi !!ne mi hanno dato un centro accoglienza!!mangiavamo mia mamma ed io che avevo 7 anni 1 mela alla settimana e molto poco altro..abbiamo sudato,sacrificato ed ingoiato di tutto e di più..eravamo "le tane"non ci siamo mai permesse di pretendere aiuti..come siamo arrivati ora a questa situazione.--.ospitare ed essere diffamati--..distruggere ciò che viene loro offerto!non possiamo permetterlo!!non avere compassione di loro perche vivono nella sporcizia..vergogna!!CHE PULISCANO!!altrimento in mare!!

anna maria ha detto...

ritento il commento..dove è andato a finie??--dicevo--che per esperienza personale all'estero per 13 anni..nulla mi è stato regalato..anzi..ho sudato..con lacrime e sangue per guadagnare il rispetto della nazione che mi -- ospitava.--..vergogna..lamentarsi di ciò che abbiamo dato loro..sono in troppi? che se ne vadano in mare..no incendiare e daneggiare ciò che veniva offerto con troppa generosità--vergona..vi rendete conto che ci stanno pagando con l'ODIO..svegliatevi!!

Anonimo ha detto...

Che bei commenti xD
Sapete cos'è Ellis Island?
L'immigrazione è un naturale processo storico. Conoscete la realtà statunitense? Beh,io si e vi assicuro che NY è quello che è perché frutto di una fortissima immigrazione,la più grande che sia mai avvenuta in una città;si sono mescolate usanze e culture. Tutti gli italiani(e non solo) che sbarcavano erano visti come un esercito di scimmie e rinchiusi in centri di permanenza. Italiani,irlandesi ecc.. tutti ai margini della società e considerati persone di seconda qualità.
Non sono come gli italiani? Non conoscono l'igiene? Colpa della povertà,che abbiamo conosciuto anche noi italiani. Vi piacciono gli stati uniti? Beh non sono altro che il frutto di una continua immigrazione. Poi se siete contrari a qualunque forma di mescolamento delle razze allora provate a fermarlo. Ma purtroppo per voi rimarrete delusi. La globalizzazione ha anche dei lati positivi. E uno di quelli è proprio questo. Andate a Londra,Parigi e tutte le altre grandi metropoli e vi renderete conto di quanto avverrà anche qua.
Preparatevi a un mondo cosmopolita.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi