Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

lunedì 14 marzo 2011

Qualche giorno fa ho trovato un messaggio, nei commenti di un mio vecchio post, che mi ha molto colpito per la disperata richiesta d'aiuto, in esso contenuto. Solo che io non so davvero come aiutare questa lavoratrice. Ecco perchè ho deciso di divulgare la drammatica testimonianza, nella speranza che qualcuno ascolti il suo accorato appello. Ieri, otto marzo, è stata una ricorrenza importante, non per dedicarsi a commerciali banchetti, ma per ricordarci quanto la Donna sia ancora subordinata all'uomo, maltrattata e discriminata. Il sesso - ancora troppo debole - che subisce violenze sul lavoro, tra le quattro mura domestiche, per strada. E allora corriamo in loro soccorso, specie quando stanno sprofondando e non hanno più nemmeno un fuscello a cui aggrapparsi. In questo caso si chiama mobbing. Per favore leggete e fate girare. Grazie.
Sono una donna di 56 anni e da 4 subisco una violenza spietata da parte del mio datore di lavoro, lo so che la violenza sessuale lascia segni indelebili ma anche quella psicologica non è da meno, ve lo garantisco, vengo minacciata da 4 anni di licenziamento e pur di mantenere il posto di lavoro ho accettato di svolgere lavori non solo inferiori rispetto al mio inquadramento professionale ma soprattutto in luoghi in cui io non metterei neanche il mio cane. Ho subito dispetti da parte dei soci di questa Cooperativa, da quattro anni lavoro in situazione di ansia e stress per paura di sbagliare ed essere licenziata, è terribile. Il tutto mi ha causato un trauma psichico da cui non riesco a venirne fuori, vado avanti assumendo psicofarmaci la mia vita è finita, sotto certi aspetti, non riesco più a gioire per nulla, sono stata offesa nella dignità e nel morale, mi chiedo come oggi possa accadere ancora tutto questo nei confronti di una donna. Ho fatto ricorso a tutti gli enti preposti alla tutela dei lavoratori, ma tutto inutile poichè queste grandi Cooperative hanno agganci ovunque, quindi ho subito. Adesso mi stanno costringendo a firmare il passaggio come dipendente di un altra Cooperativa che si è aggiudicato un appalto nuovo, appalto che fra 12 mesi finirà ed io mi troverò senza lavoro. Questa forma di violenza ancora una volta mi ha distrutta e a volte penso a cose terribili, non potete immaginare come ci si sente in certe situazioni, eppure lavoro nel condotto Ferroviario dove si dovrebbe avere una garanzia maggiore, ma tutto questo è stato fatto solo a me perchè sono una donna e considerata sesso debole.
Spero che qualcuno mi risponda.
fonte

Condividi su Facebook

2 commenti:

Anonimo ha detto...

è ancora più triste vedere che non ci sono commenti.. povera donna!

Anonimo ha detto...

E' un mondo difficile questo e le persone si stanno allontanando sempre di più. Purtroppo materialmente non posso fare nulla nemmeno io ma spiritualmente le sono vicino e l'abbraccio. Sono un fatalista.... ogni volta che sono sprofondato.... qualcosa mi ha sempre fatto risalire...
Se non ti è possibile volare...corri se non ti è possibile correre...cammina se non ti è possibile camminare...striscia per terra ma qualunque cosa tu faccia...DEVI SEMPRE ANDARE AVANTI!!! NON TI ARRENDERE MAI!!!

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi