Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

sabato 5 marzo 2011
L'Africa dei rifiuti
La mancanza di un adeguato programma sanitario e la presenza di spazzatura nelle città provocano il diffondersi di epidemie. E le conseguenze sono: mortalità infantile, bassa aspettativa di vita e la trasmissione di malattie attraverso l’acqua.
L’Africa è la pattumiera del mondo perché è il continente più povero. Negli anni Novanta,carne radioattiva proveniente dall’ex Unione Sovietica viene seppellita in Zambia dopo che la popolazione ne aveva mangiata una parte.Affamata, la gente la riesuma. Nel 2000 lo Zambia riceve in «dono» barattoli di carne contaminata dalla Cecoslovacchia. Dopo la scoperta, i 2.880 barattoli sono seppelliti a 3,5 metri sottoterra e coperti con una colata di cemento nel villaggio di Chongwe. Da allora, gli abitanti affamati hanno fatto di tutto pur di arrivare alla carne. Due anni dopo un giornale belga, Gazet van Antwerpen, informa che sono riusciti a riesumarla e mangiarla.
La cattura della super-petroliera nel golfo di Aden, nel novembre scorso, è solo la punta dell’iceberg di un fenomeno-canaglia globale di cui noi, i consumatori ricchi del villaggio globale, siamo gli inconsapevoli soci in affari.


I Paesi ricchi dicono no ai rifiuti «scomodi». I motivi sono due: costo e ambiente. Seguendo le direttive Ue, decontaminare e disporre dei residui tossici costa oltre mille dollari alla tonnellata, mentre i «pirati della spazzatura» offrono prezzi dieci volte più bassi. Ecco spiegato perché il 47 per cento delle scorie europee, ossia quelle tossiche, come i rifiuti elettronici – dai vecchi computer ai macchinari ospedalieri – viene per la quasi totalità spedito per mare ai Paesi in via di sviluppo, spesso a bordo di navi-pirata. Il business dei rifiuti tossici è globale. La produzione annua mondiale di rifiuti elettronici va dai 20 ai 50 milioni di tonnellate. Il materiale tossico si divide in rifiuti riciclabili e non riciclabili: i primi partono per l’India e la Cina, dove sono venduti all’asta ai nascenti capitalisti asiatici; i secondi finiscono nelle mani dei pirati della spazzatura. Le destinazioni più frequenti sono la Thailandia, l’India, la Cina (e Hong Kong).
Nel 2006 i pirati della spazzatura cinesi hanno gettato a mare 195 milioni di chili di polvere tossica lungo le coste della Thailandia ed esportato illegalmente in Cina 400 tonnellate di materiale elettronico giapponese.
Ma è l’Africa la destinazione più popolare dei rifiuti scomodi. L’organizzazione non governativa Basel Action Network rivela che il 75 per cento del materiale elettronico che arriva in Nigeria non può essere riciclato e diventa agente inquinante. La Somalia riceve regolarmente tonnellate di rifiuti elettronici e radioattivi.
Spesso i pirati della spazzatura riversano in mare i loro carichi letali: alcuni sono riemersi dopo lo tsunami del dicembre 2005 e hanno provocato un’ondata ipocrita di pubblico sconcerto.
fonte


Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi