*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

domenica 13 marzo 2011

La mafia dell'est trova casa in Veneto


La mafia dell'est trova casa in VenetoIl Veneto è terra di possibile conquista da parte delle mafie, a cominciare dalla 'Ndrangheta calabrese, con un crescente traffico transnazionale di droga e armi da guerra che giungono dall'Est Europa. E' quanto emerge dalla relazione della Direzione nazionale antimafia resa nota oggi a Roma

La droga, in costante aumento in Veneto, è oggetto, secondo i dati relativi al Distretto giudiziario, di notevole contrasto ed assume caratteristiche tali che hanno portato a rilevare "segnali d'allarme" con attenzioni su persone che "per la storia criminale sono inquadrabili in area mafiosa e, più specificatamente, 'Ndranghetistica''.
Dai dati di Distretto emerge che alla droga, in "quantità considerevoli e di più tipi", si associa il traffico di armi "in gran numero, tutte quasi sempre da guerra e di particolare micidialità, provenienti da arsenali militari dell'Est europeo". Armi che sono "accompagnate da un non meno allarmante corredo di sostanze esplodenti, sia sfuse ma accessoriate con detonatori, che confezionate in bombe e mine antiuomo". Dal punto di vista geografico per il Distretto è "da ritenere che il territorio veneto, ed in particolare quello ricompreso nei territori delle province di Verona, Padova e in parte Venezia, si stia trasformando". Sul fronte delle armi, la Dda di Venezia ha trattato due procedimenti penali "che possono senz'altro ritenersi i più significativi trattati". "L'indagine, nata per investigare sulle attività economiche di calabresi in territorio veneto ha visto col tempo allargarsi i suoi orizzonti sui traffici di narcotici ed, ora, anche di armi".
Condividi su Facebook

Nome

Email *

Messaggio *