Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

lunedì 28 marzo 2011
“E’ la volta buona”. E’ questo un pensiero largamente condiviso dai candidati all’emigrazione che, dalla sponda dei paesi a sud del Mediterraneo sognano l’Europa. E’ anche il pensiero alimentato dagli scafisti e trafficanti vari verso chi vuol partire. Sullo sfondo della guerra libica, il business della migrazione è diventato un’opportunità straordinaria. Ma a contribuire ad alimentare questo circolo vizioso è l’invito da parte del Governo Italiano. Come una profezia che si realizza, leprevisioni di migrazioni bibliche, fino a 300 mila persone secondo Frattini e la richiesta di aiuto da parte dell’Ue per un piano straordinario di accoglienza di profughi. Allora è una buona occasione per chi sogna l’Europa. Vale la pena rompere qualche salvadanaio per compiere la traversata. Il messaggio si diffonde persino nell’area dei paesi dell’Africa Nera dove i candidati all’emigrazione sanno che la “diga” del Boia Gheddafi è venuto meno. Ma è soprattutto una buona opportunità per chi lucra su questi viaggi della speranza. E dunque Yalla Yalla cioè fare presto! D’altronde gli scafisti sono veloci e sanno sempre leggere i processi politici e sanno sfruttare le crespe politiche del governo italiano. E dunque anche loro intensificano le loro offerte.

 Come se non bastasse, il nuovo accordo con la Tunisia che impegna quel paese a un maggiore controllo dei profughi con tanto di fornitura di mezzi logistici e di addestramento oltre che una linea di credito di 150 milioni di euro.

Ma la ciliegina sulla torta è l’offerta di 1500 euro per ogni immigrato che accetterà di tornare a casa e potrà contare su un aiuto per avviare un’attività economica in patria per non aver più bisogno di emigrare. Geniale! Il modo migliore per far incazzare Bossi e i suoi! Insomma prima l’invito, poi il pagamento se c’è disponibilità a rimpatriare poi i soldi al governo tunisino. Ecco tutta la follia del Governo nella sua guerra contro la cosiddetta emergenza sbarchi. Un’emergenza sollecitata o quanto meno invocata prima ancora che esistesse pur di non affrontare i nodi politici e diplomatici della guerra in Libia. Ora il caso Lampedusa che mette a nudo l’incapacità di questo Governo a gestire poche migliaia di persone. Finora meno della media dei tifosi che vanno allo stadio la domenica e che il governo non riesce a smistare sul territorio. Sono anni che questi signori speculano politicamente sull’immigrazione promettendo soluzioni definitive. Se tutto questo non fosse drammatico ci sarebbe da ridere fino alle lacrime. Maroni oggi è il volto del fallimento della politica leghista sull’immigrazione. Dunque per Bossi e i suoi i nodi sono venuti al pettine: non potranno più mentire alla gente sull’immigrazione. Le loro ricette sono fallite.

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi