Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

domenica 13 marzo 2011

Gheddafi può contare su 100 miliardi di pensioneCento miliardi di investimenti in oltre 60 società, immobili e fondi in tutto il mondo: è la rete del rais libico Mihammar Gheddafi. Gli interessi di quella che il figlio del colonnello e ideale successore Seif al Islam ha definito una famiglia modesta sono immensi, ma al momento la loro vastità corre seri rischi.
Ieri, 1° marzo, il gruppo inglese Pearson ha congelato la quota del 3,27 per cento in mano al fondo sovrano libico. Ed è solo, probabilmente, il primo ad averlo fatto.

Una mappa completa delle partecipazioni libiche non esiste. Ma il Sole-24 Ore ne ha ricostruita una, forse parziale, ma che certo serve a far capire quanto gli effetti sul petrolio siano solo una parte delle conseguenze economico-finanziarie della rivolta libica.

Il paese, liberatosi dalle sanzioni internazionali solo nel 2003, ha conquistato economicamente il mondo grazie ai petrodollari per mezzo delle varie Libyan Investment Authority (Lia), Lafico e Libyan African Investment Portfolio.

Solo la Lia, sottolinea il Sole-24 Ore, ha un patrimonio di almeno 69 miliardi di dollari investiti quasi tutti all’estero. Con Lafico e Banca Centrale, Tripoli è azionista di almeno 60 società di tutto il mondo: tra queste le italiane UniCredit, Juventus, Retelit e Finmeccanica.

Dalla lista dei Paesi con partecipazioni libiche mancano gli Stati Uniti: qui la longa manus del rais è arrivata “solo” depositando liquidi, trapela da WikiLeaks, per un valore totale di 32 miliardi di dollari. Tutti ora regolarmente congelati.

Il portafoglio del colonnello non si è fatto sfuggire gli investimenti immobiliari. Concentrandosi soprattutto su Londra, dove ha acquistato il centro commerciale Portman House a Oxford Street. Nella capitale inglese si trovanoj anche i due fondi libici Fm Capital Partners e Dalia Advisory.

Se solo 1,5 miliardi di dollari sono stati investiti in Africa, dieci volte tanto è la cifra di investimenti esteri in Libia. Qui, oltre ai noti interessi italiani, ci sono anche quelli francesi, con Bnp Paribas che ha acquistato il 16 per cento della locale banca Sahara

fonte
Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi