Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

giovedì 31 marzo 2011
Per quanto riguarda la fuoriuscita di plutonio, il premier giapponese Yukio Edano ha sottolineato che si tratta di livelli ancora bassi, ma molto pericolosi per i tecnici impegnati alla messa in sicurezza della centrale di Fukushima Daiichi.

La compagnia elettricaTepco che gestisce l'impianto aveva reso noto ieri che in cinque punti del suolo nei pressi della centrale è stata rilevata la presenza di plutonio, la sostanza giungerebbe dal combustibile di uno dei reattori danneggiati, ma secondo la Tepco non sarebbe motivo di preoccupazione per la salute umana, al punto che i lavori per la messa in sicurezza di Fukushima continueranno senza ulteriori interruzioni. 
Sempre a Fukushima, va, inoltre, segnalato che nell'acqua di mare prelevata a 30 metri di distanza dai reattori 5 e 6 è stato rilevato un tasso di iodio 131 superiore al normale di ben 1.150 volte. Invece, nei pressi dei reattori 1-4, i più danneggiati: qui il livello di iodio 131 nell'ultima rilevazione è risultato 2.000 volte superiore al normale.
In seguito a questa informazione “allarmante” il capo di gabinetto, Edano, in una conferenza stampa ha annunciato "più controlli anche nelle aree intorno all'impianto"; e nelle stesse ore il premier Naoto Kan, ha assicurato al Parlamento che il governo è "in stato di massima allerta" per Fukushima, dove la situazione resta "imprevedibile" perché i sistemi di raffreddamento di molti reattori sono guasti e le fughe radioattive si sono moltiplicate dal giorno del terremoto, smentendo, così, in parte le notizie fornite da Tepco.

Sono attesi a breve in Giappone i due tecnici della Areva, il colosso francese dell'energia nucleare, che tenteranno di affrontare la crisi della centrale di Fukushima, con lo scopo di aiutare a rimuovere il materiale radioattivo contenuto nell'acqua del reattore n.2. per poter lavorare alla messa in sicurezza dell'impianto in tempi brevi.

fonte



Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi