Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

lunedì 28 marzo 2011

La puntata di oggi di Forum è iniziata velocemente, con la prima causa: chi si aspettava le scuse o almeno una replica di Rita Dalla Chiesa relativa alla puntata sull’Aquila, con la finta terremotata che inneggiava alla ricostruzione, rimarrà deluso. Eppure, appare chiaro che in trasmissione qualcosa non va. Anche nelle mail che giungono in trasmissione, si replica il fenomeno che, da ieri, ha invaso la pagina Facebook del programma: utenti indignati che scrivono “Vergogna”. E che, in qualche caso, ricordano alla Dalla Chiesa il cognome che porta.

La conduttrice, in diretta, è evidentemente infastidita. Non inquadrata, la si sente dire a qualcuno che probabilmente tenta di calmarla: «Non posso accettare che scrivano di mio padre, non lo posso accettare, capisci?» Poi sparisce dal video, il talk show prosegue senza di lei, la si rivede solo per l’annuncio della pubblicità, mentre nel pubblico si strilla a proposito della causa in corso.

Probabilmente, a Forum avevano pensato di ignorare la questione L’Aquila, l’invito della Pezzopane, i commenti in rete. Ma le mail continuano. La conduttrice non ne può più e al rientro dice: «Se qualcuno potesse avvertire l’Assessore Pezzopane, avrei bisogno di replicare a tutto un mare di cose ingiuste che state scrivendo, sia su Forum sia su di me. Siccome ho capito che il problema del 25 marzo è stato un passaparola ma in pochi aquilani hanno visto la trasmissione, se no non avrebbero scritto quello che hanno scritto; quei pochi che hanno visto hanno capito che abbiamo dato voce agli uni e agli altri. Sarei lieta se l’Assessore Pezzopane si potesse mettere in ascolto in modo che io possa rispondere ai troppi insulti che mi stanno arrivando e che sono assolutamente sicura di non meritare.»

Quindi, legge una delle mail che le sono arrivate. Non sceglie una mail che dica qualcosa sulla reale condizione dell’Aquila, ma una di quelle che le chiedono di non infangare la memoria del padre. Al rientro, fa un lungo monologo di 7 minuti.

Dice che la signora aquilana della puntata del 25 marzo è di Popoli. Vicino a Onna, sostiene Dalla Chiesa (In verità, Popoli e Onna distano 41 km, sulla Statale 17. Perché mai citare proprio Onna?). Fa vedere la scheda della signora, come se fosse un documento con validità legale; non fa menzione del fatto che la signora Marina sia una figurante, pagata, come dichiara lei stessa a Repubblica: «Mi hanno chiesto di interpretare quel ruolo. Mi hanno spiegato loro quello che avrei dovuto dire. Mi hanno dato 300 euro. Come agli altri attori. Anche Gualtiero, che nella puntata interpretava mio marito, recitava. Lui è un infermiere di Ortona.»

Anzi, secondo la Dalla Chiesa, Marina avrebbe espresso le sue opinioni. La conduttrice ricorda di aver letto anche una mail che sosteneva tesi opposte a quelle di Marina (effettivamente l’ha fatto, una mail nell’economia di un programma a senso unico) e lamenta di essere stata inserita in un dibattito politico in cui non c’entra. Dimentica, però, per esempio, di aver personalmente invitato a ringraziare Bertolaso, oltre al Governo.

Poi, utilizza, come schermo, la solidarietà fatta, che ricorda in continuazione: è la retorica dell’aiuto, che giustifica tutto. Respinge al mittente gli insulti, ricorda che “L’Aquila è sempre nel nostro cuore”, non si scusa e non risponde all’invito della Pezzopane.





Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi