Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

venerdì 18 marzo 2011
I cinquanta “coglioni” di Fukushima
Non ne conosciamo il numero esatto: possono essere cinquanta oppure sono solo quarantanove. Quel che sappiamo è che da giorni lottano per evitare che le sbarre di combustibile nucleare della centrale di Fukushima si surriscaldino facendo saltare tutto; e nessuno di loro si è messo in malattia o ha accampato un’altra scusa per andarsene via.
Non è difficile immaginare cosa fanno da giorni, magari senza andare a dormire. Sicuramente seguono sui monitor della strumentazione della centrale l’andamento dell’attività dei reattori nucleari, aprono e chiudono valvole dei circuiti di raffreddamento di acqua di mare, tagliano lamiere e saldano tubazioni, si fermano a pensare e poi riprendono a correre come matti, e così via.
A proposito: l’uso dell’acqua di mare come fluido di raffreddamento, spacciato dai media come antidoto eccezionale per affrontare l’emergenza a Fukushima, è invece quanto di più comune si possa pensare per gli impianti. Spesso e volentieri questi ultimi sono costruiti sul mare perché è via mare che si movimentano materie prime e prodotti derivati; è così possibile costruire prese di acqua di mare in grado di fornire con facilità enormi quantità di fluido, utilizzato nei circuiti di raffreddamento. A Fukushima, però, ne servirebbe troppa di acqua di mare, più di quella che stanno riuscendo ad utilizzare.
Quel che è certo è che questi cinquanta signori stanno anteponendo il bene comune al proprio interesse personale e che per loro le conseguenze dell’esposizione alle radiazioni difficilmente sarà senza conseguenze; esattamente come è accaduto ai pompieri ed alle squadre di emergenza intervenute a Cernobyl a suo tempo. Insomma, secondo un certo modo di pensare diffuso nel nostro Paese, sono dei “coglioni”.
Viene spontaneo il confronto con chi, invece, “coglione” non è e fa tutto per il proprio interesse personale e non per il bene comune; ed anche nel segreto dell’urna segue il “proprio particulare”, direbbe padre Dante, o, almeno, quello che pensano possa essere il loro particolare.
I cinquanta “coglioni” di Fukushima, invece, andrebbero d’accordo con Tommaso Moro, Santo per la Chiesadi Roma, che alla moglie che lo rimproverava di non seguire il proprio interesse, rispondeva “non tutto quel che è utile è giusto”.
Togliamoci il cappello dinanzi a loro.
Condividi su Facebook

3 commenti:

myriam ha detto...

Io per rispetto nei loro confronti non intitolerei l'articolo 50 coglioni di Fukushima...ma 50 eroi di Fukushima..questo titolo è proprio brutto...
i coglioni stanno nel nostro parlamento

Gianni ha detto...

I coglioni siamo noi che andiamo a votare.

Anonimo ha detto...

Eroi...sono dei veri eroi!!!

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi