Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

mercoledì 9 febbraio 2011

È bastata una cena ad Arcore per far sì che tutto tornasse a posto. Vittorio Sgarbi potrebbe riottenere a breve la sua scorta, che gli era stata revocata dalla Prefettura di Trapani per aver violato alcune norme di servizio. Per questo il rissoso critico d’arte aveva minacciato le sue dimissioni da sindaco di Salemi: “Mi sono esposto contro la mafia”. Un novello Saviano pronto a combattere la criminalità.
Tra un urlo e un “vaffa…”, il Cavaliere si è ricordato di lui. L’invito a cena da parte di Berlusconi ha cambiato molte cose. “Anche io sono stato con Ruby”, aveva dichiarato Sgarbi all’indomani della cena, chiedendo di essere indagato come il suo ex editore. Un modo per ringraziare il grande capo.

Sta di fatto che Sgarbi riotterrà presto la scorta, ordini supremi. Ma non basta. Avrà anche un programma su Rai1 in prima serata. In un momento di debolezza per il governo, il premier sa bene come giocarsi le sue carte. E Sgarbi può fare al suo caso. Aggressivo, verbalmente violento e incontinente, può essere ilfulcro della nuova comunicazione berlusconiana. Non è un caso che porterà in tv anche Mauro Masi, direttore generale della Rai e nemico giurato di Michele Santoro. “’Masi verrà in trasmissione e avrà uno spazio suo, l’angolo di Zorro”, spiega Sgarbi intervistato dal Corriere. “Perché costringerlo a quelle telefonate lampo?”. In fondo “Masi è il cuoco della Rai, cucina e mette in tavola i prodotti, può anche giudicarli. Finalmente anche lui avrà libertà di parola”. E l’idea, al direttore generale, non sembra essere dispiaciuta.
Niente politica, però. “Solo cultura”, assicura il critico-sindaco. Staremo a vedere. Intanto il buon Sgarbi si tiene in allenamento ad Agorà, a Matrix e nel programma domenicale di Giletti, con le sue invettive in difesa del Cavaliere e contro la Magistratura. Ma, ormai entusiasta per il suo nuovo programma, non manca di spararla ancora più grossa: “Ho fatto una proposta al presidente del Consiglio: destinare il 90% dei 272 milioni di euro che si spendono per le intercettazioni per restaurare i beni culturali e per il Fus: mi pare molto più importante che non sapere con chi scopa Berlusconi”. Peccato che le intercettazioni della procura di Milano facciano sospettare il reato di sfruttamento della prostituzione (forse anche minorile) e di concussione. Ma che importa? In fondo per Sgarbi si tratta solo di gossip.
Ora che è in Rai Pancho Pardi dell’Italia dei Valori si augura una cosa: “vista la situazione economica, speriamo che venga a lavorare a gratis come Vauro e Travaglio”. Che Sgarbi sia già pronto a minacciare nuove dimissioni?

fonte

Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi