Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

martedì 8 febbraio 2011


La Lega, il Cavaliere, le difficoltà economiche del Carroccio e la Credieuronord. Alla vigilia della svolta in accelerazione della legislatura, con il federalismo pronto a essere scambiato con il processo breve, Giovanni Maria Bellu sull’Unità racconta la storia di una serie di disavventure finanziarie con i leghisti in mezzo, e riporta alla luce anche qualche vecchia chiacchiera sulla situazione economica del Carroccio:


Le apparizioni del fantasma dei soldi irritano e allarmano i vertici leghisti. Alla fine dello scorso agosto Il Riformista pubblicò la testimonianza della giornalista Rosanna Sapori (ex voce di Radio Padania e, fino al 2004, stretta collaboratrice del Senatur) la quale raccontò che nel 2005 la Lega – a causa di una serie di disastrose operazioni finanziarie – era sull’orlo del fallimento e che fu salvata da una cifra colossale versata dal Cavaliere in cambio della titolarità del sacro simbolo dei lumbard, lo spadone di Alberto da Giussano. Compravendita segretissima, stipulata in unostudio notarile. L’articolo fece clamore. Un indignato Roberto Calderoli smentì tutto e annunciò di aver già incaricato i legali di agire in giudizio. Ma fino a ieri la promessa, almeno nei confronti di Rosanna Sapori, non risultava essere stata mantenuta. Marco Formentini non era stato l’unico, nel Duemila, a vedere il fantasma dei soldi. Il 2 febbraio di quell’ anno la rivista Mondo libero, nel dare l’annuncio del nuovo patto tra la Lega e il Polo delle libertà, scrisse a chiare lettere: «Per Bossi l’alleanza dovrebbe risolvere il fallimento politico e finanziario». E, tre settimane dopo, sul tema del patto rafforzato da un contratto, tornò l’allora vicedirettore del Gazzettino di Venezia Francesco Jori. Voci e sospetti ripresi all’epoca in una interrogazione parlamentare del senatore Antonio Serena, altro ex leghista.
Malignità di fuorusciti rancorosi? Chissà. Di certo pochi mesi dopo, nel giugno del Duemila, l’esistenza di una relazione economica tra la Lega e il partito del Cavaliere emerse in modo ufficiale nella forma di una fidejussione attraverso la quale Forza italia garantiva presso la Banca di Roma il Carroccio per uno scoperto fino a due miliardi di lire.
«Siete autorizzati – scriveva il tesoriere forzista Giovanni Dell’Elce all’istituto di credito – ad addebitare sul nostro conto corrente gli importi, nei limiti del mandato di credito concesso, che vi fossero dovuti dalla predetta società». Dove la “società” non era altro che la LegaNord. La notizia della fidejussione interpartitica (qualcosa di totalmente nuovo anche per le cronache politiche italiane) suscitò grande stupore. Forza Italia si affrettò a minimizzare: si trattava di un semplice prestito che la Lega avrebbe restituito subito dopo aver ricevuto i rimborsi delle spese elettorali. Ma l’apparizione più spaventosa e imbarazzante del fantasma (a parte un appunto in cui si parlava di 70 miliardi da Berlusconi e Bossi scoperto tra le carte dell’inchiesta Tavaroli-Telecom) risale a meno di un anno fa. Precisamente al luglio scorso quando Aldo Brancher, appena nominato ministro, tentò di avvalersi del legittimo impedimento per evitare il processo per la scalata alla Banca Antonveneta.
La penosa vicenda (Brancher si dovette dimettere dopo essere stato ministro per diciotto giorni) riportò alla memoria quanto era successo nel 2005 (lo stesso anno in cui è ambientato il racconto di Rosanna Sapori) quando un altro dei catastrofici interventi leghisti in campo finanziario, la fondazione della Banca Credieuronord, stava per portare i lumbard alla bancarotta.
Ci si ricordò in particolare che Gianpiero Fiorani, proprio su sollecitazione di Brancher e con lo scopo dichiarato di “ingraziarsi la Lega”, era intervenuto con due milioni di euro in salvataggio della banca padana. E che, parlando con i pm, aveva rivelato di aver dato al solito Brancher 200.000 euro perchè dividesse la somma con Calderoli. Circostanza negata da Calderoli (la cui posizione è stata archiviata) e anche da Brancher che, però, è stato condannato. Insomma, l’apparizione del fantasma rese chiaro a tutti che verso Brancher la Lega aveva un grosso debito di riconoscenza. Non solo per le vicende del 2005. Nel Duemila – l’anno della prima comparsa del fantasma – era stato ancora lui a fare da ufficiale di collegamento nelle “trattative di pace” tra Bossi e Berlusconi
 fonte


Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi