Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

giovedì 24 febbraio 2011
Financial Times. La maggior parte finisce sul mercato delle adozioni, il resto viene sfruttato dal racket dell’elemosina o del lavoro forzato. Una campagna lanciata 2 anni fa ha portato all’arresto di 17 mila persone e la liberazione di circa 9300 bambini

Ogni anno in Cina, secondo il governo, vengono rapiti oltre 20 mila bambini, la maggior parte di quali finisce sul mercato delle adozioni, mentre il resto viene sfruttato dal racket dell’elemosina o del lavoro forzato. Lo riporta il Financial Times in un articolo pubblicato il 15 febbraio 2010.

“I rapimenti di bambini hanno raggiunto una fase particolarmente acuta”, ha affermato in un’intervista televisiva Chen Shigu, capo dell’ufficio responsabile per la lotta alla tratta di esseri umani del ministero di Pubblica sicurezza cinese. A organizzare questo traffico sono piccole organizzazioni che spesso rubano i bambini dalle braccia stesse dei genitori. Si pensa che questo fenomeno trovi le sua radici negli anni Ottanta del secolo scorso, quando un uomo proveniente dalla provincia orientale dell’Anhui ha messo il figlio malato a mendicare per le strade di Pechino per raccogliere i soldi necessari alle cure, accorgendosi presto che poteva essere un’attività più  lucrativa che lavorare i campi.
Ma per le autorità di Pechino il racket dell’elemosina è un problema minore se comparato al mercato delle adozioni illegali, con ramificazioni e clienti anche all’estero. Queste sono un effetto collaterale della politica del figlio unico adottata dalla Cina per ridurre le nascite: molti genitori infatti non vogliono correre il rischio di non mettere al mondo un figlio maschio, il quale assicurerà la discendenza famigliare e potrà occuparsi di loro una volta divenuti anziani. Come riportano i media statali, il prezzo di un bimbo è di poco superiore ai 6 mila dollari, il doppio di quello per una bambina. Tra i clienti si trovano anche gli orfanotrofi, che immettono i bambini rapiti nel meccanismo delle assunzioni legali.

Pechino sta adottando varie misure per combattere questa tratta, tra cui una campagna speciale lanciata due anni fa che ha portato all’arresto di oltre 17 mila persone e la liberazione di circa 9300 bambini rapiti. Per vari trafficanti non c’è stato scampo alla condanna a morte, ma per molti genitori privati dei figli il governo non sta facendo abbastanza,e ai loro occhi la polizia si dimostra spesso recalcitrante a seguire inchieste approfondite o a indagare in seguito a una denuncia di rapimento. Soltanto l’anno scorso le autorità centrali hanno dato l’ordine di dare il via alle indagini appena ricevuta una denuncia di rapimento, e da poco viene prelevato il Dna dei genitori a cui hanno rapito i figli per confrontarlo con quello dei bambini ritrovati. Nel frattempo sono sorte anche varie iniziative private, come un microblog dove vengono postate le foto di bambini che fanno l’elemosina, nella speranza che i genitori li riconoscano. Ma è anche successo che la polizia arrestasse quei genitori che le cui proteste non siano risultate gradite alle autorità cinesi. (mm)
Vai all'articolo

Fonte: Redattore Sociale

Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi