Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

lunedì 3 gennaio 2011

Ormai è una realtà di fatto: le pensioni del futuro copriranno meno della metà del proprio reddito.

Nelle scorse settimane è rimbalzata la decisione del commissario straordinario dell'Inps Antonio Mastrapasqua di rendere pubblici una quarantina di dossier che registrano il graduale abbassamento della copertura previdenziale per le attuali generazioni di lavoratori, che andranno in pensione anche più tardi (in media 70 anni).

La verifica "tecnico-attuariale" dimostra come il passaggio dal sistema di calcolo retributivo a quello contributivo (introdotto con la Riforma Dini del 1995) eroderà gradualmente l'importo finale degli assegni.

Per i lavoratori dipendenti si passerà dall'attuale 52% della retribuzione (54% considerando la gestione separata di elettrici, telefonici, trasporti, dirigenti d'azienda) al 54% nel 2015 per scendere al 46% nel 2037.

L'aumento iniziale delle retribuzioni medie è dovuto al fatto che nei prossimi anni andrà in pensione la generazione del baby boom, con una solida vita lavorativa alle spalle e importi calcolati in gran parte con il vecchio metodo retributivo.

Per la generazione attuale lo scenario si profila ben diverso.
Ad esempio un artigiano nel 2010 va in pensione in media con la metà di quanto guadagna, avrà un leggero aumento del grado di copertura fino al 53% nel 2018 (sempre per effetto del sistema retributivo) ma poi calerà al 43% nel 2037.

Stessa sorte per i commercianti, che attualmente dispongono di una media del 46% (sommando le prestazioni di vecchiaia, anzianità, invalidità e reversibilità) che salirà al 52% nel 2017 per poi crollare al 44% nel 2037.

Facendo un calcolo veloce: 48mila redditi da lavoro, 21mila euro di pensione.
Per i parasubordinati non si hanno ancora stime precise, anche se si ipotizza addirittura un 14% della retribuzione, ma sono calcoli imprecisi, mentre altre stime ipotizzano una fascia dal 36% al 50-55%.

Insomma oltre la metà del proprio reddito non si sfugge.
Questo per le giovani generazioni comporta un duplice scenario: lasciare che il tempo scorra senza trovare un rimedio e accontentarsi di dimezzare drasticamente il proprio stile di vita in un'età delicata come la vecchiaia, situazione che sarebbe foriera di non pochi disagi e rischi, oppure costruirsi da subito una pensione di scorta che compensi l'abbattimento degli assegni pubblici.

Il mercato per fortuna offre diverse soluzioni per chi non vuole sfidare la sorte e preferisce risparmiare come una formichina lungimirante per proteggere il proprio futuro.

La prima soluzione potrebbe essere un fondo pensione, da agganciare eventualmente ad un Pac (piano di accumulo) finanziario.

Bastano anche 100 euro al mese, da investire in un piano assicurativo protetto (il mercato ne offre diversi a capitale garantito e con un rendimento minimo annuo del 2%) per un periodo compreso dai 10 ai 25 anni e riscattare l'investimento sotto forma di rendita vitalizia o liquidazione del capitale.
L'abbinamento di un Fondo Pensione con un Piano di Accumulo permette di giocare su due versanti, il finanziario e l'assicurativo.

Si può scegliere ad esempio di investire 200 euro al mese in un fondo obbligazionario a medio-basso rischio ed a fine anno dirottare una quota del piano di accumulo (poniamo 1.500 euro su un totale di 2.400 se si calcola la rata di 200 euro) direttamente su un fondo pensione. E proseguire così ogni anno. Senza aggiungere gli eventuali rendimenti (o le perdite), considerato che ovviamente un Pac finanziario non garantisce la protezione del capitale come la previdenza integrativa.

Il 61% dei fondi pensione aperti e negoziali da inizio anno a fine ottobre ha battuto il confronto con il Tfr (con il quale viene rivalutata ogni anno la liquidazione), che si attesta in media al 2,1%.

I prodotti di categoria invece hanno reso il 2,7%, quelli aperti il 2,8%, con punte fino al 6-8%. Obiettivo raggiunto anche nel 2009 e fallito invece nel 2008.
Nel complesso la pensione di scorta ha tenuto, nonostante i crolli delle borse e le tensioni sul mercato dei bond.

Al di là comunque del tipo di operazioni da seguire, la cui decisione non è semplice ed andrebbe affidata ad un professionista del settore, è fondamentale cominciare quanto prima.

Un invito rivolto soprattutto alle giovani generazioni che possiedono una cultura previdenziale ancora bassa e subiranno sulla loro pelle il drastico deterioramento del proprio assegno.

fonte

Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi