Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

domenica 9 gennaio 2011

Un container carico di Cobalto 60. Dal 14 luglio scorso, parcheggiato in un’area isolata del porto di Genova, c’è un cubo radioattivo a cui non è possibile avvicinarsi e il cui “sarcofago” metallico potrà essere aperto solo il mese prossimo, con l’ausilio di un robot. Il container – secondo quanto riporta il Secolo XIX – proverrebbe dagli Emirati Arabi uniti, dal porto di Jeddah e, prima di giungere a Genova, sarebbe passato dal porto di Gioia Tauro, in Calabria, dove il dieci settembre scorso era stato sequestrato un altro carico di sette tonnellate di esplosivo T4. Una delle ipotesi formulata dagli investigatori è che quella individuata nel porto ligure possa essere una spedizione utile a creare le cosiddette “bombe sporche”, costituite in parte proprio da agenti chimici.

La bolla di accompagnamento del container radioattivo sequestrato nel porto di Genova,  inoltre, attesta un carico di diverse tonnellate di metalli e rame. La presenza di materiali ferrosi – dicono gli esperti – aiuta a schermare la radioattività verso l’esterno. Parcheggiato sul terminal numero 6, al container in questione ne sono stati affiancati altri pieni d’acqua o cemento, in modo da evitare ulteriori dispersioni di radiazioni. Ad ordinare il carico, la ditta Sigimet Surl di Pozzolo Formigaro (Alessandria) specializzata nel trattamento e nello smaltimento di rottami metallici che avrebbe utilizzato uno spedizioniere genovese già indagato per sostanze contaminate (non radioattive).
Ieri i tecnici del Viminale hanno esaminato il carico dall’esterno e – pur escludendo pericoli per la cittadinanza – hanno rilevato radiazioni molto intense, soprattutto nel punto di contatto della sorgente con il container. Già nel marzo del 2008, inoltre, al porto di Genova era stata sequestrata una partita di metalli radioattivi, contenenti Cobalto60. In quel caso la spedizione proveniva dalla Cina.
Una stranezza che ancora non è stata chiarita, infine, riguarda il porto di Gioia Tauro: nessuno si è accorto della radioattività sprigionata dal container.

fonte

Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi