Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

mercoledì 12 gennaio 2011



Tornatore e l’Arma dei Carabinieri, Falcone e Borsellino, gli scontri di via De Amicis e Indro Montanelli, la Fracci e Sordi, Coppi e Bartali, De Gasperi ed Eduardo. Meno di quattro anni fa, si proponeva come il precipitato della storia italiana, un’azienda che “appartiene a tutti noi”.

Oggi è la multinazionale dei ricatti, “o così o andiamo all’estero, senza l’Italia andremmo meglio”.

Che ci abbiano lievissimamente preso per il culo?


Condividi su Facebook

2 commenti:

Anonimo ha detto...

personalmente ti direi.. moooolto discutibile come argomentazione.. ti spiego perchè:
un manager ha dei soldi e li deve investire.. se dovesse segure un metodo economico non guarderebbe neppure l'italia. in questo caso abbiamo una persona che cerca di aiutare l'economia italiana( gli investimenti per definizione portano ricchezza in un paese).. per poter compiere questo investimento deve assicurarsi di avere le condizioni di lavoro adatte.. lo chiami prendere per i fondelli..? fai come ritieni...

Anonimo ha detto...

io credo ivece che quest azienda se se ne andasse da questo paese farebbe un favore a tutti gli italiani troppo lungo da spiegare ma basterebbe senza girare troppo il mondo ma solo l europa per vedere quante fiat viaggiano sulle strade .... la fiat se non ha il mercato italiano venderebbe il 15x100 delle sue vetture certo che con il ricatto si deve pareggiare con il ricatto te ne vai ? qui in questa nazione non vendi neppure uno specchietto ...tanti saluti e a mai piu' :

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi