Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

mercoledì 12 gennaio 2011

Sta accadendo qualcosa in Sardegna, qualcosa di grave che però non trova l’eco che meriterebbe. Le grandi fonti dell’informazione tacciono, ad esclusione di pochi piccoli casi; le personalità politiche figuriamoci. Ma il dramma che si sta vivendo a Quirra, la località sarda che ospita il poligono militare interforze tra le colline di Perdasdefogu e lo specchio di mare di Capo San Lorenzo, deve esser descritto bene, sebbene si rischi di toccare qualche nervo scoperto indagando su certi ambienti militari.
Pino Cabras su “Megachip” ha dato risalto al reportage di Paolo Carta pubblicato il 4 gennaio da “L’Unione Sarda”, in cui si parla della cosiddetta “sindrome di Quirra“: 40 civili e 23 militari sono morti per la leucemia, accompagnati da animali nati deformi e poi deceduti anch’essi per strane complicazioni. La causa: un disastro militare-ambientale che si consuma nella terra che fa da sfondo per la stragrande maggioranza delle esercitazioni militari italiane.


I primi a trattare la vicenda, e gliene va reso grande merito, son stati due scrittori molto interessati all’accaduto. Ne sono nati due romanzi, “Perdas de fogu” firmato da Massimo Carlotto col collettivo sardo Mama Sabot, e “Il pettine senza denti” di Eugenio Campus, in cui si dà “il là” allo studio della sindrome. In seguito, un’indagine avviata dai veterinari delle Asl di Cagliari e Lanusei, per monitorare l’impatto ambientale e sulla salute nell’area a ridosso del poligono, ha evidenziato i grossi problemi della zona, ormai teatro di una tremenda situazione costellata di agnelli deformi e pastori con la leucemia (ben 7 su 10, dicono le stime). I risultati choc delle indagini ci dicono addirittura che esiste un possibile link tra le deformazioni genetiche degli agnelli e i tumori che hanno colpito gli allevatori della zona.
L’indagine dei veterinari ha riguardato solo gli allevamenti, ma sono molti anche i semplici cittadini interessati alla vicenda che hanno osservato gli effetti della sindrome sull’uomo, cercando di raccogliere informazioni e dati; importante il lavoro del comitato pacifista “Gettiamo le Basi”, che ha raccolto le tristi cifre sui morti. Tocca ora al comitato scientifico responsabile del monitoraggio ambientale dare delle risposte e dei segnali forti, sebbene stia ritardando nei lavori già da un anno, come fa sapere “L’Unione Sarda”.
Quali sostanze assassine sono protagoniste della vicenda: sembra trattarsi delle cosiddette “polveri di guerra”: nano-particelle di metalli pesanti, causate da esplosioni a  temperature molto elevate, raggiungibili solamente con l’utilizzo di proiettili arricchiti. Tracce di “polveri di guerra” sono state rilevate persino a Baunei, molto più a Nord del poligono del Salto di Quirra, come conferma la dottoressa Maria Antonietta Gatti dell’Università di Modena, consulente delministero della Difesa nella commissione parlamentare d’inchiesta sull’uranio impoverito.Nelle campagne sarde della zona sono veramente troppi i casi eccezionali di pastori e allevatori affetti da tumori e leucemia, che quasi sempre portano alla morte dei malati nel giro di pochi anni, nel silenzio di chi sa quali sono i rischi di certe esercitazioni militari; gli agnelli nascono senza genitali, o sventrati, o con gli occhi dietro le orecchie.
Si tratta di una Chernobyl italiana, e va fermata, anche se è già troppo tardi, anche se non doveva nemmeno iniziare.

Condividi su Facebook

5 commenti:

Anonimo ha detto...

sono Sardo, e non nè sapevo niente di questa storia... dev'essere stata sepellita per bene....Bastardi

Antu ha detto...

Tutto questo spregio verso l'umanità e l'amiente deve davvero farci incazzare!

Gia ha detto...

Anche io sono Sarda.. Come mai non si sa nulla? Sono sconcertata è assurdo!

astral85 ha detto...

considerando la vostra efficacia nel raccogliere informazioni vorrei segnalarvi il disastro ambientale di porto torres proprio di pochi giorni fa...nessuno dice niente ne se ne occupano, e intanto le nostre spiagge stanno diventando nere, vi chiedo pertanto di pubblicare un articolo a riguardo...mi si spezza il cuore a vedere le immagini delle conseguenze! grazie in anticipo! Astrid!

Anonimo ha detto...

NON C'è NULLA DI INSABBIATO NELLA FANTOMATICA "SINDROME" DI QUIRRA, MA SOLO PARTECIPAZIONI FAZIOSE DI NOTIZIE GONFIATE AD OC. VIVO NELLA ZONA..MA QUALCUNO SI è SCORDATO DI DIRE CHE CI SON STATI TROPPI MATRIMONI TRA CONSANGUINEI, CHE ESISTE UNA MINIERA PIENA STRAZEPPA DI ARSENICO CHE NON è STATA BONIFICATA A DOVERE. NOTIZIE CHE NON FANNO VENDERE E CHE I GIORNALI SI GUARDANO BENE DAL PUBBLICARE. MA SON TUTTE CERTE E DOCUMENTATE. GLI AGNELLI DEFORMI? AGNELLI IMPORTATI DAL BELGIO. ALTRE DEFORMAZIONI? OGNI GREGGE HA UN SOLO CAPO MASCHIO (O POCHI DI PIù) PER L'ACCOPPIAMENTO CON LE FEMMINE. ANDREBBERO SOSTITUITI OGNI PAIO D'ANNI MA NESSUNO LO FA. IL RISULTATO? STESSA COSA CHE NEGLI UMANI CONSANGUINEI: DEFORMAZIONI E MALATTIE GRAVI. URANIO? DUE INCHIESTE CHIUSE DA UN ENTE SUPERPARTES IL 25.02.2011. FORSE è MEGLIO DARE TUTTE LE INFORMAZIONI E LASCIARE A CHI LEGGE LA LIBERA SCELTA DI CAPIRE CIò CHE VIENE SCRITTO, SENZA PILOTARE CON FALSE INFORMAZIONI...PER LO MENO SAREBBE MEGLIO SCRIVERE TUTTO E NON SOLO CIò CHE SI VUOLE. :))

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi