Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

martedì 11 gennaio 2011

Dopo che Silvio Berlusconi è riuscito a “comprarsi” il voto di fiducia della Camera, le alte gerarchie cattoliche si sono precipitate a dargli il loro sostegno in nome dei “valori” e della “stabilità”.
Berlusconi garantisce il crocifisso
Il primo è stato Ratzinger che il 17 dicembre, ricevendo il nuovo ambasciatore italiano presso la Santa Sede, ha espresso “apprezzamento al Governo italiano” per essersi opposto al “tentativo di eliminare dai luoghi pubblici l’esposizione dei simboli religiosi, primo fra tutti il Crocifisso”.
Tale condotta, secondo Benedetto XVI, corrisponde “a una corretta visione della laicità” perché il crocifisso ”è certamente l’emblema per eccellenza della fede cristiana, ma allo stesso tempo, parla a tutti gli uomini di buona volontà e, come tale, non è fattore che discrimina”.
Ovviamente buon senso e logica vorrebbero che a dire se il crocifisso parla o no a tutti gli uomini di buona volontà fossero gli interessati e non il papa al posto loro. Ma logica e buon senso, si sa, non sono di casa in Vaticano.
… tutela i “valori”
E il problema non è solo questo. Il problema è che Ratzinger trova il tempo di elogiare il governo per l’esposizione dei crocifissi nelle scuole mentre non trova il tempo di criticarlo per aver esposto i richiedenti asilo eritrei alla tortura e alla morte con i respingimenti in mare, o per aver esposto alla disoccupazione e alla precarietà milioni di giovani.
Posizione tuttavia ben comprensibile dato che né la “solidarietà”, né la “accoglienza”, né “la lotta alla corruzione”, né la “giustizia” rientrano per la Chiesa fra i valori “non negoziabili” che tutti i governi, di destra o di sinistra, devono difendere, mentre vi figurano “la vita, la famiglia, la libertà di educazione e ancor prima quella religiosa” (crocifisso incluso). Tale è infatti l’elenco enunciato dal cardinal Bagnasco nell’intervista a La Repubblica del 19 dicembre scorso, e ripetuto a fine anno, insieme al valore supremo della “governabilità” (cioè non far cadere Berlusconi).
…e assicura la stabilità
Anche Ruini è d’accordo, come mostra il suo elogio della “stabilità” nell’intervista data al “Corriere della sera” la notte di Natale. A chi gli chiedeva se i centristi cattolici (UdC) potrebbero contribuire alla stabilità, Ruini ha risposto sornione: “La stabilità è certamente un bene per il Paese. Quindi è opportuno che ogni forza che può farlo contribuisca”. Chi ha orecchie per intendere, intenda (ossia: Casini capisca che è bene per il paese separarsi dal “laicista” Fini, come suggerito da Avvenire, e correre in aiuto a Berlusconi, in nome dei famosi valori non negoziabili).
Per chi avesse ancora dubbi sulle simpatie del cardinale, Ruini avverte che non ama “dare giudizi pubblici sui comportamenti privati delle singole persone” (toh!, sul comportamento di Welby che rivendicava il diritto a morire con dignità il cardinale aveva eccepito; su quello del Caimano che candida nelle sue liste le escort con cui va a letto, Ruini ”non ama” invece mettere becco).
E alla domanda “L’ espansione della Lega la preoccupa?” il cardinale risponde: “Non credo sia da collegarsi a una volontà separatista, ma più che altro a una rivendicazione delle autonomie locali e in genere di concretezza”. Anche lui è assolutorio, come Fisichella, e neppure si accorge dei barconi di profughi respinti, mandando i loro occupanti a morire nel deserto libico. Quando si dice essere uomini, anzi cardinali, di fermi e cristiani principi.
La Chiesa: una minaccia per la democrazia 
La Chiesa, fautrice per anni di Berlusconi, ma incerta o tentennante nella difesa del suo governo e pronta a cambiare cavallo quando pareva inevitabile il tracollo, torna dunque ad appoggiarlo. Come fece nei confronti di Mussolini dopo il delitto Matteotti, quando “fiutò” che il Cavaliere (quell’altro) sarebbe rimasto in sella. Niente di nuovo, nella storia dei rapporti fra Chiesa e governo italiano, fra Chiesa e potere. C’è solo la conferma del ruolo della Chiesa, come “sponda” essenziale per i regimi autoritari e per le dittature, e del ruolo nevralgico di una battaglia per la laicità dello stato.
Troppo spesso e da troppe parti si considera questa battaglia come una battaglia per diritti marginali che interessano solo piccole minoranze (i gay, le coppie di fatto). A parte che difendere i diritti delle minoranze è essenziale per garantire la libertà di tutti, resta il fatto che oggi, in Italia, ristabilire la laicità dello stato, metterlo al riparo dalle quotidiane scorribande del Vaticano, è indispensabile per ridurre il ruolo delle gerarchie cattoliche nelle vicende politiche e quindi per difendere la vacillante democrazia del nostro paese.
Condividi su Facebook

1 commenti:

Anonimo ha detto...

Il tuo anticlericalismo sa di stantio,sono concetti vecchi di ben duemila anni!!!Consiglio vivamente a chi ama occuparsi di politica ..di dare una rispolveratina ai libri di storia!!!Possibilmente di autori ed editori non schierati!!!!Credi,fa bene anche alla salute!!Il livore alla lunga danneggia il fegato!!!!!

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi