Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

domenica 2 gennaio 2011

Con l'ultima vittima civile, si chiude un anno drammatico per la Striscia: 59 palestinesi uccisi, 24 di loro civili

Quasi a voler sfruttare il periodo delle feste di fine anno e il letargo dei media verso questo lembo di terra martoriato, continua l'escalation di attacchi israeliani ai civili di Gaza.
Lunedì notte navi da guerra israeliane hanno assaltato un peschereccio palestinese, mentre questo si trovava a navigare dinnanzi a Beit Lahya, a nord della Striscia, in acque legalmente riconosciute essere di GazaSequestrata l'imbarcazione e rapito l'intero l'equipaggio di sei pescatori. I pescatori sono statirilasciati il giorno stesso, mentre il peschereccio, di proprietà del pescatore Abd Al Salam Al Hessi, rimaneconfiscato dalla marina militare israeliana, con immenso danno dei lavoratori palestinesi che non hanno più di che sostenere le loro famiglie.
Martedì pomeriggio, soldati israeliani durante una incursione in territorio palestinese hanno sparato alcuni colpi verso alcuni lavoratori impegnati a recuperare materiale edile di riciclo da delle macerie a est di Gaza city. Colpito da una scheggia di proiettile e fortunatamente ferito solo in modo lieve, Mahmoud Mousa Mohammed di 19 anni (foto uno). Quando i miei compagni dell'International Solidarity Movement (Ism) lo hanno visitato verteva ancora in visibilmente sotto shock.
L'episodio piu' efferato di attacchi israeliani martedì verso sera a est di Khan Younis, dove uncolpo di carro armato ha ucciso Hassan Mohammed Qedeh, di 19 anni(foto due)
Nonostante le prime informazioni identificassero la vittima come un guerrigliero della resistenza, testimoni nella zona hanno confermato la tesi dei parenti che trattasi di vittimacivile.
Prima del tramonto Hassan si era recato nella zona diKhoza a circa settecento metri dal confine dove due giorni prima due suoi familiari, Issa Abu Rok e Muhammad An-Najjar, membri della resistenza, erano stati fatti a pezzi da un attacco israeliano compiuto con elicotteri Apache e carri armati. Hassan era andato a esaminare la zona per accertarsi che brandelli di cadavere dei suoi parenti non giacessero ancora al suolo. Secondo il racconto di Ahmed, il fratello della vittima, un cecchino appostato su di una jeep lungo il confine ha fatto fuoco colpendo il ragazzo ad una gamba.
"Lo hanno lasciato sanguinare per due oreimpedendo ai mezzi di soccorso di raggiungere l'aerea, tanto per farlo soffrire quanto più possibile, poi l'hanno finito con un colpo partito dahttp://it.peacereporter.net/articolo/26102/Buon+anno+Gaza un carro armato che lo ha centrato alla testa decapitandolo". Mi ha raccontato Ahmed, che ha aggiunto: "la zona dove hanno ucciso mio fratello è pianeggiante, priva di ostacoli che ostruiscono la vista. I soldati prima di sparare hanno visto chiaramente che Hassan era un civile, privo di armi o di intenti bellicosi".
Non riuscendo le ambulanze della Mezza Luna Rossa a raggiungere l'aerea senza il rischio di venire a loro volta attaccate, cinque parenti di Hassan hanno cercato di soccorrerlo, ma i soldati dalla jeep hanno sparato contro di loro in modo da tenerli distanti, prima proiettili poi una sorta di bombe a gas che li hanno intossicati, provocando svenimenti.
Allontanandomi dall'ennesima veglia funebre alla quale ho partecipato con i compagni dell'Ism, un vicino di casa della vittima si è avvicinato dicendomi: "Sparano ai civili come fosse uno sport, una forma di divertimento, come andare a caccia".
In effetti i numeri parlano da soli, secondo dati dell'Onu, l'anno che si va concludendo è stato di caccia grossa a Gaza per i soldati d'Israele, con 59 palestinesi uccisi, 24 dei quali civili e più di 220 feriti. Nel 2010 nessuno civile israeliano è rimasto ucciso dai razzi sparati dalla Striscia.

fonte

Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi