Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

giovedì 2 dicembre 2010

Vigliacchi. Infami. Bastardi. Repressi.
Forse non è il modo più consono di iniziare un articolo ma, guardando queste foto, non riesco a fare altro. Una faina è stata uccisa ed appesa per la coda al cartello del Parco Nazionale della Majella. Perché? Si parla di provocazione o vendetta di gruppi di cacciatori a cui vanno “stretti” i regolamenti che disciplinano la caccia. Provocazione o vendetta, scherzo o presa in giro questi episodi non fanno altro che generare sdegno nei confronti di una categoria (quella dei cacciatori) che già non suscita molta simpatia: un ultimo sondaggio ha rivelato che il 79% degli italiani considera la caccia “un’attività venatoria, non solo anacronistica e crudele, ma anche molto pericolosa”. Senza contare il danno d’immagine che subisce il Parco Nazionale stesso, definito patrimonio naturale e culturale!


Mi auguro che gli abitanti e l’amministrazione di San Tommaso, piccola frazione del Comune di Caramanico Terme (dove si trova il Parco protetto o almeno, così dovrebbe essere) oltre a sdegnarsi e a condannare l’atto, assolutamente riprovevole, immorale e vergognoso, prendano posizione chiare contro chi compie gesti come questo.
Bisogna “dare la caccia” ai responsabili  – condannandoli moralmente -   tenendo conto di una differenza importante: gli animali quando vengono cacciati non hanno colpa, sono vittime. Gli uomini hanno sempre colpa, hanno sempre qualcosa per cui redimersi. Gesti infami come quello accaduto a San Tommaso non devono ripetersi.

"L’uomo è l’unico animale che arrossisce, ma è l’unico ad averne bisogno." Mark Twain.
Condividi su Facebook

1 commenti:

vitariello ha detto...

Non ci poteva essere titolo più azzeccato:vigliacchi,perchè si sentono forte solo con chi non può difendersi;infami,perchè uno scontro con i suoi pari li renderebbe fragili e pieni di paura;repressi perchè mentalmente sono morti,falliti e non sanno affrontare la realtà.Vorrei incontrarli io questi coglioni per metterli in mezzo agli animali feroci e farli sentire impotenti come questo animale,che certamente sapeva affrontare la vita meglio di loro.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi