Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

martedì 28 dicembre 2010

Arriva Berlusconi, ed è tutta un’altra aria. Via il canale all news, al suo posto il reality infinito, 24 ore su 24. Cnn+, la versione spagnola del network di Atlanta, chiude i battenti la notte di San Silvestro, a causa dei pesantissimi debiti accumulati in questi anni dal gruppo Prisa (editore di El Pais), che gestiva l’accordo con Turner. E Paolo Vasile, ad delle tv del Cavaliere in terra iberica – otto canali tdt dopo la fusione di Telecinco con Cuatro – ha già trovato una soluzione in linea con lo stile della casa per occupare la frequenza rimasta libera: una non-stop quotidiana del Gran Hermano, il Grande Fratello spagnolo.

Alla vigilia di Natale, in un clima di grande mestizia, si era congedato da Cnn+ Inaki Gabilondo, il nome più prestigioso del giornalismo radio-televisivo spagnolo. Ora, al suo posto, ci sarà Mercedes Milà, conduttrice storica del GH, che trasforma in realtà il suo sogno: quello di mantenere perennemente accesi i riflettori sul polemico reality. “Ho bisogno della mia dose di droga pesante”, aveva dichiarato di recente la popolarissima giornalista, molto amica della principessa Letizia. Per esigenze di palinsesto, l’uomo di B. l’ha accontentata.

Già si era visto negli ultimi anni: le edizioni più recenti del Gran Hermano si erano andate nel tempo. Due settimane in più. Un mese in più. Ora che il programma di Endemol (altra società del gruppo Berlusconi) potrà avere a disposizione un intero canale televisivo, c’è già chi assicura le edizioni si susseguiranno senza soluzione di continuità. Chiusa una, partirà quasi subito quella successiva. Giusto il tempo di completare le selezioni dei participanti e cambiare gli arredi nella casa di Guadalix de la Sierra, alla periferia di Madrid.

Milà si è sempre lamentata quando l’hanno definita tv spazzatura. Ma ora, più che mai, il confronto sarà inevitabile. E stridente. Fino ad oggi quello era il canale su cui ci si sintonizzava per seguire dibattiti parlamentari e conferenze stampa, per avere aggiornamenti in diretta sull’attualità nazionale e internazionale, per seguire i talk-show con firme prestigiose del giornalismo. Da gennaio, al centro dell’attenzione ci saranno gli amori e disamori del reality. La jacuzzi e il lettone al posto della scrivania e le poltroncine dello studio televisivo.

Segno dei tempi che cambiano, della tv di qualità che si arrende al più forte, che poi è sempre il solito. Ieri in Italia. Oggi anche in Spagna. Per la disperazione, e lo sconforto, soprattutto di quei circa 300 dipendenti di Cnn+ che, una volta sciolta la società, verranno assorbiti tutti dall’agenzia Atlas, gruppo Berlusconi. Anzi, non proprio tutti. Ad alcuni – i più progressisti, considerati incompatibili con la linea delle tv del Cavaliere – l’amministratore delegato Paolo Vasile avrebbe già consigliato di trovarsi una nuova collocazione in altre aziende.

fonte

Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi