Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

giovedì 30 dicembre 2010

Quando il futuro diventa un 'indice di produzione globale' che schiaccia sogni, aspirazioni, desideri e il giusto riconoscimento di diritti individuali e collettivi c'è da chiedersi non tanto come si sia potuti arrivare fino a qui. Ma come se ne uscirà


La firma del contratto per Pomigliano, raggiunta ieri con l'esclusione della Fiom, è fine e principio.

Fine di un percorso di alcuni mesi, in cui l'ostinazione di Sergio Marchionne ha portato all'uscita dal Contratto nazionale di riferimento, l'uscita da Confindustria, la fondazione di una Newco, l'esclusione dal tavolo non solo di un attore importante come la Fiom, ma anche di formazioni capaci e agguerrite che risiedono nel sindacalismo di base.
Il ricatto fra lavoro e diritti è sancito. Con buona pace dei sindacati che giustificano le proprie firme in calce all'accordo sostenendo che in periodi di crisi ci si deve adattare e riuscire a strappare le migliori condizioni.

Il principio sta in una strada senza un approdo visibile, in cui l'unica certezza è rappresentata dall'effetto domino che avrà una ferita così profonda nelle relazioni economiche e sindacali inferta dal sistema Marchionne. Quante altre imprese si accoderanno, e soprattutto quante altre giocheranno a rimpiattino fra il Contratto nazionale, i contratti esterni e gli integrativi in un sistema ormai disintegrato, pezzo per pezzo, rispetto a quanto era stato conquistato faticosamente in anni di lotte?
Se la questione del lavoro è grave - e il segretario della Fiom Landini bene ha fatto a ricordare alla speculazione politica cosa sia la fatica della catena di montaggio a 1300 euro mese, sotto ricatto - altrettanto grave, pur se su un altro livello, è quello della rappresentanza sindacale.


L'esclusione della Fiom, che al tavolo non si è seduta, e la pervicacia con la quale gli altri due sindacati maggiormente rappresentativi hanno proseguito sulla propria strada, ci dicono di un punto di non ritorno. Le stesse dichiarazioni, sicuramente surriscaldate dalla cronaca, in cui Cisl e Uil proseguono nelle accuse di istigazione alla violenza rispetto alle durissime critiche rivolte da esponenti della segreteria Fiom sono benzina gettata sul fuoco, che scalda il cuore del ministro Sacconi, particolarmente contento e di tutti quelli che nelle crepe del sindacato vedono un'ottima occasione per infierire nella propria offensiva. Che spacceranno per 'investimento nazionale' e non certo come profitti da accumulare nei propri bilanci.


La saldatura del cerchio è nella riforma Gelmini. Il classismo, il divario ricchi/poveri, le diseguaglianze sociali, di opportunità personale e collettiva, culturale ed economica, che si delineano all'orizzonte non dicono nulla di buono. Quando il futuro diventa un 'indice di produzione globale' che schiaccia sogni, aspirazioni, desideri e il giusto riconoscimento di diritti individuali e collettivi c'è da chiedersi non tanto come si sia potuti arrivare fino a qui, ma come si potrà uscirne senza situazioni traumatiche. Per tornare a rivendicare uguaglianza sociale, pari opportunità di accesso alla cultura e al lavoro, un nuovo senso del tempo quotidiano, una diversa concezione di profitto. Un ritorno a quella parola, solidarietà, che prevede di rispondere insieme, in solido appunto, rispetto al futuro.


Condividi su Facebook

1 commenti:

Anonimo ha detto...

ma nn diciamo fesserie.... tra dipendenti fiat u pubblici erann gli unici ad avere diritti... marciandoci dentro aLLA GRANDE.... iniziamo da tutte le categorie d lavoratori a dare almeno dei minimi diritti d basa.... almeno sul minimo vitale da guadagnare x le canoniche 40 ore settimanali..... ma come si fa dove i dindacati compagni difendono sempre i gia difesi e dove lo staTO è IL PRIMO LADRO SULLE BUSTE PAGHE E SU TUTTO CIO CHE CONSUMIAMO????????

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi