Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta esteri governo economia editoriale scandali fatti e misfatti salute diritti civili mass media giustizia ambiente sanità USA crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi libertà forze dell'ordine scienza censura lavoro cultura berlusconi infanzia animali chiesa centro energia internet mafie riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO notizie europa carceri satira scuola eurocrati immigrazione facebook banche euro grillo renzi manipolazione mediatica pensione bilderberg mondo alimentari signoraggio razzismo manifestazione finanza sovranità monetaria massoneria debito pubblico guerra travaglio Russia disoccupazione tasse militari poteri forti UE ucraina trilaterale geoingegneria germania parentopoli Grecia siria banchieri mario monti inquinamento enrico letta marijuana vaccini big pharma napolitano nwo obama Traditori al governo? agricoltura ogm Angela Merkel austerity sondaggio tecnologia bambini canapa cancro meritocrazia umberto veronesi vaticano armi fini suicidi BCE PD equitalia terrorismo clinica degli orrori nucleare privacy video prodi boston israele ministero della salute sovranità nazionale bancarotta eurogendfor fondatori del sito globalizzazione iene monsanto staminali INPS Putin droga acqua bufala marra matrimoni gay nigel farage nikola tesla politica anatocismo elezioni evasione fisco magdi allam moneta pedofilia troika usura FBI africa francia fukushima informatitalia.blogspot.it ricchi società Aspen Institute Auriti CIA Giappone adam kadmon attentati autismo bavaglio costituzione draghi federico aldrovandi fiscal compact fmi giuseppe uva golpe lega nord nsa petrolio sicilia stamina foundation terremoto Cina Onu assad controinformazione crimea frutta giovanardi goldman sachs imposimato m5s mcdonald mes psichiatria rifiuti rockfeller rothschild sciopero servizi segreti slot machine spagna svendita terra torture turchia violenza Marco Della Luna aldo moro arsenico barnard bonino edward snowden famiglie fed forconi inciucio laura boldrini magistratura nato no muos no tav palestina proteste storia suicidio università vegan virus 11 settembre 9 dicembre Fornero Ilva Muos NASA Svizzera Unione Europea aids alan friedman alimentazione antonio maria rinaldi borghezio carne casaleggio chernobyl corruzione corte europea diritti uomo delocalizzazione diffamazione disabili ebola educazione elites esercito farmaci gesuiti gheddafi giuliano amato hiv illeciti bancari illuminati india influencer informazione iraq islam islanda latte legge elettorale marò microspia mmt paola musu precariato prelievi forzoso privilegi propaganda prostituzione radioattività salvini sardegna sigaretta elettronica sigonella sindacati sovranità individuale spread stati uniti stefano cucchi taranto ungheria veleni verdura Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL aborto aborto forzato affidamento alluvione amato anonymous anoressia argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio brevetto btp by cambiamento camorra cannabis capitalismo carabinieri cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione contestazione controllo mentale corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani davide vannoni dell'utri denaro dentista dentisti denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dittatura dogana domenico scilipoti donne dossier duilio poggiolini ebook egitto elettrosmog eroina eurexit europarlamento fallimento false flag fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giustizia sociale gold hollande ignazio marino ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie maratona mariano ferro marine le pen mario draghi mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra mossad multe musica natura nuovo ordine mondiale obbligazioni ocse oligarchi omofobia oppt orban overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia ricerca riformiamo le banche rigore riserva aurea risveglio coscienze saddam sangue satana schiavi scie chimiche scoperto secessione sert sfratto sisa snowden speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse telefono cellulare teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen trust tsipras twitter universo uranio impoverito uruguay vati vegetariani vessazioni vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

lunedì 27 dicembre 2010
Lo spot che in questi giorni sta passando in tv è assolutamente ignobile dal punto di vista del messaggio, veicolato in maniera subdola, e che spinge lo spettatore a convincersi che il nucleare sia cosa buona e sicura (intanto proliferano gli incidenti nel silenzio dei media).
Solo i meno attenti cadranno nella trappola, ma c’è da domandarsi: quanti sono i meno attenti in Italia? Crediamo tanti, perciò noi di ‘Italiani Imbecilli’ denunciamo le finalità e il costrutto di questo spot.
Solo apparentemente lo spot offre allo spettatore due punti di vista differenti da scegliere, in realtà questo filmato è stato creato per orientare in maniera precisa lo spettatore verso il nucleare. La tecnica è sempre quella: colpire la parte emotiva. E qui la parte emotiva dello spettatore viene raggiunta e colpita attraverso due elementi principali:

1. il colore degli scacchi
2. la voce fuori campo che accompagna le mosse sulla scacchiera
Il colore degli scacchi: si noterà che la parte antinucleare gioca con i pezzi neri, mentre il giocatore che sostiene il nucleare muove i pezzi bianchi. Elementare, quindi, l’associazione simbolica. Il nero che è culturalmente legato all’idea della morte, del brutto, del cattivo, sostiene l’idea antinucleare. Il bianco, legato al concetto di purezza, di trasparenza, di bontà, sostiene l’idea del nucleare. Il messaggio percepito a livello emotivo è: il nucleare è buono, l’antinucleare è cattivo.
La voce fuori campo: al fine di potenziare ulteriormente la tesi pro nucleare, lo spot utilizza il timbro della voce. L’antinuclearista ha una voce aspra, mentre il nuclearista è doppiato con una voce suadente, leggera, soave, confidenziale. Lo spettatore è portato a legarsi emotivamente alla voce confidenziale, quindi alla tesi nuclearista. Si crea artificialmente uno scambio di fiducia reciproca tra lo spettatore e il nuclearista.
Anche la sceneggiatura dello spot gioca a favore del nucleare, nella parte finale, quando la voce fuori campo dice che il nucleare ‘è una grande mossa’. Subito dopo questa battuta non vengono compiute altre mosse sulla scacchiera, a indicare che l’ultima mossa del cavallo bianco (nuclearista) ha realizzato il suo scacco, ha vinto la partita (e l’italiano medio sta sempre dalla parte del vincente). Nello spot è quindi tutto già deciso a priori. Non c’è nulla da scegliere.
Chi ha ordinato o progettato lo spot, quindi, non ha voluto offrire allo spettatore un’equa possibilità di scelta tra due teorie, bensì orientare il consumatore (non dichiarandolo) verso l’opzione nucleare in maniera precisa e subdola. Perciò noi denunciamo questa pubblicità ingannevole all’Antitrust, in base all’articolo 14 della direttiva n. 2005/29/CE sulle pratiche commerciali sleali tra imprese e consumatori nel mercato interno. L’articolo 14 fa specifico riferimento alla direttiva 2006/114/CE (pubblicità ingannevole).
Al di là di tutti questi chiarimenti, vogliamo anche aggiungere che questa campagna pro nucleare, oggi, è totalmente fuorilegge, giacché si inducono gli italiani a scegliere qualcosa che essi avevano già scelto e deciso con il referendum del 1987. Ma se davvero vogliamo ignorare anche i referenda, allora potrebbe anche esserci l’occasione per ignorare il referendum tra repubblica e monarchia (tanto le due forme, per come si è attuata la repubblica, si equivalgono). E’ tutto uno schifo!
Se volete anche voi denunciare lo spot, è sufficiente scaricare questo modulo e indirizzarlo al seguente, anche via fax:
Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato
(Autorità Antitrust)
via Liguria, 26 – 00187 Roma
Tel. 06.481621
Fax 06.48162345
(guida per la compilazione del modulo)
PS. Esiste un altro elemento, in aggiunta ai due illustrati, che muove emotivamente lo spettatore verso il nucleare, ma pensiamo che già quei due possano bastare, senza scomodare ulteriormente il grande semiologo Rudolf Arhneim.
Ci dispiace per il governo, ma sono ancora in vita persone che hanno potuto studiare in una scuola pubblica decente, dove Arnheim, Marcolli, Moro, Benjamin, Calabrese, Hjelmslev, ecc. erano considerati maestri della comunicazione, della semiologia e della linguistica. Dopo la ‘riforma’ Gelmini, gli spot di questo tipo non troveranno alcuna voce critica nell’opinione pubblica, ma ci vorrà ancora qualche anno, lasciateci morire con calma, almeno questo.
Suggeriamo di fare qualcosa di divertente: prendete lo spot e ridoppiatelo. Fate dire al nero che il nucleare è pericoloso. E mi raccomando al timbro della voce. Quando avete finito il vostro montaggio, mettetelo su youtube e datecene notizia. Siate creativi.

fonte

Condividi su Facebook

16 commenti:

Anonimo ha detto...

Io son contro il nucleare per motivi ovvi... ma dopo aver visto lo spot sinceramente mi è sembrato A una stronzata B ininfluente sulla mia opinione.

juliette7 ha detto...

quando sono stata a londra sono rimasta piacevolmente sorpresa da una serie di cartelloni pubblicitari dell'economist che si potevano vedere in tutta la città...questo è solo un esempio, ma se cercate ne troverete molti sugli argomenti più disparati: http://www.inteloquent.com/2010/10/08/the-economist-where-do-you-stand-scientists/

Anonimo ha detto...

io è da molti anni che sono convinto che il nucleare sia sicuro...
con centinaia e centinaia di centrali nucleari al mondo (di cui buona parte costruite negli anni '80 e '90) quanti casi di incidenti si sono sentiti?! e sulle centrali di ultima generazione?! guardate se francia, germania, gran bretagna e via dicendo ci sono davanti economicamente è anche perchè hanno molte più fonti di energia riguardo a noi, e una tra tutte e l'energia elettrica prodotto in gran parte da centrale nucleari...
finiamola, il nucleare non è assolutamente pericoloso se usato con criterio!!!

Anonimo ha detto...

Secondo me c'è un ulteriore elemento che colpisce lo spettatore dello spot in maniera subdola: quando "l'antinuclearista" esprime la sua opinione l'armonia nella musica di sottofondo viene rotta, spezzata, si sente infatti una nota che stona.

Anonimo ha detto...

Francia e USA hanno interrotto la programmazione di nuove centrali nucleari. Si tengono quelle che hanno ma non ne fanno altre. Oggi è ormai chiaro che i costi reali sono molto più alti di altre fonti, considerando i costi di dismissione e bonifica delle centrali e di corretto stoccaggio delle scorie.
In Italia abbiamo stuoli di 50enni frustrati per la loro inutile laurea in ingegneria nucleare. Mi spiace ma non possiamo permettergli di lanciare fumo negli occhi degli italiani per i loro sogni di rivincita.

Anonimo ha detto...

Comunque se copiate un articolo per favore mantenete i link che vi sono contenuti e citate la fonte come di dovere.

Anonimo ha detto...

mi sembra che il personaggio contrario al nucleare abbia i capelli leggermente meno pettinati di quello pro-nucleare: evidentemente questo turba il telespettatore facendolo propendere per la tesi nuclearista!!!!

ma insomma vi rendete conto delle argomentazioni con cui avvalorate la vostra tesi difronte all'antitrust???Ma quante risate si faranno!!!???

luca

sioux0906 ha detto...

http://www.youtube.com/watch?v=DiX1h4qI7DE
questa penso sia una versione più equa di quella che trasmettono in tv ;)

Anonimo ha detto...

ma io non capisco quelli che dicono di essere favorevoli al nucleare...il nucleare potra anche essere sicuro, ma le scorie da esso prodotte poi dove ve le mettete??!! e poi i favorevoli sono inoltre poco informati, perche non sanno che esistono tantissime forme di energia pulita che non ci creerebbero alcun problema e che grazie alle tecnologie che possediamo potrebbero soddisfare tranquillamente il mondo intero...ma naturalmente tuto cio è tenuto nascosto perche è antieconomico...SVEGLIATEVI!!!

Anonimo ha detto...

va bhe che se la mettiamo cosi' allora lo stesso frame pubblicato come foto di quest'articolo ricorda un fungo atomico quindi incosciamente ti fa sentire insicuro e propende verso l'ipotesi ANTInucleare..

Anonimo ha detto...

Anche questo deve essere compreso nei costi del nucleare:

http://www.nocensura.com/2010/12/gravissimo-incidente-nucleare-in-africa.html

Anonimo ha detto...

capisco, capisco... come tutti gli spot di questo mondo.. ma rimango sempre a favore del nucleare . Ragazzi inutile invidiare poi la Germania, Francia e altri stati.
In ogni scelta ci sono pro e contro, invito a tutti a ragionarci un po' di più e possibilmente.. anche se siete contro ci siete mai chiesti quali sono i lati positivi di questa ipotetica manovra?

priamo ha detto...

Il nucleare è già un fallimento facendo un accurato calcolo economico, la balla di ridurre le emissioni di Co2 con il nucleare è addirittura ridicola, non è sicuro
e si portano tesi tipo tanto ci sono centrali in Francia Germania Svizzera ecce ecce allora perchè costruirne altre.
lo spot è uno spot pubblicitario tendenzioso e chiaramente fatto su misura per il classico elettore medio/cliente, nessuna novità, si gestiscono opinioni e idee come vendere spazzolini da denti.
ITALANO medio sveglia......

gio ha detto...

avevo intuito qualcosa, certo che avete tirato fuori dei dettagli davvero interessanti, siete davvero geniali ;)

Anonimo ha detto...

Dalcarbone e dal petrolio non abbiamo imparato niente?
Chi è favorevole al nucleare ci costruisca di fianco l'asilo per i suoi figli, che abiteranno vicino al centro di stoccaggio.
Come si può nel 2012 essere tanto ciechi di fronte alle immense alternative!!Speriamo bene....

Anonimo ha detto...

sono due le pubblicità che girano.. in una l'antinuclearista è il bianco, nell'altra è il nero...

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

In quale IDEOLOGIA ti riconosci di più?

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi