Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

venerdì 3 dicembre 2010


Dopo la condanna per omicidio volontario, l’assassino del tifoso laziale decide di far finta di non aver capito perché

In questo Paese non c’e’ verita’ …nessuno vuole dire la verita’. I morti sono santi”. E’ lo sfogo del poliziotto Luigi Spaccarotella, condannato in appello a 9 anni e 4 mesi di carcere per l’omicidio volontario del tifoso laziale Gabriele Sandri. In un’intervista a ‘Oggi‘ – di cui il sito www.oggi.it diffonde alcune anticipazioni e una registrazioni audio – il poliziotto dichiara tutto il suo sconforto e la sua rabbia. “Sono un padre di famiglia, ma di me e dei miei figli non importa niente a nessuno”, sostiene Spaccarotella in un’affermazione che pare piuttosto senza senso: fosse anche poligamo e l’uomo più fertile dell’universo, questo non lo autorizzerebbe a mettere in pericolo le vite altrui in modo inutile.

LA RICOSTRUZIONE
“Adesso so che non rientrero’ piu’ in polizia – aggiunge – So che sono stato abbandonato da tutti anche da chi credevo amico … sono scomodo, hanno paura di aiutarmi, di schierarsi con un perdente, con chi e’ stato giudicato ancora prima della sentenza. Questa sentenza era gia’ scritta … sono stato condannato quel giorno, al casello di Arezzo”, dice ancora Spaccarotella, inanellando una serie di assurdità una dopo l’altra. Che non rientri in polizia un condannato per omicidio è una semplice questione di civiltà. Se c’è qualcuno che non è stato condannato ad Arezzo è proprio lui, anzi: quando ancora non erano uscite le circostanze dell’evento c’era già chi giustificava o scusava quanto accaduto prendendosela con “i tifosi”, gli “ultras” e così via, confondendo quanto accaduto dopo con quello che è successo ad Arezzo. Che, secondo i difensori di Spaccarotella era qualcosa di puramente accidentale: all’agente era partito un colpo mentre correva dopo averne sparato un altro in aria per fermare un’automobile che scappava dopo una rissa tra tifosi laziali e juventini in autogrill. Secondo cinque testimoni che assistevano alla scena, le cose non sono andate così:


«Vidi il poliziotto cercare la mira per cinque secondi a braccia tese, poi esplose il colpo verso l’ auto in movimento», fu la deposizione più robusta, quella di Keiko Korihoshi, guida turistica giapponese.


Più robusta perché altre vennero contestate nel corso del dibattimento per motivi risibili, come che uno dei testimoni era tifoso della stessa squadra del morto. Al giapponese non potevano mettere le bandierine della Lazio, eppure il giudice di primo grado non lo considerò credibile. Quello di secondo, gentilmente, ha riportato la logica nei tribunali. E adesso Spaccarotella ha anche il coraggio di lamentarsene.

ALTRE AMENITA’
Spaccarotella sostiene di avere accanto la moglie, la sorella e i genitori. Nessun altro. Teme l’arresto (“Non so neanche dove dormiro’ stanotte. O se domani dormiro’ a casa”) e nutre timori anche per la propria incolumita’.E’ strano che abbia paura di essere arrestato, visto che un poliziotto dovrebbe sapere che in mancanza di decisioni avverse sul punto – che non sembrano nell’aria – e visto che lui di giorni in carcere non ne ha ancora fatti, mentre altri, meno fortunati di lui, ne fanno pur risultando poi innocenti in primo o secondo grado. Ma la fine dell’intervento di Spaccarotella è particolarmente interessante: “Anche in questi mesi, sono stato un poliziotto comunque, sempre – conclude -: lo scorso agosto, mentre ero fuori col cane, un ragazzo di colore ha cercato di forzare il lucchetto di un’edicola. Sono intervenuto, lui aveva un coltello …io ho chiamato il 113? e l’ho messo in fuga”. Eh, bravo, forse ha finalmente capito che non era il caso di mettersi a sparare ad altezza d’uomo in mezzo alla strada. Se l’avesse capito prima, un ragazzo di vent’anni che dormiva in auto mentre i suoi amici facevano i teppisti oggi sarebbe ancora vivo.


Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi