Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

mercoledì 15 dicembre 2010

Ecco come titolano le principali testate estere sulla crisi politica italiana.
“Berlusconi sopravvive al voto di sfiducia” titola il del Financial Times che poi precisa come “un’esigua maggioranza mostra la debolezza della sua presa sul potere”. Per il Wall Street Journal “Berlusconi sopravvive al voto di fiducia” ma “vede la sua capacità di governare impedita in un momento in cui l’Europa affronta difficoltà finanziarie”.
Per El Pais, il quotidiano spagnolo da sempre poco tenero col premier, “l’esigua maggioranza gli impedirà di legislare con comodità” aggiungendo, con riferimento agli scontri di Roma che “la sfiducia è nelle strade”.
“Malgrado questa vittoria” scrive invece il francese Le Monde, “il futuro della coalizione di centrodestra resta incerto a causa della sua maggioranza molto stretta, che complicherà l’adozione delle riforme”.
“Con una maggioranza sul filo del rasoio, Berlusconi non ha più margine per governare” spiega il New York Times. “Mentre il caos politico non è affatto nuovo per l’Italia, stavolta la posta è molto più alta perché i mercati sono concentrati intensamente sul debito dell’Italia e la sua bassa crescita”.
Per il Washington Post, Berlusconi potrà continuare a dominare la vita politica del paese ma con una stretta maggioranza.
Infine, Liberation scrive “Il Caimano salva la pelle” aggiungendo che ora deve fare i conti con le “manifestazioni di studenti in tutto il paese contro il governo”:


Condividi su Facebook

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Basta leggere :i mercati sono concentrati intensamente sul debito dell’Italia e la sua bassa crescita”.

In Italia non la sentiremo mai dire questa cosa.Anche dopo che saremo falliti probabilmente.

vitariello ha detto...

Ma diciamo la verità le TV italiane sono sotto controllo da un uomo che è anche il capo del governo,ma secondo voi,e mai possibile che si butti acqua bollente addosso da solo?La situazione grave che attraversa il paese noi la sentiamo benissimo,e siamo consapevoli delle balle che gli escono dalla bocca,spero che siamo così intelligenti da toglierci dall'imbarazzo verso i paesi esteri quando sarà il momento delle votazioni.E rispondo all'anonimo sopra,ma ti sei accorto di quante famiglie siano fallite attualmente,che non arrivano alla fine del mese,e il nostro Pres in barba alle nostre difficoltà si concede il lusso di spendere migliaia di euro per andare a puttane.Un detto antico recita:chi è sazio non capisce chi si muore di fame.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi