venerdì 17 dicembre 2010

La macchina del fango contro Scilipoti

Da quando Domenico Scilipoti ha ipotizzato di dare il proprio sostegno, la macchina mediatica si è scatenata contro di lui, che fino al giorno precedente era uno sconosciuto "onorevole" qualsiasi, degno di rispetto.

Carta stampata, siti web, social network: la "caccia al traditore" è iniziata. Persino sul profilo Facebook privato, gli "amici" (o ex amici) si sfogano contro di lui, arrivando ad offenderlo.

Con questo, non vogliamo prendere le sue difese: ma evidenziare come funzionino le cose, sia a sinistra che a destra: fino a due settimane fa, Domenico Scilipoti era un bravo uomo da candidare, da mandare in parlamento a rappresentare i cittadini. Oggi è un farabutto, indebitato, con sette case pignorate e problemi da risolvere, e una casa in comproprietà con persone legate in qualche modo alla mafia....

Redazione nocensura.com

Condividi su Facebook
Anonimo ha detto...

SCILIPOTI – URGE PIU’ CAUTELA E GIUSTIZIA PER IL CITTADINO ONESTO
Roma, 17/12/2010. “Se la qualità e la fondatezza della documentazione che si sta usando contro di me è della stessa fattura, della stessa qualità e della stessa fondatezza di quella che negli ultimi 18 anni è stata utilizzata contro persone che se ne sono ammalate, o che sono state diffamate, o che si sono suicidate, siamo di fronte a persone o consorterie che, utilizzando una sequenza studiata di notizie parziali, incomplete, se non del tutto false, voluttuosamente inducono, attraverso un processo mediatico, il pubblico a trarre conclusioni fuorviate e distorte.”
On. Domenico Scilipoti

Nome

Email *

Messaggio *