Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta esteri governo economia editoriale scandali fatti e misfatti salute diritti civili mass media giustizia ambiente sanità USA crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi libertà forze dell'ordine scienza censura lavoro cultura berlusconi infanzia animali chiesa centro energia internet mafie riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO notizie europa carceri satira scuola eurocrati immigrazione facebook banche euro grillo renzi manipolazione mediatica pensione bilderberg mondo alimentari signoraggio razzismo manifestazione finanza sovranità monetaria massoneria debito pubblico guerra travaglio Russia disoccupazione tasse militari poteri forti UE ucraina trilaterale geoingegneria germania parentopoli Grecia siria banchieri mario monti inquinamento enrico letta marijuana vaccini big pharma napolitano nwo obama Traditori al governo? agricoltura ogm Angela Merkel austerity sondaggio tecnologia bambini canapa cancro meritocrazia umberto veronesi vaticano armi fini suicidi BCE PD equitalia terrorismo clinica degli orrori privacy video nucleare prodi boston israele ministero della salute sovranità nazionale bancarotta eurogendfor fondatori del sito globalizzazione iene monsanto staminali INPS Putin droga acqua bufala marra matrimoni gay nigel farage nikola tesla politica anatocismo elezioni evasione fisco magdi allam moneta pedofilia troika usura FBI africa francia fukushima informatitalia.blogspot.it ricchi società Aspen Institute Auriti CIA Giappone adam kadmon attentati autismo bavaglio costituzione draghi federico aldrovandi fiscal compact fmi giuseppe uva golpe lega nord nsa petrolio sicilia stamina foundation terremoto Cina Onu assad controinformazione crimea frutta giovanardi goldman sachs imposimato mcdonald mes psichiatria rifiuti rockfeller rothschild sciopero servizi segreti slot machine spagna svendita terra torture turchia violenza Marco Della Luna aldo moro arsenico barnard bonino edward snowden famiglie fed forconi inciucio laura boldrini m5s magistratura nato no muos no tav palestina proteste storia suicidio università vegan virus 11 settembre 9 dicembre Fornero Ilva Muos NASA Svizzera Unione Europea aids alan friedman alimentazione antonio maria rinaldi borghezio carne chernobyl corruzione corte europea diritti uomo delocalizzazione diffamazione disabili ebola educazione elites esercito farmaci gesuiti gheddafi giuliano amato hiv illeciti bancari illuminati india influencer informazione iraq islam islanda latte legge elettorale marò microspia mmt paola musu precariato prelievi forzoso privilegi propaganda prostituzione radioattività salvini sardegna sigaretta elettronica sigonella sindacati sovranità individuale spread stati uniti stefano cucchi taranto ungheria veleni verdura Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL aborto aborto forzato affidamento alluvione amato anonymous anoressia argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio brevetto btp by cambiamento camorra cannabis capitalismo carabinieri casaleggio cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione contestazione controllo mentale corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani davide vannoni dell'utri denaro dentista dentisti denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dittatura dogana domenico scilipoti donne dossier duilio poggiolini ebook egitto elettrosmog eroina eurexit europarlamento fallimento false flag fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giustizia sociale gold hollande ignazio marino ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie maratona mariano ferro marine le pen mario draghi mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra mossad multe musica natura nuovo ordine mondiale obbligazioni ocse oligarchi omofobia oppt orban overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia ricerca riformiamo le banche rigore riserva aurea risveglio coscienze saddam sangue satana schiavi scie chimiche scoperto secessione sert sfratto sisa snowden speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse telefono cellulare teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen trust tsipras twitter universo uranio impoverito uruguay vati vegetariani vessazioni vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

lunedì 6 dicembre 2010

“Basta con i blog, sono solo pieni d’insulti” titolava, in prima pagina “il Giornale” del 4 gennaio 2009 al quale, il 15 dicembre del 2009, facevano eco le parole del presidente del Senato Renato Schifani, secondo il quale “Facebook è  più pericoloso dei gruppuscoli degli anni Settanta” [le annotazioni sono di Alessandro Gilioli e Arturo di Corinto ne "I nemici della Rete", ndr].

Nelle stesse ore, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Gianni Letta, sconfessando e sbugiardando gli annunci e le promesse fatte sino a qualche istante prima dal ministro Brunetta e dall’allora vice-ministro alle comunicazioni Paolo Romani, annunciava – con l’aria dello statista che guarda lontano e frena l’entusiasmo dei miopi – che il programmato (forse, ndr) investimento di 800 milioni di euro per la diffusione della banda larga nel nostro Paese sarebbe stato preso in considerazione solo dopo l’uscita del Paese dalla crisi (chissà come e chissà quando, ndr) perché al momento vi erano altre priorità.

Nei giorni scorsi il ministro Paolo Romani, che ha frattanto fatto carriera, ha comunicato, quasi si attendesse un’ovazione, che l’Italia “farà la Bulgaria digitale“: ottima notizia, se l’impegno fosse a condizioni di reciprocità e la Bulgaria si fosse, contestualmente, impegnata a fare l’Italia digitale.

Sin qui, per stare agli annunci ed ai proclami.

Lo scenario non cambia e, anzi, peggiora se si prova a porre mente alla pioggia di iniziative legislative attraverso le quali per ignoranza, tecnofobia o volontà di supportare l’oligopolio dei vecchi media del pensiero unico, negli ultimi anni, si è tentato e rischiato, a più riprese, di limitare, burocratizzare o impedire l’accesso alla Rete ed il suo utilizzo da parte dei cittadini, senza mai preoccuparsi di promuoverlo.

L’emendamento D’Alia attraverso il quale si sarebbe voluto riconoscere al ministro dell’Interno il potere di ordinare l’oscuramento di interi siti internet, il ddl intercettazioni con il quale si è, tra l’altro, minacciato di imporre all’intera blogosfera l’obbligo di rettifica, che avrebbe probabilmente comportato la chiusura di decine di migliaia di voci libere dell’informazione diffusa italiana o, piuttosto,  il ddl Pecorella con il quale il senatore ed ex avvocato del premier, suggerisce addirittura di estendere a tutti i gestori di siti internet gli obblighi previsti dalla vecchia legge sulla stampa, ivi inclusi quelli relativi agli adempimenti burocratici ed allo speciale regime di responsabilità, costituiscono solo qualche esempio dell’approccio, almeno disincentivante, della politica italiana all’accesso alla Rete.

Questo elenco potrebbe proseguire ancora per bit e bit ma, per chiuderlo, basterà ricordare l’ormai famigerato decreto Pisanu, del quale, nonostante gli annunci propagandistici del ministro Maroni, non riusciamo ancora a liberarci, e attraverso il quale, in nome di fantomatiche esigenze antiterroristiche – non dimostrate né dimostrabili – si è limitato e ristretto per anni il diritto dei cittadini italiani di accedere a Internet in modalità wifi.

È in questo contesto storico e politico, che non può e non deve essere dimenticato, che si colloca larecente proposta di Stefano Rodotà di inserire nella nostra Carta Costituzionale un articolo 21-bis ai sensi del quale “Tutti hanno eguale diritto di accedere alla Rete Internet, in condizione di parità, con modalità tecnologicamente adeguate e che rimuovano ogni ostacolo di ordine economico e sociale”.

Internet diritto costituzionale per tutti i cittadini italiani non è come qualcuno ha voluto affrettatamente concludere uno spot o un’operazione promozionale ma, piuttosto, un’aspirazione, un’ambizione, un obiettivo concreto per un Paese nel quale la Rete potrebbe rappresentare la prima grande opportunità di liberare i cittadini dal giogo del tele-comando e, invece – o forse proprio per questo – continua ad essere trattata da Cenerentola, brutto anatroccolo del sistema mediatico ed è tenuta nell’ombra, frenata nella sua diffusione e, ove possibile, bollata come nemico da combattere.

Il diritto di accesso a Internet – al di là di ogni sofismo – è una libertà fondamentale il cui esercizio èstrumento per l’esercizio di altri diritti e libertà costituzionali: non solo la libertà di manifestazione del pensiero di cui all’art. 21 ma anche il diritto al “pieno sviluppo della persona umana” e “all’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese” di cui all’art. 3 della Costituzione, o piuttosto la libertà di impresa di cui all’art. 41.

Oggi, nel secolo della Rete, nella società dell’informazione o, se si preferisce, nell’era dell’accesso come la definisce Jeremy Rifkin, non avere accesso a Internet, significa vedersi precluso l’esercizio della più parte dei diritti di cittadinanza.

In molti, all’indomani dell’annuncio della proposta di Stefano Rodotà, hanno sollevato dubbi e perplessità sulla sua utilità e opportunità, rilevando come il diritto di accesso a Internet dovrebbe intendersi già presente nella nostra costituzione o, piuttosto, come Internet sia solo uno strumento “contigente” destinato ad essere superato dai tempi e dalla tecnologia e, per questo, non meritevole di essere inserito addirittura nella nostra Costituzione.

Sono dubbi legittimi e, forse, in una dimensione “accademica e speculativa”, persino condivisibili, ma si sgretolano o dovrebbero sgretolarsi, se solo si pone mente alle peculiarità della stagione socio-economica e politica che il nostro Paese sta attraversando. Le leggi non sono principi filosofici o teoremi astratti avulsi dallo spazio e dal tempo ma, rispondono – o dovrebbero rispondere – alle esigenze ed ai problemi  della comunità che attraverso esse si intendono governare, garantendo ai cittadini i diritti e le libertà dei quali si avverte maggiore bisogno o che si ritengono più a rischio.

Se la nostra carta costituzionale, solo per fare un esempio, non fosse stata scritta nel 1948, in un Paese nel quale l’informazione su carta aveva subito e sofferto la censura fascista, probabilmente, lastampa avrebbe avuto nell’art. 21, assai minor rilievo o, magari, non l’avrebbe avuto affatto perché, in fondo, si trattava “solo” di uno strumento “contigente”, anch’essa destinata ad essere superata dai tempi e dalla tecnologia, proprio come oggi si dice di Internet.

L’Italia ha più bisogno di internet che la più parte dei Paesi occidentali perché in Italia l’informazione è meno libera è più dipendente da pochi grandi centri di potere economico-politico che altrove. L’accesso alla Rete, in Italia può rappresentare una straordinaria opportunità per restituire ai cittadini il governo del Paese. Internet, nel 2010, significa – o può significare –democrazia elettronica, promozione della cultura, del sapere e della creatività ma anche nuove opportunità di lavoro e di fare impresa per giovani e meno giovani.

Chiedere il riconoscimento del diritto di accesso a Internet come diritto costituzionale significa, quindi, chiedere, con formula sintetica, il riconoscimento di tutti i diritti e le libertà dicittadinanza digitale. La proposta di Stefano Rodotà rappresenta una grande occasione di aprire un dibattito ampio e diffuso sul tema della cittadinanza digitale nel XXI secolo e soprattutto per chiedere, finalmente, che lo Stato si faccia carico di guardare alla Rete in una logica di promozione dell’informazione, della cultura, della creatività, della concorrenza e del diritto di tutti i cittadini a vedere, finalmente, attuate tutte le proprie libertà fondamentali


Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi