Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

domenica 5 dicembre 2010

Un vaso di Pandora pronto ad aprirsi non appena qualcosa dovesse succedere al fondatore di Wikileaks. Una storia che assomiglia sempre di più ad un film di spionaggio.

Insurance.aes256. questo nome potrebbe non dirvi nulla, ma è ciò che protegge Julian Assange dalla sorte peggiore. Si tratta di un documento che, potrebbe contenere files compromettenti su Guantanamo, BP e Bank of America, e il fondatore di WikiLeaks che al momento si nasconde in un luogo sicuro del Regno Unito, potrebbe decidere di usarlo in caso estremo . Il documento, scaricato da migliaia di sostenitori del sito (nonche’ da diversi media internazionali), e’ protetto da un’impenetrabile password. Niente e nessuno lo puo’ dunque aprire. L’idea pero’ e’ semplice: dovessero succedere qualcosa di davvero grave al sito o al suo fondatore la ‘chiave’ verrebbe immediatamente diffusa nel web – provocando l’immediata apertura del vaso di Pandora versione 2.0.

IL GIORNO DEL GIUDIZIO
Secondo Ben Laurie, esperta di computer che in passato ha svolto consulenze per WikiLeaks, “Julian e’ un tipo sveglio e questa e’ una tattica interessante” cpme racconta al Sunday Times. “Cosi’ facendo spera di aver trovato un deterrente”. Il file – soprannominato dalla stampa britannica ‘Giorno del Giudizio’ – pesa 1,4 gigabytes. Ovvero abbastanza da comprendere una versione compressa di tutto cio’ che WikiLeaks ha rilasciato quest’anno. I documenti contenuti sarebbero poi ‘non-editati”.

SENZA FILTRO
Quindi si tratterebbe veramente di un evento epocale: una loro diffusione potrebbe quindi porre rischi ulteriori visto che nomi e cognomi sarebbero del tutto leggibili. A nulla, fino ad ora, sono poi serviti gli sforzi del ministero della Difesa americano di forzare la serratura del Giorno del Giudizio. ‘Qui non si tratta di un trucco che puo’ essere svelato attraverso un computer’, ha detto Nigel Smart, professore di crittografia alla Bristol University. Nemmeno usando potentissimi processori militari. ‘Ci vuole la chiave’, ha tagliato corto Smart.

COME IN UN FILM
“Nell’arco di un lungo periodo”,  ha fatto sapere Assange, “abbiamo distribuito via internet copie criptate del materiale che dobbiamo ancora pubblicare. Tutto quello che dobbiamo fare e’ distribuire la chiave e i documenti si apriranno all’istante’. Insomma, una versione aggiornata al XXI secolo del tradizionale ’se mi dovesse succedere qualcosa una busta marrone verra’ consegnata al New York Times’. In questo caso, infatti, i files sono gia’ nei pc del New York Times. O del Guardian. O di migliaia di privati cittadini sparsi per il mondo che sostengono attivamente l’organizzazione di Assange.

Condividi su Facebook

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Mitico Assange, cosi li tieni in scacco tutti...mitico!!

Anonimo ha detto...

si certo con tutti i geni dell'informatica e gli hacker di tutto il mondo le spie e chi ne ha piu ne metta non so riusciti a trovare la sua fantomatica password ma fatemi il piacere ...

Anonimo ha detto...

Beh, l'aes256, se non vado errato, e' un algoritmo per crittografia; se si sceglie una password sufficientemente lunga decriptare il documento crittografato con tale algoritmo diventa praticamente impossibile ....

Anonimo ha detto...

...oltre alla psw i geni dell'informatica non sono riusciti a chiudere un sito web ne a far saltare un paio di server... ma stiamo scherzando!? C'è stata gente (Hacker)che si è intrufolata nei server più blindati, e adesso non riescono a far saltare un server? Ma ci prendono tutti in giro con questa cosa...

Anonimo ha detto...

il fatto che altri non riescano ad aprire un documento criptato...è più che probabile. siete abituati male con i film...che tutto si possa aprire!
scendete un pò sulla terra. altra cosa interessante è il fattore chiusura o non chiusura dei server: chiuderlo ora non farebbe altro che alimentare la curiosità e quindi scatenare uno sciame di curiosi in cerca di ulteriori fonti che magari trovano anche altra roba non ancora nota.
lasciare un server aperto (dove ormai tutti hanno letto tutto) fa si che si dia un contentino al mondo...in modo da tenerli lontani da altre ricerche. infatti quanti di voi pensano la stessa cosa??
un po' di sana astuzia!!!

Anonimo ha detto...

" .. e rimetti a noi i nostri debiti,
come noi li rimettiamo ai nostri debitori .. "

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi