Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

lunedì 27 dicembre 2010
È stato autorizzato in Russia il trapianto di cellule pancreatiche suine in un uomo. Lo scopo? Combattere il diabete

Per la prima volta uno xenotrapianto – vale a dire il trapianto nell'essere umano di cellule provenienti da un'altra specie animale – è stato approvato per la commercializzazione. Secondo quanto riferisce il New Scientist, il via libera è arrivato dalla Russia, e riguarda il trasferimento di cellule di suino produttrici di insulina nel pancreas umano per il trattamento del diabete di tipo 1. E proprio in Italia di recente è stato eseguito, sempre per combattere il diabete, il primo trapianto robotizzato di pancreas.


Questa particolare forma di xenotrapianto è stata sviluppata in Nuova Zelanda da Living Cell Technologies (Lct), un'azienda specializzata. Le cellule del maiale sono state rivestite di alghe marine: la presenza di alginati – sali che derivano dalle pareti cellulari di alcuni tipi di alghe – serve infatti a evitare che il sistema immunitario attacchi le cellule estranee.

Il trattamento prevede l'innesto, per via chirurgica, delle cellule dell'animale specializzate nella produzione di insulina all'interno del pancreas. Nel diabete di tipo 1, la produzione di questo ormone è compromessa dalla distruzione delle cellule ß: ne soffre circa il 10% delle persone diabetiche, spesso a partire dall'infanzia o dall'adolescenza. Poiché l'insulina è fondamentale per il controllo dei livelli di glucosio nel sangue, queste persone hanno bisogno di iniezioni di insulina ogni giorno.

In Russia, la sperimentazione è partita tre anni fa, quando otto pazienti affetti da diabete di tipo 1 hanno cominciato il trattamento, in parallelo all'iniezione quotidiana di insulina. Dopo un anno, sei hanno mostrato un miglioramento del controllo del livello di glucosio, per cui hanno potuto diminuire la dose giornaliera dell'ormone. Tra questi, due hanno cessato del tutto le iniezioni per otto mesi. Una persona ha lasciato il trial clinico, mentre un'altra non ha mostrato segni di miglioramento. Secondo Lct, il fatto potrebbe essere dovuto all'insorgenza di problemi nell'inserimento delle cellule nel pancreas.


fonte

  • maiali

    maiali

    maiali

Per la prima volta uno xenotrapianto – vale a dire il trapianto nell'essere umano di cellule provenienti da un'altra specie animale – è stato approvato per la commercializzazione. Secondo quanto riferisce il New Scientist, il via libera è arrivato dalla Russia, e riguarda il trasferimento di cellule di suino produttrici di insulina nel pancreas umano per il trattamento del diabete di tipo 1. E proprio in Italia di recente è stato eseguito, sempre per combattere il diabete, il primo trapianto robotizzato di pancreas.

Questa particolare forma di xenotrapianto è stata sviluppata in Nuova Zelanda da Living Cell Technologies (Lct), un'azienda specializzata. Le cellule del maiale sono state rivestite di alghe marine: la presenza di alginati – sali che derivano dalle pareti cellulari di alcuni tipi di alghe – serve infatti a evitare che il sistema immunitario attacchi le cellule estranee.

Il trattamento prevede l'innesto, per via chirurgica, delle cellule dell'animale specializzate nella produzione di insulina all'interno del pancreas. Nel diabete di tipo 1, la produzione di questo ormone è compromessa dalla distruzione delle cellule ß: ne soffre circa il 10% delle persone diabetiche, spesso a partire dall'infanzia o dall'adolescenza. Poiché l'insulina è fondamentale per il controllo dei livelli di glucosio nel sangue, queste persone hanno bisogno di iniezioni di insulina ogni giorno.

In Russia, la sperimentazione è partita tre anni fa, quando otto pazienti affetti da diabete di tipo 1 hanno cominciato il trattamento, in parallelo all'iniezione quotidiana di insulina. Dopo un anno, sei hanno mostrato un miglioramento del controllo del livello di glucosio, per cui hanno potuto diminuire la dose giornaliera dell'ormone. Tra questi, due hanno cessato del tutto le iniezioni per otto mesi. Una persona ha lasciato il trial clinico, mentre un'altra non ha mostrato segni di miglioramento. Secondo Lct, il fatto potrebbe essere dovuto all'insorgenza di problemi nell'inserimento delle cellule nel pancreas.

Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi