Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

sabato 11 dicembre 2010

Marconi ideò un raggio che fermava i mezzi a motore. Mussolini lo voleva, il Vaticano lo bloccò. Da quelle ricerche altri scienziati crearono l’alternativa a petrolio e nucleare. Nel 1999 l’invenzione stava per essere messa sul mercato, ma poi tutto fu insabbiato.


L’energia pulita tanto auspicata dal presidente Obama dopo il disastro ambientale del Golfo del Messico forse esiste già da un pezzo, ma qualcuno la tiene nascosta per inconfessabili interessi economici. Ma non solo. Negli anni Settanta, infatti, un gruppo di scienziati italiani ne avrebbe scoperto il segreto, ma questa nuova e stupefacente tecnologia, che di fatto cambierebbe l’economia mondiale archiviando per sempre i rischi del petrolio e del nucleare, sarebbe stata volutamente occultata nella cassaforte di una misteriosa fondazione religiosa con sede nel Liechtenstein, dove si troverebbe tuttora. Sembra davvero la trama di un giallo internazionale l’incredibile storia che si nasconde dietro quella che, senza alcun dubbio, si potrebbe definire la scoperta epocale per eccellenza, e cioè la produzione di energia pulita senza alcuna emissione di radiazioni dannose. In altre parole, la realizzazione di un macchinario in grado di dissolvere la materia, intendendo con questa definizione qualunque tipo di sostanza fisica, producendo solo ed esclusivamente calore.

LEGGI TUTTO - dal sito del giornalista Rino Di Stefano

Condividi su Facebook

6 commenti:

Anonimo ha detto...

VEDI NIKOLAS TESLA.......

MaX ha detto...

...ma nell'era di Internet, in cui l'informazione è condivisa al tempo di un click, stiamo ancora dietro ai segreti di Stato e ai gialli internazionali?!?

Francesca ha detto...

Appunto ... l'invenzione è di Tesla non di Marconi!
Anche dopo anni e anni dalla sua morte si vuole per forza attribuire a Marconi quello che era di Tesla ... solo perchè Marconi era italiano?!
Lo hanno già preso per il culo con la radio .... gli onori vanno resi a chi se lo merita, non al primo che ci viene in mente!!!!

Anonimo ha detto...

ciao!ritengo che sia molto interessante l'articolo ma ho due domande da fare
1.cosa ci guadagna il vaticano o qualunque associazione a delinquete con il pretesto di essere un'associazione cristiana?
2.potresti raccogliere altre informazioni?

Anonimo ha detto...

l'invenzione era di tesla..
Meglio conosciuta come "raggio della morte"
Tesla e' stato assassinato per le sue scoperte,e i suoi appunti sono stati tutti "presi in prestito" dall'FBI dalla camera d'albergo dove e' stato trovato morto tesla.
da allora si e' persa ogni traccia,anche se non e' difficile immaginare chi li conserva e per quale motivo.

Anonimo ha detto...

http://www.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F%2Fwww.youtube.com%2F&h=38c5e
non fu Guglielmo Marconi a inventare il raggio della morte, ma un giovane fisico siciliano chiamato Domenico Rizzo.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi