*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

lunedì 6 dicembre 2010

Gli "eurocrati" di Bruxells si aumentano gli stipendi


Mentre l’Europa impone drastici piani di austerità, gli eurocrati si aumentano gli stipendi!


E’ una vittoria imbarazzante per Bruxelles. In un momento in cui la Commissione mette a stecchetto gli Stati, questo mercoledì la Corte di giustizia europea ha dato ragione ai funzionari UE che difendevano il loro diritto ad un aumento del 3,7% dei salari. Una rivalutazione difficile da digerire per i Ventisette, che volevano ridurre questo aumento della metà “per tener conto della crisi.”



Nella sua sentenza, la Corte ha dichiarato che il Consiglio (che riunisce i 27) “non aveva alcun margine di discrezionalità” per modificare la remunerazione dei 45.000 dipendenti pubblici in tempi di crisi. In realtà la loro retribuzione è rivalorizzata automaticamente ogni anno, e solo la Commissione può far valere una clausola di esenzione nei casi di “grave e improvviso peggioramento della situazione economica e sociale”. Cosa che non corrisponde alla situazione attuale, secondo l’esecutivo Ue. “Non possiamo dire che è una crisi improvvisa,” ha detto Michael Mann, un portavoce della Commissione. “E ‘una crisi che dura da anni. A nostro avviso, la clausola non è applicabile “.

Giuridicamente, la decisione non è una sorpresa; già nel 1972 una disputa simile era stata risolta a favore dei funzionari. Ma il tempismo è disastroso, perché la decisione cade nel giorno di uno storico sciopero generale contro l’austerità in Portogallo, e la presentazione di un drastico piano di austerità da parte dell’Irlanda.

Con un po’ di imbarazzo, la Commissione spiega che gli aumenti sono calcolati in base alle modifiche degli stipendi dei dipendenti pubblici in otto paesi, e che il giro di vite attuale si ripercuoterà a livello europeo con un certo ritardo. Si ricorda poi che i funzionari versano anch’essi un contributo per la crisi. Ma queste spiegazioni non passano, dato il confortevole livello dei redditi (da 2.300 a € 16.000 lordi escluse le indennità), anche se è vero che i livelli contrattuali meno ben trattati sono sempre più numerosi.

La questione rischia di inasprire il braccio di ferro sul bilancio comunitario tra il Parlamento europeo e i 27, che vogliono mettere un tetto agli aumenti di spesa al 2,9%. Il bilancio 2011 è attualmente bloccato; per uscire dall’impasse, la Commissione dovrà presentare un nuovo piano nei prossimi giorni.

fonte

Condividi su Facebook

Nome

Email *

Messaggio *