Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

martedì 21 dicembre 2010
Alcuni Sindaci stanno emanando ordinanze per multare chi -doverosamente- si adegua alla sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo in cui e' stata sancita la rimozione dei crocifissi dalle aule scolastiche. Indipendentemente dal merito di detta sentenza, queste ordinanze costituiscono una chiara violazione della legge su cui dicono di basarsi. Il cosiddetto 'pacchetto sicurezza' (che nel 2008 ha modificato il Testo Unico delle leggi sugli ordinamenti enti locali - T.U.EE.LL.) consente al Sindaco, in veste di Ufficiale del Governo, di adottare provvedimenti anche contingibili ed urgenti, ma solo "al fine di prevenire e di eliminare gravi pericoli che minacciano l'incolumità pubblica e la sicurezza urbana". A noi non sembra che l'ordine di esposizione o di non rimozione di un simbolo religioso da un edificio -pubblico o privato che sia- si possa ritenere a tutela dell’incolumità pubblica e della sicurezza urbana; di conseguenza tali ordinanze sarebbero viziate da incompetenza.

Per questo l'Aduc, rappresentata dall'avv. Osvaldo Pettene, ha già impugnato una ordinanza del genere emanata dal Sindaco del Comune di San Bonifacio (Verona).
Invitiamo tutti i cittadini che hanno a cuore lo Stato di diritto a fare altrettanto.
Se il vostro Comune ha emanato una simile ordinanza, e' sufficiente compilare il modulo che linkiamo qui sotto e inviarlo per raccomandata a/r al Prefetto competente per territorio e al proprio Sindaco entro 30 giorni dall'emanazione dell'ordinanza. A ciascun ricorso è necessario allegare copia dell'ordinanza impugnata e un bollo di Euro 14,62.
Vi chiediamo anche di inviare una copia per conoscenza all'Aduc.

Qui il modulo per fare ricorso.


Fonte

Condividi su Facebook

3 commenti:

claudio ha detto...

...una domanda, ma da quando il crocifisso appeso in classe da fastidio?! o se mai a chi da fastidio?!...perche' io non sono cattolico, ma a me vederlo non turba, come all'estero non mi turba vedere le stelle di davide e le mezzelune o le scritte coraniche!!!...in Italia il crocifisso c'e' sempre stato e quindi come status quo, ci va lasciato!!!!!!!!!...la corte Europea ha sancito?!, ma io prima che europeo sono ITALIANO e se l'europa sta diventando un monnezzaio multiculturale dove gli europei stanno diventando la minoranza ... bhe un perche' c'e' ... eccolo!!!!!!!!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

Claudio sono in piena sintonia con le tue parole. Aggiungo solo ke secondo me, invece di perdere tempo e soldi in queste pietose battaglie da finti cavalieri, sarebbe necessario attivarsi per difendere dei veri diritti, quelli necessari per una dignitosa sopravvivenza.

Anonimo ha detto...

Lo stato è laico, negli edifici pubblici non ci devono essere simboli religiosi quindi, via i simboli religiosi dalle scuole pubbliche. Fastidio o non fastidio mi sembra abbastanza semplice come ragionamento.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi