Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

domenica 28 novembre 2010


E' successo oggi pomeriggio nel "civilissimo" Nord Est d'Italia: ero sull'autobus n° 8 che dalla Stazione Centrale di Gorizia porta al Parco Basaglia e ad un certo punto in via Vittorio Veneto, all'altezza della Caritas, ho visto fermi alla fermata due signori.
Lei, la moglie, e lui, il marito presumo, in carrozzina. Stavano aspettando di salire sull'autobus per raggiungere l'ospedale.
L'autista ha capito subito la situazione e una volta fermato il mezzo e' subito sceso per vedere cosa si poteva fare. In un primo momento si e' limitato a dire qualcosa come "Signora, purtroppo la pedana automatica non funziona". Poi, resosi conto che in qualche modo la situazione andava risolta ha telefonato in "centrale" per avere istruzioni su come procedere.
Dalla centrale gli hanno risposto che non potevano fare nulla e che il signore andava fatto salire "a mano".
E' cosi' che, infine, io e l'autista abbiamo caricato "a forza" la carrozzina con l'uomo in difficolta' e siamo riusciti a ripartire.
Non sono disposto a pensare che queste cose siano "normali".
Non a Gorizia, non nel profondo Nord Est della "Lega" dove quando siamo al bar a bere un aperitivo ci piace molto fare i paragoni con il Sud dell'Italia.
Per questo pretendo delle risposte dall'amministrazione comunale e dall'Azienda per i trasporti isontina.
Pretendo che le pedane per i disabili vengano sistemate e che funzionino sempre all'occorrenza.
Pretendo che il fatto che queste pedane funzionino rientri tra le cose che noi cittadini consideriamo "scontate".
E lo pretendo per continuare a credere che da qualche parte, almeno, possa esistere una Italia migliore.
Ci tengo a precisare che l'autista dell'autobus ha fatto tutto quello che poteva per sopperire alle mancanze dell'azienda per la quale lavora.


3 commenti:

Anonimo ha detto...

Dico solo questo: ho un locale pubblico di nuova apertura. L'ASL mi ha richiesto un bagno appositamente a norma per il disabile (180 x 180 come minimo, wc e lavabo a misura di carrozzina), ma quando io ho chiesto come ovviare ai 4 scalini che erano presenti per entrare nel locale mi è stato detto "Beh, qualcuno lo aiuterà ad entrare oppure passerà dalla porta sul retro!!!". Non aggiungo altro, se non che ho fatto fare sull'ingresso principale, una rampa in ferro in modo che CHIUNQUE possa accedere. Anche questa è la nostra italia del 2000.

Anonimo ha detto...

Un encomio per il tuo gesto d'aiuto. Non è encomiabile, invece, il paragone nord/sud che fai.

Anonimo ha detto...

Bhè, l'unica cosa che posso dire è che sia a Reggio Calabria che a Gorizia abbiamo gli stessi modelli di autobus. Perciò è inutile paragonare il nord al sud.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi